IWS21

La Xbox Serie S è pura performance in un design compatto. Proprio per spremere al massimo le doti hardware, gli sviluppatori di giochi non si fanno molti scrupoli e propongono titoli di diverse decine di GB: Forza Horizon 5, tanto per citare un titolo di Microsoft, richiede un’installazione di circa 140 GB a cui si sommano i dati personali generati durante il gioco. Se si dispone, come nel nostro caso, del modello di console da 512 GB, una volta installati i titoli “must” (tra cui Fifa 22, Fortnite e Halo) e le doverose app di streaming, si arriva rapidamente a occupare più del 70% dello spazio disponibile. Che fare? La soluzione è racchiusa nella scatola (totalmente riciclabile) del Game Drive for Xbox (compatibile con Xbox X e S), il disco fisso esterno per la console sviluppato dalla divisione Gaming di Seagate.

Precisiamo subito alcune caratteristiche fondamentali di questa unità di Seagate, che ne inquadrano anche l’ambito d’utilizzo, per poi proporvi il tutorial per collegarla alla Xbox Serie X. Per prima cosa si tratta di un drive basato su un disco fisso tradizionale, non Ssd: è silenzioso e nel modello che stiamo usando per le prove ha capacità di 4 TB. Il prezzo di listino online è pari a 164,99 euro. Alla resa dei conti non è dissimile dai dischi fissi esterni Usb per pc o mac con la sola differenza dell’elevata attenzione alla silenziosità, al design nero con led verde che trae ispirazione dalla console di Microsoft e dall’ottimizzazione per quest’ultima.

Nell’ambito dell’ottimizzazione citiamo anche il tipo di connettore, che è compatibile con lo standard Usb 3.0 Gen 1, con i connettori per l’alimentazione separati da quelli dei dati sul disco fisso. Questo perché si garantisce una maggiore stabilità di funzionamento anche per lunghi periodi e per trasferimenti intensi. Il trasferimento sul Seagate dei giochi (cinque titoli per un totale di oltre 300 GB) ha richiesto non più di dieci minuti; più lento il trasferimento dei titoli dal Seagate Game Drive alla Xbox X per limiti di quest’ultima: Forza Horizon 5 (140 GB circa) ha necessitato di poco meno di sei minuti per essere giocabile.

Sì, questa è un’altra informazione a cui prestare attenzione, perché il disco può essere formattato sia come unità tradizionale (e può essere usato anche per copiare i dati da pc e mac), sia come unità multimediale per Xbox, sulla quale la console memorizza video e immagini, sia come estensione dello storage interno. Quest’ultima opzione richiede una formattazione specifica perché è possibile spostare o copiare interi giochi direttamente sull’unità esterna di Seagate. Attenzione però: solo i giochi “vecchi” possono, in alcuni casi, essere giocati direttamente dall’unità esterna. Il Game Drive non è una “cartuccia” o un Ssd, peraltro disponibili da Seagate, quindi i titoli per Xbox X e S possono essere spostati per fare posto sull’unità integrata nella console, ma devono essere riportati su quest’ultima per continuare a giocare. Di fatto, però, spostandoli si mantiene lo stato di avanzamento senza continuare a occupare spazio interno.

Connessione del Game Drive alla Xbox

Il collegamento del Game Drive di Seagate è del tutto equivalente a quanto avviene su pc e mac. Si collega il cavo in dotazione a una delle porte Usb 3.0 della Xbox S: consigliamo una delle due posteriori. Si rammenti che il terminale del cavo con i connettori sdoppiati è quello a cui va connessa l’unità esterna. Alla fine, dovreste ottenere questa configurazione:

Se tutto è andato a buon fine, e non abbiamo dubbi in merito in quanto è di una semplicità estrema, dovreste vedere illuminarsi il frontale del Game Drive di Seagate come segue:

Configurazione della Xbox S con il Game Drive di Seagate

La luce verde di cui sopra è conferma che tutto sta funzionando alla perfezione. Non a caso sulla schermata del Tv o del monitor a cui avete collegato la Xbox S compare subito la richiesta di inizializzare l’unità disco.

Come già anticipato, ci sono tre opzioni. Si può annullare l’operazione: formattate l’unità con un pc o con un mac, rigorosamente in modalità compatibile con Windows, quindi connettetela per leggere i file. È il caso qualora vogliate usare il Game Drive come unità ibrida, anche per ospitare contenuti vostri.

Inizializzare il drive di Seagate per i contenuti multimediali vi permetterà di leggere e scrivere dati relativi a musica, video e immagini e, al contempo, potrete usarla anche come unità esterna per pc o mac senza interferire.

Infine, scegliendo di formattare il disco si ottimizza il file system affinché possa ospitare fisicamente i giochi e le informazioni della console così da liberare spazio dall’unità integrata. Noi abbiamo scelto quest’ultima opzione. Che si perfeziona con l’assegnare il nome all’unità e attendere che sia attivata in abbinata con quella integrata nella Xbox S. Il tutto si traduce in un’attesa di pochi minuti.

A questo punto, il Game Drive di Seagate può essere usato per copiare o spostare i giochi, ma non solo, dalla memoria interna. Spostando i giochi per Xbox X e S questi non saranno giocabili ma preserveranno avanzamenti e personalizzazioni; sarà più semplice invece interagire con i titoli non per X e S. Per iniziare la procedura basta spostarsi sulla memoria interna e scegliere dal menu corrispondente la voce “sposta o copia”.

Dall’elenco di titoli installati sulla console, comprese le app, potete scegliere quali spostare o copiare seguendo le istruzioni a video.

Infine, non rimane che aspettare che l’operazione sia conclusa. Al termine l’unità principale integrata nella console si sarà liberata e non di poco.

Il “problema” si presenta quando vorrete tornare a giocare, per esempio a Forza Horizon 5. Che nel nostro caso abbiamo spostato sul Game Drive di Seagate e Xbox S genera questo avvertimento:

Dunque, per giocare, sarà necessario trasferire nuovamente il titolo sulla memoria interna. Per poi eventualmente spostarlo di nuovo al termine della sessione.