WhiteShark

C’è chi sostiene che moda e tecnologia sono le due facce della stessa medaglia. Usando gli occhiali Huawei X Gentle Monster (399 euro) si ha la certezza che non sia solo un’opinione, ma una solida realtà. Il brand coreano di eyewear e quello cinese di hi-tech si sono impegnati per concretizzare un prodotto top di gamma, perfetto per farsi notare e per stupire. La fusione tra queste due realtà avviene attraverso un occhiale Gentle Monster Jackbye (modello unisex, valore di mercato di circa 220 euro) nelle cui aste, opportunamente modificate, è stata inserita l’elettronica necessaria per restituire la riproduzione audio e le funzioni di vivavoce. Il tutto senza rinunciare alla resistenza a spruzzi d’acqua e alla polvere in virtù della certificazione IP67.

Non solo. In corrispondenza dei segmenti rossi posti di fianco al brand Gentle Monster, sempre sulle aste, si può fare un doppio tap con il dito per attivare una delle funzioni disponibili: attivare e mettere in pausa la riproduzione, richiamare l’assistente vocale oppure non fare seguire alcuna azione sullo smartphone. Ecco lo smartphone. Nel momento in cui si scrive Huawei X Gentle Monster è compatibile esclusivamente con Android a patto che si installi l’applicazione AI Life. Senza questa app è impossibile perfezionare l’accoppiamento con lo smartphone. Inoltre, con i modelli di Huawei dotati di Emui 10 (Android 10) compare il menu contestuale per l’abbinamento istantaneo tra gli occhiali e il dispositivo mobile.

L’applicazione di Huawei

Le altre funzioni interessanti di AI Life comprendono la possibilità di sfruttare i sensori di prossimità dei Gentle Monster, così che la riproduzione sia messa in stop o continui in automatico quando si indossano o no gli occhiali, e la guida vocale che, in inglese, aggiorna sullo stato di funzionamento del wearable.

Il nucleo di funzionamento di questi occhiali, come detto, è inserito nelle aste; il ponte è sostanzialmente passivo e integra lenti scure di alta qualità. Quando si indossa appare evidente come la qualità di visione sia di ottimo livello. Le aste, dal canto loro, sono leggermente più spesse rispetto a un classico occhiale da sole perché ospitano: sistema di riduzione del rumore per le chiamate, batterie e casse acustiche.

Partiamo da queste ultime, che sono poste in corrispondenza della piega dell’asta che si appoggia al padiglione auricolare. Si notano due fori rettangolari tarati per essere subito sopra il canale uditivo. Da qui proviene l’audio stereo: la particolare forma delle ogive è studiata per indirizzare il suono nell’orecchio, cercando di preservare la privacy. Se tenete alto il volume di riproduzione, chi vi sta vicino sentirà la musica: su questo non v’è dubbio. Più difficile “spiare” le conversazioni e le preferenze musicali se si tiene un volume medio. Nella sezione telefonica, inoltre, si apprezza il sistema di riduzione dei rumori integrato nelle aste in corrispondenza del logo Gentle Monster. Nella parte interna si riconoscono i fori dei microfoni ambientali; sul lato sinistro nella parte bassa quello per la voce.

La custodia elegante di ricarica

Le conversazioni in vivavoce con i Huawei X Gentle Monster sono sorprendentemente chiare, se si considera come si indossa questo wearable. La qualità audio nel reparto musicale è invece focalizzata principalmente sui toni alti, per natura stessa del tipo di speaker impiegati, seppure con un buon supporto dei bassi. L’ascolto musicale è soddisfacente e completa efficacemente un prodotto che somma fashion e hi-tech in un modo interessante, nuovo e di sicuro impatto estetico. In quest’ottica vanno letti: come un prodotto principalmente legato alla moda capace di assicurare una connettività e funzioni azzeccate.

Funzioni che si coinvolgono anche la custodia, elemento fondamentale per il perfetto funzionamento di Huawei X Gentle Monster. Perché la custodia è anche la base di ricarica wireless: basta riporli nell’apposito vano per iniziare la ricarica delle batterie integrate, capace di assicurare un paio di ore aggiuntive alle due ore di durata degli occhiali. Inoltre la custodia è indispensabile per l’abbinamento tra eyewear e smartphone, in quanto ospita il tasto per attivare il Bluetooth. Infine la custodia ospita la porta Usb-C per la ricarica effettiva.