pioneerdj
apple

Alle 19, ora italiana di oggi Apple presenterà i nuovi prodotti. Come da tradizione ci si attendono i nuovi iPhone ma la società di Cupertino potrebbe avere preparato un evento più allargato, che comprenda anche i wearable e altri prodotti che popolano l’ecosistema di iOS e macOS. Ma c’è di più: i nuovi modelli di iPhone e Apple Watch, che con tutta probabilità presenteranno aggiornamenti marginali e incrementali rispetto all’attuale gamma, avranno un ruolo cruciale per gli operatori telefonici. Avranno il compito di attirare e convincere sempre più utenti verso la connettività 5G, a renderla lo standard di riferimento e così dare la stura, dal punto di vista tecnologico e di mercato, necessaria perché si massifichi l’adozione della nuova infrastruttura. Con tutto il portato di miglioramento delle prestazioni, della copertura e dei servizi connessi.

L’evento di Apple è trasmesso in diretta direttamente dal sito dell’azienda in questa pagina: https://www.apple.com/it/apple-events/. L’anno scorso Tim Cook ha slegato l’evento dedicato al Watch 6 (a settembre) e quello dell’iPhone 12 (a ottobre). Lo smartphone non solo rinnovava l’estetica della generazione 11, ne sistemava anche alcuni aspetti e, soprattutto, portava al debutto del 5G in iOS. Quest’anno, gli analisti si aspettano modesti aggiornamenti hardware e una maggiore attenzione al 5G.

In particolare, è probabile che gli operatori telefonici che hanno costruito e ampliato in modo significativo le loro reti dall’inizio di quest’anno offrano nuovi incentivi per passare ai dispositivi di nuova generazione che possono sfruttare le velocità più elevate che queste reti possono offrire. In modo particolare se questi dispositivi offrono innovazioni percepite dagli utenti come necessarie per passare a un nuovo smartphone.

Il più grande evento di prodotto dell’anno per Apple arriva in un momento particolare per l’azienda della Mela morsicata, stretta da una parte dalle vicende giudiziarie legate all’App Store e alle forzose modifiche nella politica di gestione centralizzata. E stretta dall’altra da vicissitudini un po’ strane, come l’allerta sui possibili danni alle ottiche degli iPhone derivanti dalle vibrazioni dei motori delle moto. Senza dimenticare il tema prepotente della tutela della privacy degli utenti, emerso tanto dal virus Pegasus (capace di “leggere” la memoria dei device) quanto dal sistema centralizzato per la prevenzione della pedo-pornografia e degli abusi che avrebbe dovuto eseguire la scansione dei contenuti sincronizzati in iCloud. Sistema rimandato a data da destinarsi.

Eppure, Apple sta vivendo un periodo dorato: le azioni sono aumentate di circa il 15,6% da inizio anno, che ha sospinto il Nasdaq Composite Index (aumentato del 19% nello stesso periodo).

L’iPhone 13, così come gli analisti si aspettano che si chiami il nuovo telefono, probabilmente non sembrerà molto diverso all’esterno dall’iPhone 12. Ma gli analisti si aspettano che abbia un Wi-Fi e un processore più veloci, una connettività addirittura satellitare per sopperire alla mancanza di rete telefonica tradizionale e, secondo Bloomberg, un display più definito e una fotocamera con una rinnovata modalità ritratto ancora più “professionale” e precisa.

Gli analisti ritengono inoltre che Apple continuerà gli aggiornamenti costanti al suo Apple Watch, che è diventato una pietra miliare del suo segmento di accessori che vale 30,6 miliardi di dollari (è aumentato del 25% nell’ultimo anno fiscale di Apple anche se le entrate dell’iPhone sono leggermente diminuite). Gli analisti credono ampiamente che gli utenti Apple siano propensi ad acquistare più prodotti dell’azienda: non solo iPhone ma anche Watch e AirPods. Questo dimostra la fedeltà di questi consumatori e potrebbe portare l’azienda a rinnovare l’intera gamma di wearable e, come conseguenza, anche le app e i servizi.

Il nuovo Watch potrebbe ereditare dall’iPhone il design squadrato della cassa, come avevamo anticipato in questo approfondimento. Dal punto di vista delle funzioni non dovrebbero esserci stravolgimenti rispetto all’attuale Watch 6, tuttavia Apple potrebbe concentrarsi maggiormente sul lato fitness con l’orologio, che è strettamente abbinato ad Apple Fitness+, un servizio a pagamento che offre allenamenti guidati con istruttori Apple. E che negli Stati Uniti ha fatto la differenza in termini di vendite degli smartwatch per lo sport e il wellness.