gaming
pioneerdj

A guardarlo non c’è dubbio: è un Game Boy rivisto in chiave moderna. Poi entrando nel dettaglio si comprende ancor meglio il potenziale innovativo in chiave vintage del Panic Playdate È strano: ci sono elementi familiari, come il D-pad e i pulsanti frontali, ma molti dei suoi giochi sono controllati da una manovella che si innesta di lato. I giochi sono disponibili solo in bianco e nero. Una parte del mistero è che i giochi saranno rilasciati su base settimanale. Sembra stravagante e affascinante allo stesso tempo. Di certo gli ideatori di PlayDate vogliono portare una determinata categoria di gamer in un universo parallelo, un ritorno al futuro con tante chiavi innovative.

Playdate: due giochi nuovi ogni settimana

La cosa più sorprendente di Playdate è la sua combinazione di colori giallo elettrico. Si distingue in un mondo di dispositivi dai colori tradizionali. È anche un quadrato, misura 76 x 74 mm ed è spesso solo 9 mm. Fondamentalmente, è minuscolo. Circa la metà della parte anteriore è occupata da un display lucido con risoluzione di 400×240 pixel, un D-pad lucido e i pulsanti A e B in basso, proprio come sul Game Boy originale. C’è anche un pulsante home / menu nell’angolo in alto a destra, un tasto di blocco sulla parte destra e un jack per cuffie e una porta Usb-C in basso. Un piccolo ma potente altoparlante corre lungo il lato destro del display. Finora, niente di troppo strano, finché non si nota la manovella d’argento che sporge lateralmente. La manovella del PlayDate è lunga circa 2,5 cm e, quando non è in uso, la sua maniglia si inserisce nel vano laterale del dispositivo.

Allo stato attuale ci sono una manciata di giochi tutti drasticamente diversi l’uno dall’altro. Probabilmente il più notevole è Crankin Presents: Time Travel Adventure , da Katamaricreatore Keita Takahashi. È essenzialmente un gioco platform che verte su un ragazzo costantemente in ritardo per un appuntamento. Per arrivare in tempo, deve evitare farfalle fluttuanti, ostacoli letterali e maiali alla carica. La svolta è che non si controlla direttamente il protagonista Crankin all’interno del mondo. L’elemento innovativo è che si gestisce il tempo in avanti e indietro con la manovella. Va ruotata per avanzare velocemente o riavvolgere le azioni, che sono indipendenti dagli ostacoli. Quindi, se una farfalla fluttua, ad esempio, sarà necessario far avanzare velocemente il tempo di Crankin fino a un punto in cui è piegato ad annusare un fiore, in modo che l’insetto passi in sicurezza.

Dal canto suo Lost Your Marbles è un mix tra romanzo visivo e un puzzle game. Si segue una giovane ragazza di nome Prota che lavora in una sorta di struttura scientifica che fa ricerche sulla memoria. Per qualche ragione Prota è in grado di accedere a determinati ricordi giocando a un classico puzzle con la pallina nel labirinto. La manovella si adatta a questo, poiché basta ruotarla per spostare il labirinto intorno alla palla alla ricerca di un ricordo. Anche Lost Your Marbles ha un bell’aspetto, con ritratti di personaggi grandi e audaci che sfruttano al massimo le capacità limitate dell’hardware, sostenuti da alcune scritte davvero esilaranti. È un remix di generi divertente e stravagante che sublima Playdate.

Il gioco più sorprendente è Saturday Edition. È una classica avventura in stile punta e clicca e non utilizza affatto la manovella. Ci si affida al D-pad e ai pulsanti per girovagare per una città, raccogliendo indizi e risolvendo enigmi. È stato ridotto a sufficienza perché sia comodo giocare con solo due pulsanti e la grafica poco definita: si ritorna agli albori dei giochi per Pc. Se non altro, la Saturday Edition è una buona indicazione che il Playdate ospiterà più di semplici giochi a manovella. Funziona abbastanza bene anche per i titoli più tradizionali.

A completare il quartetto c’è Whitewater Wipeout, un gioco di surf in stile arcade. La manovella serve per far girare la tavola e cavalcare un’onda.

A prescindere dai giochi, ciò che contraddistingue il Playdate è un aspetto che è andato perso nel tempo: la sorpresa. Sorprende il gioco ma anche il modo di interagirvi. È una continua scoperta. Come la scelta dei produttori di rilasciare nuovi giochi con cadenza settimanale, suddividendo la cadenza in “stagioni”. In sostanza, nel corso di ogni stagione un nuovo gioco misterioso apparirà sul Playdate una volta alla settimana. L’uscita sarà la stessa per tutti, creando una sorta di esperienza unica tra tutti gli utenti. Un appuntamento fisso.

Come fare per averlo? I preordini per Playdate si aprono il 29 luglio, con il primo lotto di unità che dovrebbe iniziare a essere spedito “verso la fine di quest’anno”. Tutti i dettagli sul sito ufficiale: https://play.date/