kaspersky
Wiko

Dovreste considerare la sicurezza dei vostri dispositivi personali altrettanto importante quanto quella di voi stessi. Non stiamo esagerando, lo conferma anche Kaspersky. Anzi, partite dal presupposto che all’interno dello smartphone fluisce gran parte della vostra vita personale e lavorativa sotto forma di foto, password e token di accesso a siti riservati, home banking, documenti, carte di credito e app di vario genere e natura (dalla gestione del patrimonio personale all’assicurazione fino alla previdenza e alle buste paga).

Ecco, questa breve lista è sufficiente a descrivere la criticità delle informazioni affidate e salvate sullo smartphone e a comprendere perché deve essere protetto con strumenti appositi che prevengano tanto le aggressioni da virus e malware esterni, tanto dalla perdita o dall’accesso indesiderato a dati delicati.

Lo strumento che abbiamo scelto per mettere lo scudo allo smartphone (o al tablet) con Android è Kaspersky Internet Security (che trovate con il nome di Kaspersky Mobile Antivirus su Google Play) e può essere utilizzato sia in forma gratuita, sia a pagamento con un investimento più che ragionevole all’anno: 14,99 euro per dispositivo.

Vi consigliamo di sperimentarlo in forma gratuita così da apprezzarne la reattività e il basso impatto sulle performance dello smartphone. Per poi passare al pagamento, attuabile direttamente dall’app anche con PayPay o carta di credito, e sbloccare l’elenco delle feature aggiuntive. Nella tabella qui di seguito riassumiamo le funzioni che si ottengono con il canone annuo: la scansione automatica della memoria, la protezione da attacchi mirati via messaggio anche Sms e la possibilità di nascondere informazioni (chiamate e messaggi) e app con una password.

Per questa rapida guida alla sicurezza ad Android useremo la versione a pagamento per attuare una serie di interventi particolarmente interessanti.

I primi “compiti” da svolgere con Kaspersky

La prima informazione che l’app vi propone è lo stato di protezione del sistema e alcuni compiti da svolgere. Il primo è una scansione della memoria e delle app installate. In una manciata di secondi è completata. Poi ci sono i “compiti” da svolgere per ottenere il semaforo verde e raggiungere il miglior livello di protezione. Nel nostro caso si tratta di attivare la protezione a Internet. Basta fare tap sulla voce per accedere all’opzione da usare (scegliendo invece la X si cancella il “compito” da svolgere ma non vi consigliamo di procedere in questa direzione). Nel nostro caso siamo stati condotti nel pannello di configurazione della protezione Internet che prevede la scansione dei due browser installati: Chrome e Internet Samsung (stiamo usando un Samsung Galaxy S20 FE). Come richiesto nel tasto verde in basso, concedete l’accesso nel pannello Accessibilità nella scheda “Servizi installati”. Infine tornate all’Internet Security e fate tap su Fine. Al termine, il semaforo diventa verde e Internet Security sta funzionando in modo ottimale.

Operazioni di routine

Ci sono due operazioni che vi consigliamo di eseguire con una certa periodicità, nonostante l’app provveda a farle in automatico. La prima è “Scansione”, la seconda “Aggiornamento”. Con la prima forzate Internet Security a controllare i dati presenti in memoria per individuare eventuali anomalia. Con la seconda chiedete all’app di aggiornarsi e aggiornare il database di virus conosciuti al fine di risultare più affidabile.

Se ques’ultima operazione avviene in modo piuttosto veloce (più la connettività è a banda larga, meno tempo richiede), la scansione invece può durare anche diversi minuti qualora si esegua quella completa (la rapida è eseguita in una manciata di secondi). La scansione completa va eseguita almeno una volta alla settimana in base alla quantità di dati “critici” che affidate allo smartphone. Infine, l’ottima app di Kaspersky consente di eseguire scansioni anche sulle “cartelle”, intese come posizioni di memoria: quella interna e la memory card.

Strumenti automatici by Kaspersky

Nella versione a pagamento avete attivato di default la protezione in tempo reale, che effettua una scansione continua e in background delle attività su tutte le risorse del dispositivo mobile al fine di rilevare tracce o comportamenti anomali che possano essere ricondotti a virus, malware e app equivalenti.

Lasciate attivata la funzione che blocca strumenti quali i dialer automatici (che eseguono telefonate o inviano messaggi a vostra insaputa) e adware, ossia pubblicità che in modo “trasparente” vi installano app sconosciute che erodono il credito o, peggio, possono tracciare e individuare dati personali.

Ci sono poi le voci per configurare il comportamento della scansione manuale. In “Protezione in tempo reale” assicuratevi che siano trattati tutti i file; in “Scansione” è importante che sia attivo il tentativo di disinfezione prima di mettere il file sospetto in quarantena (cartella a parte raggiungibile dalla voce Quarantena); infine, in “Aggiornamento” impostate la modalità giornaliera per assicurarvi di avere sempre l’ultimo database disponibile.

Strumenti accessori di Kaspersky

L’app Internet Security dispone di un paio di strumenti accessori tutt’altro che secondari. Come per esempio il “Filtro chiamate” con cui si possono scegliere dalla rubrica del telefono (dopo averne concesso l’accesso secondo quanto chiesto dall’app in fase di configurazione della feature) le cui chiamate saranno bloccate. Questo è utile per impedire le telefonate indesiderate da utenti o da numeri sconosciuti per scopi di telemarketing o altro. I numeri bloccati sono scelti facendo tap sull’icona a forma di “+” e possono essere tolti dall’elenco in qualsiasi momento.

