Oggi, i 450 dipendenti delle sede centrale di Samsung Electronics Italia hanno partecipato alla seconda edizione del progetto SAVE for Milan, l’attività di volontariato aziendale organizzata in collaborazione con l’associazione Retake Milano, che nasce nell’ottica  e secondo il valore del prendersi cura del bene comune da parte di tutti, non solo attraverso le azioni dell’amministrazione pubblica, ma soprattutto con il contributo dei cittadini e delle aziende che vivono nel territorio. 

SAVE for Milan e Samsung

Per la seconda edizione di SAVE for Milan, Samsung Italia si è posta l’obiettivo di riqualificare lo storico Parco Forlanini, situato alle porte del capoluogo lombardo nei pressi dell’aeroporto di Linate, attraverso la cancellazione delle numerose tag presenti sul muro dell’ingresso del centro sportivo e l’innovativa pratica del Plogging, che unisce la benefica attività fisica all’aria aperta con la pulizia degli spazi circostanti, sviluppata con il contributo dei volontari di Retake. 

Per l’occasione, gli impiegati, i quadri, i dirigenti e il top management della filiale milanese di Samsung, invece di recarsi in ufficio e lavorare dalle proprie scrivanie, come in una consueta giornata di lavoro, a partire dalle ore 9 si sono radunati all’ingresso del Parco Forlanini e, divisi in squadre sotto la guida di operatori esperti nel Plogging, hanno iniziato a ripulirlo dai rifiuti presenti in tutta le zone del parco.

Ad inaugurare la giornata sono intervenuti Lorenzo Lipparini, Assessore a Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data del Comune di Milano, e Chiara Bisconti, attuale Presidente di Milanosport (società del Comune di Milano) ed ex assessore allo Sport del Comune di Milano, che simbolicamente hanno avviato le attività insieme al management di Samsung Electronics Italia.

SAVE for Milan rientra in SAVE – Samsung Volunteer Employees, il programma aziendale, che coinvolge l’intera popolazione dell’azienda e che ha l’obiettivo di consentire ai dipendenti di svolgere un ruolo attivo in progetti concreti per il bene comune.

Come azienda leader produttrice di dispositivi elettronici, il fine di Samsung è quello di migliorare l’esperienza delle persone e dare vita a un orizzonte di nuove possibilità, attraverso soluzioni d’avanguardia capaci di ispirare il mondo. Tuttavia, Samsung misura i suoi successi non solo in base ai risultati di business, ma anche rispetto al proprio contributo verso la comunitàe alla capacità di facilitare e arricchire la vita delle persone, promuovendo la crescita socio-economica tramite vari progetti di responsabilità sociale. Tra questi rientrano anche le attività di volontariato, che sono comprese nei programmi di sostenibilità dell’azienda.

Retake Milano

Retake Milano è un’associazione Onlus di volontariato che si propone di riportare la bellezza nella città di Milano mediante interventi di ripulitura dei muri, lotta al degrado e partecipazione sociale. Negli anni sono state riqualificate diverse zone della città̀ dal valore culturale, storico e sociale mediante il lavoro svolto da cittadini volontari e da persone provenienti dalla marginalità sociale e dalla disoccupazione. Per raggiungere i vari obiettivi vengono riqualificati quartieri ripristinando i muri imbrattati o riappropriandosi di strutture di rilevanza e utilità cittadina. Mediante queste attività sul territorio si propone di suscitare nei milanesi di tutte le età e di tutte le provenienze socio-culturali la consapevolezza e l’interesse nei confronti del bene comune, portando ognuno a sentirsi protagonista nel prendersi cura della città, attraverso conferenze, social media e collaborazioni con le organizzazioni orientate allo stesso modo, soprattutto gli enti educativi. L’obiettivo dell’Associazione è riuscire, attraverso la ricerca incessante di questi obiettivi, a creare una coscienza collettiva, al fine di diventare responsabili per la tutela, la conservazione e il miglioramento continuo di ogni contesto urbano. È in questo ambito che si colloca il progetto SAVE for Milan di Samsung, azienda che ha scelto di scendere in campo a fianco dei cittadini volontari per riqualificare, dopo il parco Baden Powell del 2018, anche il Parco Forlanini.

“L’attività di oggi è la dimostrazione tangibile dell’importanza della collaborazione tra pubblico, privato e associazioni per la cura del bene comune– ha dichiarato l’assessore Lorenzo Lipparini– Come Amministrazione comunale siamo soddisfatti per il successo che sta riscontrando lo strumento dei patti di collaborazione introdotto con il regolamento di recente approvazione. Grazie a Retake che sin dall’inizio si è schierato a nostro fianco per il miglioramento della nostra città e grazie a Samsung per aver coinvolto attivamente 450 dipendenti per ripulire insieme Parco Forlanini e centro sportivo Saini. Stiamo facendo tutto il possibile per accompagnare e valorizzare l’entusiasmo e la competenza di cittadini e aziende che scelgono di impegnarsi per la cura della città, e registriamo una crescita costante di questo genere di iniziative per numero, complessità e impatto sulla qualità della vita nei quartieri”.

“Da più di 25 anni, Samsung in Italia si contraddistingue nello sviluppo di iniziative altamente innovative in diversi ambiti – dall’arte alla scuola, dalla sicurezza alla formazione professionale – volte a valorizzare il digitale a supporto di specifiche esigenze locali. E con questa seconda edizione di SAVE for Milan, ancora più grande e impegnativa, siamo orgogliosi di dare nuovamente il nostro contributo per il recupero di una importante area verde della città di Milano come il Parco Forlanini, e con questo progetto ribadiamo ancora di più il nostro impegno volto a promuovere nel nostro paese la cultura della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente”ha commentato Mario Levratto, Head of Marketing & External Relations di Samsung Electronics Italia.

Per seguire e commentare le attività di SAVE for Milano di Samsung sui social media usa l’hashtag #saveformilan