Si festeggiano i 20 anni di Matrix, il primo vero cult movie di nuova generazione che ha influenzato in modo irreversibile il modo di fare film nel XXI secolo e che è passato alla storia perché nel 1999 ha portato sul grande schermo una sintesi delle principali tendenze cyberpunk, movimento letterario distopico (ma anche utopico) che è diventato un vero e proprio sottogenere della fantascienza nei primi anni ’80.

Ma il cyberpunk affonda le radici almeno trenta anni prima con capolavori firmati da geni quali Philip K. Dick, George Orwell e il superlativo William Gibson. Dunque vi proponiamo alcune idee per festeggiare al meglio questo weekend di fatto dedicato a Neo, Morpheus, Trinity, l’Oracolo e ai personaggi che hanno reso celebre The Matrix, che ha portato alla celebrità i Wachowski Brothers.

Dove e come rivedere la trilogia

Se avete Netflix è molto semplice rivedere in forma integrale i tre capitoli di Matrix: sono tutti sulla piattaforma di streaming video. Non vi rimane che aprire l’app, eseguire la ricerca “matrix” e trovare i tre capitoli.

Non avete Netflix? No problem. Su Sky ci sono i tre film: Matrix, Matrix Reloaded e Matrix Revolutions. Vi basta eseguire una ricerca nel catalogo dei film on demand e dare il via alla visualizzazione.

La terza alternativa prevede un esborso monetario contestuale alla riproduzione. Sì, perché se non avete mai acquistato la trilogia in formato fisico o digitale, è giunto il momento di affidarvi a Google Play, Apple iTunes, Chili o equivalenti e noleggiare o, ancora meglio, acquistare i film.

Tanto per fare un esempio, su iTunes Film la trilogia costa 19,99 euro ed è anche visualizzabile su Apple Tv. Su Google Play la quadrilogia (c’è anche Animatrix, il film di animazione erede della trilogia) è disponibile a 15,99 euro in formato HD.

I film che hanno ispirato Matrix

Vi siete mai chiesti quale influenza hanno avuto i film sul girato dei fratelli Wachowski, ossia dei registi e “inventori” dell’epopea Matrix? Ebbene nel video qui di seguito c’è un riassunto di come le pellicole precedenti al 1999 hanno impattato sulle scelte dei due registi.

Altri suggerimenti

Altri film che meritano di essere visti per amplificare la comprensione di The Matrix sono: Gattaca, L’uomo che fuggì dal futuro e Dark City.

Ghost in the Shell

Forse in pochi sanno che la maggior sorgente di ispirazione dei fratelli Wachowski per Matrix (soprattutto il primo episodio) è stato il fumetto “Ghost in the Shell”, arrivato anch’esso nelle sale nel 2017 con l’interpretazione di Scarlett Johansson. Non ci credete? Ecco il video che mette a confronto le scene di Matrix e quelle dell’anime giapponese.

Opere letterarie

Per capiree a fondo il mondo di Matrix non si può evitare la lettura di William Gibson in particolare della sua opera più famosa e psichedelica Neuromante. Lo trovate in digitale su Kindle, Google Play, Apple Libri e cartaceo su Amazon e nelle principali librerie.

Narra le vicende di un “cowboy” del cyberspazio che si connette in modo neurale a una sorta di intelligenza artificiale per penetrare in reti altrui. I riferimenti a The Matrix sono così netti, precisi e schietti che il romanzo pubblicato nel 1984 è generalmente considerato la principale fonte di ispirazione dei Wachowski.

Se volete spingervi oltre vi consigliamo la produzione nata da Neuromante: gaurdacaso si chiama Trilogia dello Sprawl, scritta da Gibson, e incentrata sui cowboy cyberpunk con l’abilità di navigare in un modo virtuale del tutto speculare a quello di Neo. Consigliatissimo per chi vuole comprendere ancora più a fondo e in modo quasi filosofico l’opera cinematografica.

La cultura di Matrix

Per comprendere appieno la complessità e la profondità di The Matrix non vi basterà rivedere i film in sequenza, leggere Gibson, comprendere i riferimenti cinematografici e assorbire in modo curioso e disincantato le immagini proposte sullo schermo, ricchissime di riferimenti impliciti ed espliciti che obbligano ad abbandonare ogni preconcetto. Non basta tutto ciò, vi servirà andare oltre: leggere.