Interessante anche l’antifurto che va attivato espressamente e poi opera in simbiosi con la pagina My Kaspersky (https://my.kaspersky.com/it). L’antifurto sfrutta il Gps per ritrovare lo smartphone smarrito o rubato, per questo la localizzazione deve essere essere sempre attiva. Inoltre, questa funzione richiede l’accesso alla fotocamera, per fotografare la foto dell’utente che si è impossessato dello smartphone, e chiede di impostare una password per impedire che il ladro possa disattivarlo. Non solo, si possono cancellare i dati dello smartphone e impedire che l’app Kaspersky venga disattivata. Tutte funzioni che si comandano da computer in remoto dalla pagina My Kaspersky quando lo smartphone è stato oggetto di attenzione indesiderate da parte di altre persone.

Per accedere a My Kaspersky è necessario usare nome utente e password impostate all’atto dell’acquisto e conseguente registrazione dell’app. Nella pagina troverete la mappa con l’ultima posizione nota dello smartphone e le funzioni descritte sopra, tra cui, come risorsa ultima, il blocco e la totale cancellazione remota. A corollario si prenda questa informazione: eseguite backup periodici, se non giornalieri, del vostro smartphone sfruttando gli strumenti di base di Android. Questo vi garantirà di recuperare i vostri dati, qualsiasi cosa succeda.

Sicurezza totale

Lo scudo verde di Kaspersky si estende a tre altri ambiti. Il primo riguarda l’anti-phishing, cioè il blocco di Sms in entrata che possono condurre a siti e indirizzi esterni a cui corrispondono risorse poco affidabili o che addirittura possono decurtare il credito disponibile. Attivatelo nell’apposita schermata nel menu principale. Sempre in quest’ultimo trovate la funzione App Lock che produce l’elenco delle applicazioni installate e vi consente di scegliere quelle che vanno protette da una password. Basta spostare lo slider per scegliere quelle app che devono rimanere “private”, dunque i cui dati e l’utilizzo debbano accessibili solo al legittimo proprietario dello smartphone previa immissione di password. Questa funzione è utile sia per nascondere le app, sia per impedire l’avvio di quelle più critiche, per esempio l’home banking o che conducono a informazioni strettamente personali.

Altre funzioni di Kaspersky Internet Security

Nella parte alta della schermata dell’app Internet Security si trova il menu che raggruppa tutte le funzioni finora viste e ne propone di altre. Tra cui Secure Connection che vi permette di installare l’app di Kaspkersy per creare una Vpn, ossia una connessione cifrata con un duplice scopo: rendere inaccessibile il traffico dati che transita sulle reti che state usando; permettere l’accesso di servizi preclusi in un Paese ma attivi in un altro.

Attivare la Vpn dal vostro smartphone è fondamentale qualora siate obbligati ad accedere alle Wi-Fi pubbliche per scopi lavorativi o privati. Con la Vpn attiva non sarà possibile decifrare i dati a cui avete acceduto dallo smartphone. Parimenti, se vi trovate all’estero laddove alcuni servizi italiani non sono attivi, con la Vpn potete “simulare” di trovarvi in Italia e non impedire l’accesso a queste risorse.

La Vpn Premium di Kaspersky è a pagamento: è un investimento utile qualora vogliate la massima garanzia che nessuno possa risalire in alcun modo alle vostre comunicazioni dati.

Altre app utili per completare la protezione del vostro smartphone sono Safe Kids e Password Manager. La prima ve la consigliamo per gli smartphone o i tablet Android dedicati agli utenti più piccoli, così da bloccare utilizzi e navigazione che possano risultare pericolose o fastidiose per via dei contenuti “variegati” che si possono trovare in Internet. Password Manager, invece, opera in simbiosi con Total Internet Security per Windows e Mac e consente di creare l’archivio personale di nomi utenti e parole chiave per accedere ai siti e alle risorse personali. Non solo questo database è sincronizzato in automatico tra i dispositivi attraverso la piattaforma My Kaspersky, ma è anche protetto a sua volta da sistema di crittografia per risultare inaccessibile. In pratica, vi semplifica la vita perché non dovrete segnarvi le password su foglietti volanti e in più le avrete a disposizione pronte all’uso sui vostri device personali.

Infine, citiamo Battery Life, sempre per smartphone, che ottimizza l’uso della batteria e individua le app che possono causare anomalie nell’autonomia o nella durata.

Ci teniamo a precisare che tutte le app descritte in questo ultimo paragrafo sono scaricabili e installabili a parte, anche senza Internet Security. Sono strumenti accessibili liberamente, a volte gratuiti, messi a disposizione da Kaspersky senza costi aggiuntivi. Dunque vale la pena quantomeno di provarli.

Kaspersky Vpn: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.kaspersky.secure.connection

Kaspersky Battery Life: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.kaspersky.batterysaver

Kaspersky Password Manager: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.kaspersky.passwordmanager

Kaspersky Safe Kids: https://play.google.com/store/apps/details?id=com.kaspersky.safekids