amazfit gts 2
Wiko

La prima sensazione che il cervello registra quando si indossa AmazFit GTS 2 è quella della leggerezza. Ci pare il modo più corretto di iniziare a raccontarvi un device che non è solo completo e divertente da usare, ma che quasi ci si dimentica di avere al polso. Dopo l’unboxing, lo abbiamo provato per qualche settimana e il combinato disposto di praticità e esaustività delle caratteristiche è ciò che ci ha colpito maggiormente.

Design e display

AmazFit GTS 2 sceglie la forma rettangolare e la impreziosisce con un design borderless interrotto solo dall’unico pulsante presente. Lo smart watch, dotato di linee pulite ed eleganti che permettono di apprezzare al meglio il bel display, misura 42,8 x 35,6 x 9,7 mm e 25,7 grammi di peso. I numeri, dunque, confermano le sensazioni. Ad arricchire questo aspetto concorrono anche i materiali costruttivi: il corpo è in lega di alluminio, e il il vetro 3D vanta un trattamento al carbonio che dovrebbe evitare l’insorgere di graffi.

Il display è un’altra di quelle cose che ci è piaciuta molto: è un AMOLED da 1,65” con risoluzione 348×442 pixel e densità di pixel per pollice di 341 ppi. L’azienda promette immagini sempre chiare e luminose, nero assoluto e luminosità eccezionale: ed è proprio quello che si ottiene da AmazFit GTS 2, che è anche una vera gioia per gli occhi. Non è uno smartphone certo, ma anche nell’utilizzo dello smart watch l’occhio vuole la sua parte, e scorrere tra funzionalità e schermate dall’alto livello di immagine significa elevare l’esperienza dell’utente e invogliarlo a utilizzare il device con sempre maggior convinzione.

Ci pare poi ottima la scelta di dotare quasi ogni quadrante a disposizione di una versione Always-on dedicata che ne riprende lo stile, offrendo una continuità grafica ragguardevole e che giova molto all’esperienza che si fa dello smartwatch.

Interfaccia di AmazFit GTS 2

Abbiamo detto in apertura che AmazFit GTS 2 è un device completo, e lo è in virtù delle sue caratteristiche e funzionalità. Ci sono le più classiche che afferiscono alla sfera della salute, ormai proprie di quasi tutti gli smartwatch, grazie al sensore ottico PPG BioTracker 2 ad alta precisione sviluppato da Huami Technology: il monitoraggio del sonno, l’analisi continua del battito cardiaco e la rilevazione delle anomalie, della saturazione dell’ossigeno, il Personal Activity Intelligence, che offre un monitoraggio di precisione della frequenza cardiaca 24 ore su 24 e identifica le zone di frequenza cardiaca e fornisce avvisi quando questa è troppo elevata e l’analisi dello stress. Un mix di funzionalità completo che offre una fotografia esaustiva dello stato di salute del corpo, il tutto gestito dall’app Zepp e accedere ad altre funzionalità, come l’impostazione di sveglie e promemoria, trovare il dispositivo quando non indossato mediante segnale acustico, la configurazione del quadrante, l’attività degli amici, la gestione delle notifiche e della vibrazione.

AmazFit GTS 2 sfoggia inoltre un microfono e uno speaker che consentono di rispondere alle chiamate direttamente dallo smartphone e tramite accoppiamento Bluetooth 5.0: nei nostri test la risposta è risultata sempre precisa e il livello audio adeguato. Non solo, microfono e speaker sono funzionali all’interazione con Alexa, l’assistente vocale di Amazon che con un aggiornamento permetterà di controllare le funzioni dell’orologio anche con la voce, oltre a poter fare domande, richiedere traduzioni, stilare liste della spesa, informarsi circa il meteo, impostare timer e sveglie. Un valore aggiunto indiscusso, che arricchire ulteriormente l’esperienza dell’orologio quando disponibile.

In generale, le rilevazioni sono risultate precise e accurate in ogni situazione e non si evidenziano particolari discrepanze rispetto ad altri smartwatch.

Soddisfacente anche la reattività dello smartwatch e la facilità di navigazione. Lo swipe verso destra permette di accedere al menu scelta rapida carte, verso sinistra a tutte le funzionalità, dal monitoraggio della frequenza cardiaca al player della musica. Scorrendo dall’alto verso il basso, si apre il menu a tendina che riporta data, orario, stato della batteria, e 9 tasti tra cui la torcia, l’attivatore della modalità non disturbare e il selettore del volume. Con uno swipe verso l’alto, infine, si accede alle ultime notifiche. Con un doppio tocco sul pulsante laterale si prende invece visione delle modalità di allenamento: sono 12 modalità sport integrate che vogliono soddisfare le esigenze della maggior parte degli appassionati di sport. Una volta terminato l’allenamento, il sistema genera anche un report di analisi in grado di aiutare a migliorare il piano di esercizi. Tra le varie attività ci ha sorpreso positivamente quella degli sport da combattimento, tra cui wrestling, Tai Chi e Judo.

AmazFit

In generale, ciò che stupisce positivamente di AmazFit GTS 2 è la ricchezza e varietà di funzionalità e caratteristiche: accedere all’app Zepp è un vero e proprio viaggio alla scoperta delle potenzialità dello smart watch, così come l’esplorazione di quadranti e funzioni allenamento. Ce n’è davvero per tutti i gusti e non c’è niente di nascosto: AmazFit è ricco ma è ben organizzato e questo facilita il primo utilizzo e permette di avere tutto a portata di tocco quando si è entrati in maggior confidenza con il proprio smart watch. Ed è una ricchezza che, se implementata da Alexa e dalle altre funzionalità ancora non attive, pare destinata ad ampliarsi in un’espansione ed evoluzione continua che lo rendono un gioiellino da tenere d’occhio anche nei mesi a venire.

Batteria

Per quanto riguarda la batteria, Amazfit GTS 2 ne sfoggia una da 246 mAh che dovrebbe garantire circa 5 giorni di autonomia. Per il nostro utilizzo, con display Always On perennemente attivo, abbiamo rilevato un’autonomia di circa 3 giorni. Il caricabatterie che si trova in confezione garantisce poi una ricarica completa in circa 2 ore.

Conclusioni

Al prezzo di 169,90 euro, AmazFit GTS 2 è un’ottima scelta per chi cerca uno smart watch completo e leggero da indossare, senza rinunciare a uno schermo AMOLED, dunque di elevata qualità e un’ottima autonomia. Fiore all’occhiello di questo device è l’usabilità in ogni sua espressione: dalla quantità di funzionalità disponibili all’alto grado di personalizzazione. Anche l’app Zepp è completa e facile da usare, ed è chiaro che se l’obiettivo dell’azienda è quello di offrire tutto in modo semplice, accurato ma anche piacevole e con una buona qualità, esso sia stato pienamente raggiunto.

Valutazione
AmazFit GTS 2