wearable
pioneerdj

Xiaomi Smart Glasses non sono solo il successore dei Google Glasses, che hanno conosciuto più bassi che alti nel loro percorso commerciale, ma rappresentano anche il rilancio concreto e alla portata di tutti del concetto di occhiali smart per la realtà virtuale e aumentata. Gli Smart Glasses di Xiaomi combinano un sistema di imaging e sensori in un design sottile e tradizionale, come fossero dei classici occhiali ma costruiti con un’ottica composta da micro Led. Il peso è di 51 grammi e sulle lenti appaiono messaggi, notifiche, chiamate, indicazioni di navigazione, traduzioni di testo e funzioni fotografiche. Il tutto a portata di occhio.

Per abbinare alla forma degli occhiali ordinari una serie di funzioni interattive, Xiaomi ha superato una serie di limiti relativi all’imaging e alla miniaturizzazione dei componenti interni. Xiaomi Smart Glasses adotta il micro Led per ridurre al massimo la complessità strutturale, oltre a tenere sotto controllo il peso del wearable.

Così i micro Led seguono lo schema di illuminazione degli Oled, ossia che ogni pixel è illuminato in modo individuale: la sua proprietà emissiva consente display più luminosi e neri più profondi. Ma i micro Led in più possono raggiungere una densità di pixel più elevata degli Oled e, stando a Xiaomi, assicurano una durata di vita più lunga pur avendo una struttura più semplice. Ciò consente un display più compatto e una più facile integrazione dello schermo. Anche perché, lo ricordiamo, insieme alle lenti si trovano questi pannelli micro Led.

Xiaomi Smart Glasses si affida al chip di controllo del display che misura solo 2,4×2,02 mm. Al microscopio, il display ha all’incirca le dimensioni di un chicco di riso, con singoli pixel di 4 μm, che consentono al display di adattarsi perfettamente alla cornice degli occhiali. Per consentire un sufficiente passaggio della luce attraverso le complicate strutture ottiche, con il fine ultimo di raggiungere l’occhio affinché siano visibili le informazioni anche nei casi in cui la lente sia raggiunta dalla luce diretta del sole, Xiaomi ha optato per una soluzione di visualizzazione monocromatica ultra efficiente. Secondo le stime del brand, questa architettura è in grado di raggiungere una luminosità di picco di 2 milioni di nit.

Altra soluzione interessante di Xiaomi è l’adozione della tecnologia di gestione a guida d’onda ottica (waveguide) che rifrange le luci a 180°. In questo modo il display micro Led trasmette con precisione i raggi di luce all’occhio umano attraverso la struttura a reticolo microscopico della lente, per l’appunto con gestione a guida d’onda ottica.

La struttura a reticolo incisa sulla superficie interna della lente consente di rifrangere la luce in un modo unico, dirigendola in modo preciso verso l’occhio. Il processo di rifrazione comporta il “rimbalzo” dei raggi di luce innumerevoli volte, consentendo all’organo umano di vedere un’immagine completa e aumentando notevolmente l’usabilità mentre si indossano gli occhiali. 

Tutto questo è eseguito all’interno di una singola lente, invece di utilizzare complicati sistemi di lenti multiple, specchi o mezzi specchi come invece hanno scelto altri prodotti. La tecnologia a guida d’onda ottica riduce significativamente le dimensioni e il peso del dispositivo e consente agli occhiali smart di avvicinarsi al fattore di forma degli occhiali tradizionali.

Non è un secondo display per smartphone ma un wearable indipendente

Xiaomi Smart Glasses integra un totale di 497 componenti tra sensori in miniatura e moduli di comunicazione, quindi non è solo un “secondo schermo” per lo smartphone, ma funziona invece come un nuovo dispositivo intelligente con capacità operativa indipendente e che si connette in modo ecosistemico ai device personali esistenti. 

Oltre alla notifica di base, alla visualizzazione delle chiamate, e così via, può anche completare in modo indipendente funzioni come navigare, scattare foto, notifiche, traduzioni di testo e foto in tempo reale. Considerando l’utilizzo, è stata implementata anche una logica dedicata a ridurre al minimo le interruzioni nei momenti inopportuni e visualizzare le informazioni importanti tempestivamente quando è necessario.

Per Xiaomi si è trattato di costruire una logica di interazione che “non disturbi l’uso ordinario, ma mostri le informazioni chiave in modo tempestivo”. Dopo molte discussioni approfondite all’interno dell’azienda, si legge che “sono stati finalmente confermati diversi scenari chiave tra cui ‘notifica chiave’, ‘chiamata telefonica’, ‘navigazione’ e ‘traduzione di foto'”. Tutte affidate all’intelligenza artificiale XiaoAi AI Assistant come metodo di interazione principale. In questo modo gli Xiaomi Smart Glasses possono “visualizzare le informazioni più importanti nel momento in cui servono”.

Per esempio, nel caso delle “Notifiche” è inappropriato visualizzare tutte quelle che arrivano sullo smartphone in progressione davanti agli occhi. Pertanto, Xiaomi Smart Glasses seleziona e invia i messaggi più importanti, come gli allarmi della casa intelligente, le informazioni urgenti dalle app dell’ufficio e i messaggi dai contatti importanti e così via. Il tutto per evitare di disturbare eccessivamente gli utenti.

La “chiamata telefonica” è lo scenario di utilizzo più naturale per gli occhiali smart perché consente di visualizzare il numero del chiamante. Utilizzando il microfono e l’altoparlante a doppio beamforming integrati, entrambe le parti possono ascoltarsi chiaramente.

La “navigazione” è utile negli scenari di guida e in bicicletta. Gli Xiaomi Smart Glasses possono presentare strade e mappe in tempo reale “appoggiate” sul mondo reale così che si possa seguire il percorso in modo sicuro e senza distrazioni.

La fotocamera da 5 Mpixel posta sulla parte anteriore degli occhiali può anche scattare foto e tradurre il testo in foto, il che è molto comodo quando si viaggia. Utilizzando il microfono integrato e l’algoritmo di traduzione proprietario, Xiaomi Smart Glasses è in grado di trascrivere l’audio in testo con traduzioni in tempo reale. L’indicatore luminoso accanto alla fotocamera si accende quando la fotocamera è in uso per indicare che si stanno scattando immagini.

Per ottenere questo alto livello di funzionalità, Xiaomi ha dotato gli Smart Glasses di processore Arm quad core, batteria, touch pad, connettività Wi-Fi/Bluetooth e sistema operativo Android e altro. Se si considera che il device pesa solo 51 grammi, si ha la misura del livello di ingegneria costruttiva adottata dal brand. E con una cifra di avvenirismo superiore a quanto visto finora.