I primi siti da cui partire sono questi:

Sintesi completa e sinottica della trilogia: https://en.wikipedia.org/wiki/The_Matrix_(franchise)#Influences_and_interpretations

La guida cinematografica dei tre film: https://www.imdb.com/list/ls061622168/

Il sito che custodisce tutti i segreti di Matrix: http://thematrix101.com/

Una chiave di lettura più sintetica è offerta da questo video:

Alcuni fatti curiosi di The Matrix

  • Il libro è nato come fumetto The Matrix per la Marvel, solo in seguito Larry (oggi Lana) e Andy Wachowski hanno scelto di trasformarlo in film.
  • La città dove si svolgono i fatti è Sydney, in Australia. II Paese è stato scelto per una questione di agevolazioni fiscali ma i nomi delle vie della metropoli sono stati cambiati per ricalcare quelli di Chicago (dove sono nati i Wachowski).
  • Neo è stato assegnato a Keanu Reeeves ma perché Will Smith e Nicolas Cage hanno preferito rinunciare al ruolo; candidati sono stati anche Tom Cruise, Johnny Depp e Leonardo Di Caprio.
  • La parte di Morpheus interpretata da Laurence Fishburne era stata offerta a Russell Crowe, Sean Connery e Samuel L. Jakson.
  • Nella trilogia sono chiaramente visibili due tinte dominanti di colore nelle scene: il verde quando i personaggi operano nella matrice; il blu quando si trovano nel mondo reale.
  • Per girare la scena più famosa ossia la sparatoria nella lobby con le colonne in marmo all’ingresso del palazzo, dove Neo e Trinity mostrano per la prima volta le loro doti straordinarie, ha richiesto ben dieci giorni per essere completata.
  • Se state cercando gli occhiali da sole indossati in tutti i film dovete solo cercare questo brand: Blinde Design.
  • La società per cui lavora Neo si chiama MetaCortex, crasi dei due termini “meta”, ossia che supera la sfera del concreto, e “cortex” che fa riferimento al cervello.
  • Matrix è stata riavviata diverse volte: le vicende della trilogia si svolgono nella sesta iterazione e danno vita alla settima con Reloaded. Nelle sei precedenti l’Architetto ha perseguito uno schema fisso: perfezionare la simulazione, creare un eroe che la portasse all’estremo, distruggere tutto (compreso Zion), rifondare l’umanità partendo da un piccolo gruppo di persone e dare vita a un nuovo loop, ossia a una release più aggiornata ed efficace. Cosa cambia dunque con Neo? Semplice, due variabili imponderabili per l’Architetto che ha il compito di mantenere in equilibrio il sistema. Da una parte Neo agisce in modo umano, quindi imprevedibile e irrazionale per un computer, scegliendo di dare vita ad azioni imprevedibili fuori dai ben noti schemi precedenti: l’amore per Trinity alimenta tutto ciò. Dall’altra parte Neo crea un virus quando distrugge Mr. Smith che prende potere per contrastare quello di Neo (il concetto di equilibrio deve essere mantenuto nel sistema) e quindi obbliga ad azioni diverse dalle sei iterazioni precedenti. Su questa piattaforma Neo obbliga l’Architetto a cambiare ulteriormente la settima iterazioni con la pace tra umani e macchine.
  • Nei primi 45 minuti di The Matrix Neo dice solo 80 battute: sono tutte e solo domande.

  • La modalità Bullet Time, ossia il super slow motion che contraddistingue la grammatica cinematografica di Matrix, è stato inventato espressamente per questo film e ha obbligato a creare una struttura su un arco di 360 che facesse funzionare in contemporanea 120 macchine fotografiche e due videocamere.
  • La scena in cui Neo tenta di saltare da un palazzo all’altro nel primo Matrix e cade sull’asfalto è stata “copiata” dal cartone animato Road Runner per celebrare Wile E. Coyote.
  • I caratteri a fosfori verdi che scorrono in senso verticale sullo schermo sono quelli giapponesi al contrario.
  • Le scene di pioggia, soprattutto nell’ultimo capitolo, sono un chiario riferimento ai caratteri che scorrono in verticale sul display e sono una metafora della grande destabilizzazione insita in Matrix.
  • Per prepararsi al ruolo i personaggi, in particolare Neo, hanno dovuto leggere tra gli altri: “Simulacri e simulazione” di Jean Baudrillard e “Out of control. La nuova biologia delle macchine, dei sistemi sociali e del mondo dell’economia” di Kevin Kelly

Tutte le curiosità più dettagliate sono raccolte in queste pagine:

37 Cose sconosciute su Matrix: https://www.ranker.com/list/matrix-trilogy-trivia/coy-jandreau

15 fatti sorprendenti relativi al film: https://www.ifc.com/2014/12/15-things-you-probably-didnt-know-about-the-matrix