microsoft
pioneerdj

Il tema dominante della presentazione di Microsoft relativamente al nuovo Windows 11 è il “sentirsi come a casa”. Fin dal principio dello streaming online, nel quale la società di Redmond ha svelato l’attesa nuova release del sistema operativo, arrivando alla chiusura affidata a Satya Nadella, ceo di Microsoft, il concetto è stato quello di una sorta di restyling e organizzazione per migliorare il comfort e le prestazioni di utilizzo ma senza spiazzare gli utenti. Anzi, lo scopo dichiarato è assimilato a una sorta di trasloco e ristrutturazione della casa per renderla più moderna, più aderente alle nuove esigenze e più personale. Windows 11 cambia tutto ma migliorando tutto: è più semplice, più reattivo, più personalizzabile e più integrato nelle varie funzioni, a partire dallo store fino al gaming e alla comunicazione interpersonale (Teams è ora una funzione nativa).

Le novità in sintesi

  • Microsoft ha modernizzato il design e l’esperienza utente in Windows 11, partendo dal nuovo pulsante Starte dalla barra delle applicazioni fino ad arrivare a ogni suono, carattere e icona. I nuovi layout Snap, i gruppi Snap e i desktop di Windows 11 semplificano il multitasking e l’organizzazione di Windows.
  • La nuova integrazione di Teams direttamente nella barra delle applicazioni permette di connettersi istantaneamente via messaggi, chat, voce o video con chiunque, su Windows, Android e iOS.
  • Windows 11 regala la migliore esperienza di gioco per PC, offrendo Auto HDR, Direct Storage e l’accesso all’app Xbox per giocare ai grandi titoli presenti su Xbox Game Pass. 
  • Widgets è un nuovo feed personalizzato abilitato dall’AI, che consente di visualizzare contenuti su misura direttamente sul proprio desktop. Per gli sviluppatori e gli editori, Widgets apre nuove opportunità all’interno di Windows per offrire contenuti personalizzati. 
  • Il nuovo Microsoft Store rappresenta il punto di accesso unico e affidabile per app e contenuti, creando un ecosistema più aperto per gli sviluppatori e i creator e garantendo un’esperienza più veloce e sicura per i professionisti IT.  

Il menu Start è al centro

Tutto parte dal nuovo menu e dal tasto Start di Windows 11: ora sono posizionati in modo centrale sulla barra delle applicazioni. Questa interfaccia utente è molto simile a quella che già vista su Windows 10X, un progetto originariamente previsto per dispositivi a doppio schermo che Microsoft alla fine ha annullato. Gran parte del lavoro dell’interfaccia utente di Windows 10X è stata presa, migliorata, perfezionata e adattata in Windows 11.

Il nuovo menu Start elimina i Live Tiles originariamente introdotti con Windows 8 e opta per un launcher che, se non fosse per l’elaborazione grafica attuata al fine di sfruttare lo spazio del monitor di un pc, potrebbe tranquillamente essere visualizzato sul tablet o sullo smartphone. La parentela con Chrome OS e Android è esplicita: qualche giorno fa vi abbiamo spiegato perché il personal computer si sta trasformando in uno smartphone gigante, ecco la conferma. Così in questo launcher si trovano app, documenti recenti e un’interfaccia di ricerca separata. Gran parte dell’aspetto centrato è chiaramente influenzato dai trend di macOS e Chrome OS, ma Windows 11 include anche gli angoli arrotondati che abbiamo visto sia in Android che in iOS.

In Windows 11 è tutta una questione di accorgimenti. O, come dice Panos Panay, a capo del progetto Windows, “il nostro team è ossessionato da ogni dettaglio”. Il nuovo sistema operativo includerà anche le modalità scure e chiare in versione aggiornata per assumere una spetto migliore, più curato ed elegante rispetto al mero sfondo nero o bianco di Windows 10.

In termini di usabilità, nella presentazione ci ha colpito la funzione denominata “Snap Layout” che permette di organizzare e agganciare le app suddividendo lo schermo in diverse modalità. Geniale per ordinare le finestre in modo rapido e indolore. La cosa interessante è che il layout è preservato anche quando si usa un pc che supporta la modalità tablet (i Surface di Microsoft, per esempio), perché sistema la visuale in accordo con l’orientamento del display. Di più: Windows 11 ricorderà anche dove sono sistemate le app grazie al Snap Group. Mentre i desktop virtuali ora sono davvero ambienti separati, ciascuno con un ambito, una personalizzazione e una versione delle app aperta e operativa ad hoc.

Sembra un modo utile per supportare più monitor e assicurarsi che le app si aprano sempre sullo schermo corretto. Ciò è particolarmente interessante quando si usa un notebook collegato a un monitor o un desktop tradizionale con più display.

Windows 11: estetica e concretezza

Anche le prestazioni sono al centro dell’attenzione per Windows 11. Gli aggiornamenti di Windows sono meno impegnativi; Microsoft stima che saranno più “piccoli” del 40% e più efficienti in quanto avvengono in background. Si spera che ciò significhi che Windows 11 non inizi a imporre l’applicazione dell’update nel bel mezzo del lavoro.

