Samsung Galaxy S9 e S9+: quanto costa produrli a confronto con iPhone X

I nuovi Galaxy S9 e S9+ sono in vendita da oggi in Italia. Presentati il 25 febbraio al Mobile World Congress 2018, i due nuovi flagship coreani sono disponibili nei negozi del nostro Paese ai prezzi rispettivamente di 899 e 999 euro. Hanno storage da 64 GB, mentre solo sul sito Samsung.com è possibile acquistare la versione da 256 GB a 1.099 euro. Nel giorno di debutto in Italia degli attesissimi nuovi Galaxy, Tech Insights ha pubblicato il dettaglio dei costi necessari per produrre i top di gamma di Samsung e di Apple.

Costi a confronto

Il grafico che pubblichiamo in questa pagina non lascia spazio a dubbi. L’incidenza maggiore sui costi è data dal display: record di 82 dollari per il Note 8, seguito da iPhone X con 77 dollari e da S9+ con 72,50 dollari. Sui Galaxy incide molto anche la gestione del segnale, aspetto su cui l’azienda si è particolarmente concentrata negli ultimi due anni per migliorare la resa dei propri smartphone. La seconda voce per importanza sugli iPhone è,invece, la batteria. La terza voce di spesa per i due produttori è rappresentata dalla memoria: sommando storage e Ram si superano ampiamente i 50 dollari. E poi la fotocamera, che sull’S9+ pesa per 48 dollari e sull’iPhone X per 43 dollari. La sezione aduio oscillta intorno ai 30 dollari per Samsung, mentre tocca i 46 dollari per Apple. Infine, gli altri sensori hanno incidenze minori.

Somme totali

Facendo la somma della lista della spesa, si scopre che lo smartphone più costoso da produrre è (non a sorpresa) l’iPhone X con 389,50 dollari totali di materiali. Segue Galaxy S9+ con 379 dollari e Note 8 a 369 dollari. Per costruire un S8+ ci vogliono 343 dollari, tutto sommato non così distante dal nuovissimo S9+, mentre per l’iPhone 8 Plus bastano 324,50 dollari.

 

Lg-K-Series