garmin
Beko

“Lo smartwatch progettato per la vita reale”. È questa la promessa di Garmin per la serie Venu Sq, dotata di display squadrato Lcd ad alta definizione (da cui la sigla Sq, cioè squared), touchscreen Corning Gorilla Glass da 1,3 pollici delimitati da una lunetta in alluminio e due pulsanti laterali per ampliare quasi all’infinito menu e possibilità di personalizzazione.

La prova su strada: Garmin Venu Sq Music edition

Diciamolo subito: Garmin Venu Sq ha moltissimi pregi, a fronte di un prezzo piuttosto contenuto rispetto a blasonati rivali. E allora cominciamo dalla verifica della sua promessa: con un modello Sq Music testiamo lo smartwatch Garmin nella vita reale. La notte fra divano e letto, la passeggiata verso l’ufficio, lo yoga dopo una lunga giornata, le notifiche mentre siamo a cena sono le occasioni nelle quali abbiamo testato le sue capacità e monitorato il nostro stato di salute.

I primi passi: vestibilità e abbinamento   

I Venu Sq si allacciano al polso tramite ergonomici cinturini in silicone: sebbene al tatto non siano fra i migliori, almeno secondo il gusto di chi scrive, offrono una buona vestibilità e leggerezza. Perfetto il materiale a contatto con il polso: non fa sudare ed è confortevole, anche durante la notte. L’abbinamento allo smartphone, nel nostro caso Apple IPhone 12 Pro, è facile e veloce: in un attimo tutto è collegato, tramite la app Garmin Connect, senza dubbio uno dei punti forti di Garmin Venu Sq. Precisa, personalizzabile, user friendly, profonda: l’app è ben progettata e restituisce molte informazioni con un colpo d’occhio, anche se la sincronizzazione risulta un po’ lenta. L’altro limite è la portata del Bluetooth: muovendosi in casa o in ufficio, anche in spazi contenuti, Venu Sq si disconnette e riconnette di frequente, con l’effetto, tra l’altro, di una continua notifica sul display. L’orologio pecca un po’ anche nella personalizzazione: i quadranti da scaricare, che richiedono l’installazione di una app aggiuntiva, sono pochi e non tutti adatti alle contenute dimensioni dello schermo. 

Garmin

Caratteristiche tecniche di Garmin Venu Sq

Il cuore tecnologico dei nuovi dispositivi Garmin segna un deciso cambio di paradigma nella gamma dei wearable del colosso americano. Infatti, il ventaglio di funzioni wellness viene supportato dal monitoraggio della frequenza cardiaca Elevate 24/7 di Garmin, in grado di campionare la frequenza cardiaca per tutto il tempo che il Venu Sq viene indossato, anche di notte. Ed è proprio durante le ore notturne che i nuovi Garmin completano il loro tracciamento analizzando le fasi di sonno leggero, profondo e Rem. Questo è possibile grazie alla misurazione del numero di respiri al minuto e grazie anche al sensore Pulse Ox che misura i livelli di saturazione dell’ossigeno presente nel sangue. Al risveglio, gli utenti possono così rivedere le proprie statistiche sul sonno in Garmin Connect per valutare la qualità del riposo. Le funzioni sono tante e interessanti, ma non sempre perfette: se capita di addormentarsi sul divano davanti alla tv e passare nel letto durante la notte, è possibile che Garmin Venu Sq registri come sonno soltanto quello della prima fase, invitando addirittura al movimento mentre finalmente avete raggiunto il letto nel cuore della notte. Il touch, non sempre perfetto, è tuttavia migliorato con uno degli aggiornamenti rilasciati durante la prova. Chi ha i polpastrelli grandi farà comunque fatica, tanto più che il display è piccolo e senza always on.

Tra le tante altre funzioni, vi sono: avvisi in caso di rilevamento di frequenza cardiaca anomala, il monitoraggio del ciclo mestruale (solo su profilazione donna), il rilevamento dello stress con promemoria per dedicarsi qualche istante di relax, il controllo dell’idratazione, la funzione Body Battery, che mostra agli utenti il livello di energia aiutandoli a programmare allenamenti, tempi di riposo attivo e sonno notturno e, infine, il controllo e la gestione della respirazione. Inoltre, Venu Sq Music Edition offre la possibilità agli utenti di archiviare direttamente sullo smartwatch le proprie playlist musicali o di ascoltarle tramite tre servizi di streaming: Spotify, Amazon Music e Deezer. Ovviamente sono necessarie le cuffie Bluetooth compatibili. Disponibile in entrambi i modelli, invece, la funzione Garmin Pay per effettuare pagamenti contactless direttamente dall’orologio. Insomma, per una corsa in città si può lasciare il telefono a casa: musica e pagamenti ci seguiranno. 

Sport e allenamento 

Non solo smart. Venu Sq è progettato da Garmin anche per accompagnare allenamenti e movimento, con oltre 20 profili integrati: pilates, yoga, pesi, ellittica, step, camminata, corsa, nuoto in piscina, bici, solo per citarne alcuni. Certo non sono adatti per scalare una montagna, ma gli smartwatch Venu Sq monitorano i passi, i minuti di intensità e offrono profili di sport indoor o outdoor, con una selezione di opzioni training che prevede allenamenti preimpostati ed offre la possibilità di creare allenamenti personalizzati. Presente nei nuovi smartwatch Venu Sq anche l’opportunità di disporre di piani di allenamento running gratuiti attraverso Garmin Coach, per preparare nel miglior modo possibile una corsa da 5 Km, 10 km o una mezza maratona. 

La sicurezza 

Infine, un aspetto non certo trascurabile è quello offerto dalle funzioni di sicurezza LiveTrack, Incident Detection e Richiesta assistenza quando si decide di uscire in bici, a correre o a camminare. Queste permettono a Venu Sq di inviare a parenti e amici la propria posizione in tempo reale, sia quando ci si allena che quando si sta gareggiando e sono in grado di rilevare automaticamente incidenti e trasmettere la posizione dell’utente a una lista di contatti di emergenza, oppure di inviare un messaggio di richiesta di assistenza con la semplice pressione di un tasto. 

La durata della batteria 

Senza attività sportiva e quindi solo con notifiche, monitoraggio cardio H24 in modalità smart e senza SpO2 dura, verificata, poco più di 6 giorni. Aggiungendo un paio di attività si arriva tranquillamente alla fine della settimana lavorativa. Buona anche la ricarica, che avviene in circa un’ora rendendo Garmin Sq uno smartwatch che difficilmente vi lascerà a piedi.  

Venu Sq, le conclusioni: perfetto per una quotidianità smart e sportiva

In effetti Garmin Venu Sq è un prodotto a metà fra smartwatch e orologio sportivo, adatto ad una quotidianità sportiva e smart, proprio come si richiede a un’ideale urban watch. Non è perfetto, ma ha molte features da non sottovalutare: dalla batteria, al peso, dal software, alla app, dal monitoraggio della salute, alle notifiche e fino ad arrivare al prezzo. Da sottolineare infine che è compatibile con smartphone Android e Apple e che presenta un’autonomia di batteria fino a 6 giorni in modalità smartwatch e 14 ore in modalità Gps oppure 6 ore Gps + Musica.     

Valutazione
Garmin Venu Sq