Microsoft ha integrando Teams direttamente in Windows 11: si trova nella barra delle applicazioni e consente agli utenti di chiamare amici, familiari o colleghi indipendentemente dal dispositivo e dal sistema operativo su cui è presente Teams. Alla resa dei conti è la perfetta via di mezzo tra Skype e WhatsApp.

Anche i widget di Windows e i gesti su touchscreen sono una parte importante di Windows 11. Widget è di fatto un pannello (“una lastra di vetro semi-trasparente”, è stata descritta) che integra un feed personalizzato di informazioni, notizie, documenti e contenuti basato sull’intelligenza artificiale e sulle abitudini e le necessità dell’utente. Scorre dal lato sinistro di Windows 11 e si può anche renderlo a schermo intero. I widget integrati includono un feed di notizie, meteo e mappe. È interessante notare che questi widget includono anche quello che consente di dare la mancia ai creator direttamente da Windows 11.

Microsoft sta anche migliorando i gesti che dedicati ai tablet e ai touchscreen. Invece di passare alla modalità tablet, Windows 11 si adatta semplicemente al contesto pur mantenendo le modalità di interazione con le finestre, i menu e gli oggetti su schermo in modo omogeneo allo schema mouse+tastiera. Insieme a questo ci sono miglioramenti all’input penna e alla digitazione vocale. Con alcuni stilo, Windows 11 supporterà anche il feedback tattile.

Il lato gaming di Windows 11

Xbox è una parte importante di Microsoft e, non a caso, Windows 11 avvicina ulteriormente la distanza tra pc e console e porta sul computer alcune delle funzioni tipiche della Xbox. Su tutte spicca Auto HDR, la funzionalità varata in Xbox Series X / S che è ora parte integrante di Windows 11. L’abilitazione dell’Auto HDR aggiungerà High Dynamic Range (HDR) a un gran numero di giochi DirectX 11 e DirectX 12, purché si disponga di un monitor HDR compatibile.

Microsoft promette anche miglioramenti della velocità e delle prestazioni per Windows 11. DirectStorage farà parte di Windows 11, una grande novità di Xbox Series X / S. DirectStorage richiederà le ultime unità NVMe per accelerare i tempi di caricamento del gioco su Windows 11 e il gioco gli sviluppatori dovranno abilitare questa tecnologia per aumentare ulteriormente i tempi di caricamento.

Xbox Game Pass viene integrato anche in Windows 11, grazie a una nuova app Xbox che l’azienda sta testando da mesi. Ciò include anche xCloud integrato in questa app Xbox, quindi si potrà anche eseguire lo streaming di giochi dal cloud di Microsoft.

Infine, una delle parti più grandi di Windows 11 è il nuovo store. È stato riprogettato e supporterà tutta una serie di app che in genere non erano disponibili nell’app store di Windows. Ciò include app di Adobe Creative Suite e app Android tra cui TikTok e Instagram.

Gli sviluppatori possono utilizzare le proprie piattaforme per le app a pagamento stringendo con Microsoft contratti particolarmente vantaggiosi: nessuna share; i developer possono usare metodi di pagamento indipendenti da quelli messi a disposizione dalla società di Redmond. Spiega ancora Satya Nadella: “Windows è sempre stato sinonimo di massima libertà per i creatori”. Anche per questo sono stati migliorati gli strumenti di sviluppo e perfezionate le Api a disposizione. Il dettaglio su questo argomento è ospitato in questo minisito.

Compatibile con tutti i pc e perfezionato con Arm

Spiega Panos Panay nel blog ufficiale di Microsoft: “Fin dal primo giorno dello sviluppo di Windows 11, abbiamo lavorato a stretto contatto con i nostri partner hardware e silicio per una perfetta integrazione tra software e hardware. Tale co-ingegneria inizia con l’innovazione nel silicio. Da Amd e l’incredibile profondità grafica offerta dai processori Ryzen alle eccezionali prestazioni dei processori Intel di 11a generazione ed Evo, all’abilità AI di Qualcomm, al 5G e al supporto Arm, l’innovazione dei nostri partner di silicio riunisce il meglio di Windows 11 con il più grande ecosistema hardware nel mondo. E con Dell, HP, Lenovo, Samsung, Surface e altri, abbiamo lavorato per garantire che la maggior parte dei pc che puoi acquistare oggi sia pronta per Windows 11 in una varietà di fattori di forma e fasce di prezzo”.

Questa è una garanzia vergata dal capo di Windows in persona che la release 11 sarà perfettamente compatibile con i computer attuali e potrà anche contare su una migliore ottimizzazione con Arm. Non solo, sarà anche compatibile con le app Android che si troveranno nello store.

Conclude Panay: “Windows 11 sarà disponibile tramite un aggiornamento gratuito per i pc Windows 10 idonei e sui nuovi modelli. Per verificare se il computer con Windows 10 è idoneo per l’aggiornamento gratuito a Windows 11, visita Windows.com per scaricare l’app PC Health Check. Stiamo anche lavorando con i nostri partner per assicurarci che i PC Windows 10 acquistati oggi siano pronti per l’aggiornamento a Windows 11. L’aggiornamento gratuito inizierà a essere implementato sui PC Windows 10 idonei già durante l’estate e proseguirà nel 2022. E la prossima settimana, inizieremo a condividere una prima build di Windows 11 con il programma Windows Insider: questa è una community appassionata di fan di Windows il cui feedback è importante per noi”.