Note 20 banner big

Quanti sono 56 milioni che assistono a un evento di presentazione di nuovi dispositivi personali? Tanti. Basti pensare che lo streaming della notte degli Oscar 2020 si è fermato a poco meno di 24 milioni. L’eclatante seguito è stato registrato dal Galaxy Unpacked 2020 del 5 agosto, che ha migliorato persino il precedente record di 44 milioni totalizzato dal più recente Unpacked.

L’evento di lancio dei nuovi Galaxy Note 20, dei Tab S7, dello Watch 3 e dei Buds è stato trasmesso in diretta streaming su varie piattaforme. Compreso YouTube sul quale sono stati registrati picchi di 450mila utenti contemporanei da moltiplicare per i circa 100 minuti di durata della presentazione.

L’elemento di novità dell’Unpacked 2020 è rappresentato dall’estrema apertura del panorama di utenti a cui è stato rivolto. Il ricorso allo streaming, una risorsa portata in auge proprio durante il periodo di lockdown, ha permesso di coinvolgere non solo gli addetti ai lavori ma anche tutta la pletora di utenti. E sono stati messi tutti gli utenti sullo stesso piano di ascolto. Il risultato è una forte disintermediazione tra Samsung e l’utente finale, con un rapporto che si costruisce e si cementa nel processo di coinvolgimento agli eventi più importanti.

Non deve dunque stupire se questo esperimento non rimarrà un “unicum” per Samsung ma, anzi, diventerà un appuntamento fisso, sempre più articolato e comunque capace di coinvolgere tutti gli interlocutori del brand.

In un panorama dell’elettronica di consumo sempre più vocato a parlare direttamente con il consumatore finale, il live e le piattaforme di streaming offrono risorse preziose anche per saggiare il riscontro d’interesse.

Va anche detto che l’Unpacked 2020, oltre a portare a battesimo i tanto attesi nuovi prodotti della serie Galaxy, da Samsung è stato costruito come uno show. La cura profusa nello scenario e le numerose informazioni hanno mantenuto alta l’attenzione. Per dire che non basta avere prodotti ad alto richiamo: gli utenti sono ormai abituati a una trama e a una narrativa di alta qualità. Ancora una volta, l’abitudine ai webinar e al digitale ha innalzato il livello di attenzione e di sensibilità verso questi eventi.