tecnologia
Note 20 banner big

L’industria della tecnologia italiana ha registrato un incremento nel secondo trimestre del 2020, esattamente del 51,5% rispetto alla media degli ultimi quattro trimestri secondo i dati di GlobalData, per quanto riguarda le attività di fusione, acquisizione e investimenti.

Un totale di 50 accordi dal valore complessivo di 1,79 miliardi di dollari è stato annunciato nel secondo trimestre del 2020, con un aumento di 17 accordi rispetto agli ultimi 4 trimestri. Le operazioni commerciali più frequenti del trimestre sono state le M&A, le operazioni “Mergers and Acquisitions”, fusioni e acquisizioni dunque: se ne sono registrate 27, il 54% del totale. Al secondo posto, 19 iniziative di venture capital, seguite da 4 transazioni di private equity, che rappresentano il 38% e l’8% di tutte le attività commerciali in Italia relativamente all’industria tecnologica durante il trimestre.

In termini di valore, le fusioni e le acquisizioni hanno registrato un totale di 1,72 miliardi di dollari, mentre le attività di private equity e di venture capital si sono attestate su 65,41 milioni e 6,42 milioni rispettivamente.

I cinque accordi più importanti del secondo trimestre del 2020 nel settore della tecnologia

Il valore combinato dei cinque accordi più importanti nel settore della tecnologia ammonta a 1,76 miliardi di dollari, contro il valore complessivo di 1,79 miliardi registrato nel mese. I cinque maggiori accordi secondo GlobalData sarebbero:

  • L’accordo di private equity del valore di 1,72 miliardi tra Ardian Holding e Canson Capital Partners e Infrastrutture Wireless italiane.
  • L’aumento di capitale da 25 mln per la piattaforma logistica Milkman sottoscritto da parte di 360 Capital Partners, Italia 500, P101 SGR, Poste Italiane Group and Vertis SGR.
  • Il round di 6,52 milioni incassato da Codemotion e guidato da P101 Ventures.
  • L’acquisizione da 6,12 milioni di Oslo Italy S.R.L da parte di GPI.
  • Il round da 6 milioni portato a casa da Commerce Layer sottoscritto da Benchmark Capital, Mango Capital, NVInvestments, PrimeSet e SV Angel’s.