2021
Razor

Il gaming è una delle funzioni offerte dallo smartphone, non una categoria di prodotti. Lo abbiamo ripetuto più volte su queste pagine e abbiamo dedicato alla dissertazione un lungo approfondimento che trovate in questa pagina: https://igizmo.it/smartphone-gaming-linvenzione-di-una-categoria-che-non-esiste/ Nello stesso articolo abbiamo tracciato l’identikit dello smartphone ideale per il gamer più esigente:

  • ampio display (almeno 6″);
  • Soc non più vecchio di due generazioni (per intengerci dallo Snapdragon 855 in avanti o equivalente);
  • sistema di dissipazione del calore prodotto dal processore (i modelli che abbiamo scelto sono dotati di camera di vapore e dissipazione passiva);
  • almeno 6 GB di Ram, meglio se ad alta velocità di tipo Lpddr5;
  • storage di almeno 128 GB meglio se Ufs 3.1 per ottenere la migliore efficienza di trasferimento dei dati;
  • batteria di almeno 4.500 mAH;
  • ricarica rapida, indispensabile per tenere sempre carico il dispositivo mentre si gioca o per tornare al 100% in pochi minuti;
  • connettività almeno 4G/Lte, preferibilmente 5G per ridurre i tempi di caricamento in mobilità; la compatibilità con Wi-Fi6 (a patto di avere il router domestico dotato di questo protocollo) è un plus.

Ebbene, nell’ambito dei numerosi annunci che già hanno costellato questo 2021, abbiamo scelto sette modelli rappresentativi per brand e per dotazione, puntando anche a una varietà di prezzo, che possono adattarsi al meglio nell’ambito gaming. Il gaming è una funzione, dunque definire il segmento “smartphone gaming” è tautologico tanto quanto dire “smartphone per le chiamate” o “smartphone per i social”. Il gaming è una delle funzioni e qualsiasi modello premium o flagship ha la dotazione più che adeguata a supportare qualsiasi gioco.

Anche perché, è bene ricordarsi, che la fonte dei titoli è pur sempre Google Play per Android e App Store per iOS. Quest’ultimo, anche in virtù della piattaforma Arcade (a pagamento), più avanzato e maturo, soprattutto perché può trarre beneficio da una piattaforma di sviluppo e da un hardware molto più omogeneo e coerente rispetto alla varietà di Android.

Ciò produce le condizioni per avere giochi elaborati sia a livello grafico sia a livello di gameplay. Se la coerenza è il punto di forza di iOS, l’elevata compatibilità è quello di Android. Solo chela dotazione di titoli è strettamente legata alla disponibilità su Google Play. E sono principalmente giochi “no brain” oppure casual, o ancora che ripetono schemi già visti e conosciuti per proporre passatempi. Tutte app che possono girare tranquillamente su smartphone di fascia media.

I top di gamma subentrano quando si vuole operare al massimo della risoluzione e definzione grafica con una manciata di titoli che si rifanno o sono ereditati dal mondo pc e console. Ebbene, per ottenere le massime prestazioni, ecco i modelli che abbiamo individuato:

Le cui caratteristiche tecniche sono qui riassunte:

Il fulcro tecnologico per quanto riguarda il gaming è rappresentato dal processore e dalla dotazione hardware, dunque ecco nel dettaglio i processori impiegati nei modelli “top” scelti per questa comparativa a confronto con i Soc che saranno presi in esame per comparare i benchmark.

Smartphone gaming: i benchmark

Una volta definiti i contendenti, abbiamo provveduto alla sessione di test con i benchmark Geekbench 5 e Antutu, che misurano rispettivamente le potenzialità di elaborazione grafica e dei core e l’efficacia con l’ambito multimediale e i giochi. Ecco i dati “grezzi” ottenuti dalle misurazioni. In arancione la media delle piattaforme con cui confrontiamo i sette “top gamer”.

Elaborando i dati di Antutu, si ottiene la seguente classifica: a lunghezza di barra maggiore, corrispondono prestazioni superiori.

Sommando invece i dati di Geekbench (single core, multi core e compute – grafica) si ottiene la seguente classifica: la lunghezza della barra è direttamente proporzionale all’incremento di prestazioni.

Miglior smartphone gaming qualità/prezzo

Infine, abbiamo sommato in modo ponderato i due dati ottenendo la presente classifica complessiva, ordinata in modo decrescente a partire dallo smartphone con i punteggi più alti.

Questi dati vanno poi mitigati con il prezzo, che vi riassumiamo qui di seguito, perché possiate fare la scelta migliore in base alla vostra disponibilità di investimento avendo ben presente le prestazioni (qui sopra) potenziali che potrete ottenere: