Microsoft annuncia Surface Go, il più piccolo e leggero Surface da 459 euro

Microsoft_Surfacego1

Microsoft annuncia il nuovo Surface Go, il 2:1 più piccolo, leggero e conveniente della famiglia Surface che coniuga la mobilità di un tablet con le prestazioni di un laptop.

Surface Go racchiude il massimo della performance in un 10’’ di soli 8,3 mm di spessore e 522 grammi. A partire da un prezzo suggerito di 459 euro (la versione con 4GB di RAM e 64GB di memoria eMMC ), Surface Go rappresenta il nuovo entry point della famiglia Surface, mantenendo le massime prestazioni che la caratterizzano.

Il nuovo membro della famiglia Surface integra un PixelSense Display personalizzato e ad alta risoluzione con un rapporto 3:2 e una fotocamera compatibile con Windows Hello. La nuova Surface Go Signature Type Cover (130 euro extra), specificatamente progettata per Surface Go, e il supporto a Surface Pen (115 euro extra), con 4.096 livelli di sensibilità alla pressione, garantiscono la migliore esperienza di digitazione, scrittura e disegno. Inoltre, Surface Go integra tutte le porte necessarie, come Surface Connect, USB-C 3.1, un jack per le cuffie e un MicroSD card reader, e prevede l’utilizzo del Surface Mobile Mouse (40 euro extra).

Surface Go offre la migliore combinazione di performance e versatilità, design e funzionalità, per rispondere a uno stile di vita sempre più dinamico. Grazie al processore Gold Intel Pentium 4415Y di settima generazione (2 core, 2 MB di cache, 1,60 GHz) che offre fino a 9 ore di autonomia, al sistema operativo Windows 10 S (con passaggio gratuito alla versione standard di Windows) e alla possibilità di utilizzare le app del pacchetto Office, gli utenti potranno godere della massima produttività ovunque si trovino, a casa, in ufficio o a scuola, e persino lungo il tragitto.

A questo link e presso i Partner autorizzati Surface Commercial, sarà possibile effettuare il pre-order a partire dal 10 Luglio con disponibilità il 28 Agosto.

Maggiori informazioni sono disponibili nel blog post dedicato a questo link.

Per commentare questo articolo e altri contenuti di igizmo.it, visita la nostra pagina Facebook o il nostro feed Twitter.