TIM Fibra 200Mbit: aggiornamento Marzo 2018

301

L’offerta pubblicizzata da TIM a Dicembre 2017 costa in fattura 24,90e+3,90e (modem) ma le telefonate si pagano 19cent alla risposta e al minuto. Rimane incerto il costo aggiuntivo di 5E dopo un anno per mantenere la velocità piena.

Aggiornamento Marzo 2018, trovate l’articolo originale a questo link.
L’Antitrust sanziona TIM per la pubblicità sulla fibra a questo link.

A quattro mesi dall’installazione della Fibra 200Mbit la prima fattura ha confermato alcuni costi dell’offerta, altri si sono rivelati differenti e fra un mese aumenta causa passaggio alla fatturazione mensile.

La multa antitrust per la confusione sulle connessioni FTTcab è probabilmente eccessiva, bastava semplicemente proibire l’uso del termine fibra quando la fibra non arriva in casa dell’utente. La Fibra FTTcab200 è in effetti una connessione VDSL 200Mbit, e così va venduta.
La fibra non deve connettersi, è sempre connessa, non cade mai e non varia la velocità, anche se la mia connessione Fastweb lo scorso anno andava a 10Mbit e la nuova VDSL va a 170/200Mbit. Il modem TIM soffre delle stesse problematiche degli ADSL, infatti ad ogni accensione e periodicamente negozia con il cabinet la velocità ottimale massima con un rapporto segnale rumore superiore a 6db. Oggi il modem si è stabilizzato a 170MHz invece dei 200Mhz massimi. L’indirizzo IP è dinamico e cambia ad ogni accensione, spesso anche geograficamente per decine di chilometri, cosa che manda in allarme Gmail che blocca gli account via POP e obbliga ad autenticarsi via Web.

L’opzione extra da 5€ per mantenere la stessa velocità iniziale dopo un anno è sicuramente dovuta per la fibra vera da 1 Gigabit. Per le FTTcab le configurazioni del modem sono 30/50/100/200Mbit, quindi non solo non si sa se si dovrà pagare dopo un anno, ma nemmeno a quale velocità scenderebbe la connessione. Impossibile dare torto all’Antitrust su questo punto. Le chiamate al 187 sono inutili e l’esempio di Vodafone, che fa pagare 5E dopo un anno a tutti, non rende ottimisti.

Il telefono non è gratis come invece sosteneva il 187. Prima di usarlo fate una telefonata di qualche minuto ad un cellulare e aspettate la fattura successiva per vedere i dettagli dei costi. Come riportava il sito ai tempi dell’offerta ogni chiamata costa 19cent alla risposta e 19cent al minuto, un vero affare. Meglio staccare per sempre il telefono.

Il modem costa 3,90€ al mese (187€ totali, una bella cifra).
La prima fattura arriva via posta e costa 2€, ricordatevi di andare sul sito TIM per passare alla spedizione gratuita elettronica.
Anche la domiciliazione bancaria va fatta sul sito, controllando l’avvenuto inserimento dell’IBAN dopo circa 15 giorni, cosa che poteva fare il negozio che aveva chiesto i dati della banca.
Per il passaggio dalla fatturazione a 4 settimane a quella mensile l’ultima fattura avvisa che il costo annuale resterà invariato e sul sito hanno messo un simpatico calcolatore che aggiunge un 8%.