PayPal: solidarietà ai business locali per ripartire dopo il lockdown
Area

PayPal aumenta la propria base di utenti, accelera il proprio business e annuncia importanti novità per il secondo semestre dell’anno. 

Ad aprile il fatturato globale è aumentato del 20%, con un incremento del +135% di nuovi account attivi anno su anno, pari a7.4 milioni, con una media di 250.000 nuovi account attivi ogni giorno, e un aumento del 22% del volume totale dei pagamenti. In Italia raggiunge quota 7 milioni e 300 mila account attivi. Inoltre, lo scorso primo maggio è stato il giorno con più transazioni in assoluto nella storia dell’azienda, addirittura di più del Black Friday o del Cyber Monday dello scorso anno. Il primo trimestre del 2020 ha riscontrato ottime performance: PayPal ha superato il record di 10 milioni di nuovi utenti attivi (+17%) insieme a una crescita del 19% del volume totale dei pagamenti.

Il totale di account attivi nel mondo sono 325 milioni.A questo si aggiunge una importante novità, la nomina di Maria Teresa Minotti, nuovo Director di PayPal Italia: “Sono molto orgogliosa di aver assunto questo incarico, che arriva in un momento molto delicato e importante per il nostro business. Il mondo si sta evolvendo molto rapidamente, come dimostrano l cambiamenti dei comportamenti di acquisto dei consumatori: noi in PayPal lavoriamo da sempre per rendere più semplice la vita delle persone sotto tutti i punti di vista”. E aggiunge: “Il raggiungimento dei 7 milioni e 300 mila account attivi è stato possibile grazie alla fiducia che i consumatori italiani ci hanno dimostrato, un segnale che evidenzia come il processo di semplificazione digitale di cui ormai si sente sempre di più l’esigenza sia veramente possibile. Un percorso certamente lungo e complesso, che però offre numerose opportunità per migliorare la qualità della vita di ognuno di noi”.

I pagamenti innovativi continuano a crescere in Italia a ritmi sostenuti. Il report dell’Osservatorio Innovative Payments del Politecnico di Milano evidenzia come siano arrivati a rappresentare un terzo del totale dei pagamenti digitali. A fare da traino sono le transazioni di prossimità con carta contactless o mobile payment. Particolarmente interessante l’analisi di quest’ultimo settore: nel 2019 il numero degli utenti è triplicato rispetto al 2018, sfiorando 1,83 miliardi di euro.

A questi dati si aggiungono quelli di un recente studio* PayPal sul mobile commerce, condotto in collaborazione con Ipsos, che rivela come la percentuale di persone che effettuano acquisti da dispositivi mobile sia quanto mai elevata, soprattutto in Italia, dove il 97% dei consumatori effettua acquisti online rispetto al 95% della media globale, con una spesa media di 120 euro. Inoltre è la Generazione Z a guidare la rivoluzione dei pagamenti mobile (quasi l’83% dei consumatori in Italia ha effettuato acquisti online almeno una volta tramite smartphone, con tale percentuale che sale all’88% per la Generazione Z). Un’altra importante novità in arrivo è il lancio dei pagamenti con QR code: per aiutare i venditori occasionali e i consumatori, PayPal ha introdotto un nuovo modo touch-free di ricevere e accettare pagamenti, eliminando la necessità di maneggiare i contanti, di firmare le ricevute e di interagire faccia a faccia, rappresentando un metodo di pagamento che può contribuire a mantenere una distanza di 1,5 metri tra acquirente e venditore nei negozi.

I pagamenti con il codice QR di PayPal consentono ai piccoli commercianti e ai venditori occasionali di ricevere gli importi in negozio o di persona con PayPal, semplicemente mostrando il proprio codice QR ai consumatori, in modo che questi lo possano scansionare per completare il pagamento sul posto. Le aziende non avranno bisogno di alcun dispositivo aggiuntivo e i consumatori necessiteranno solo dell’applicazione. Inoltre, non ci sarà alcuna tassa di transazione per i pagamenti con codice QR fino al 13 settembre 2020. In seguito, verrà applicata una tariffa ridotta dello 0,50 % + 0,20 € per transazione. “Le piccole e medie imprese sono sempre state il cuore pulsante e il motore della nostra economia”, ha commentato Michele Simone, Head of Partnerships PayPal Southern Europe. “In PayPal puntiamo sempre a offrire importanti risorse per lo sviluppo e la crescita dei merchant. Nell’epoca del Coronavirus, il distanziamento sociale è diventato un qualcosa a cui la gente presta sempre più attenzione, e il momento di pagare in un negozio, che sia in contanti o con carta, non fa eccezione. Per questo motivo abbiamo studiato e implementato in breve tempo una soluzione che potesse permettere ai piccoli commercianti di ricevere gli importi direttamente in negozio limitando il contatto fisico tra personale e consumatore. In PayPal crediamo fortemente nelle PMI, che in Italia sosteniamo fin dalla loro nascita e, grazie all’introduzione di nuovi strumenti e funzionalità, riusciamo a offrire servizi a oltre 20 milioni di aziende in tutto il mondo”.

PayPal, durante i mesi della pandemia, ha anche rafforzato il suo impegno nei confronti dei dipendenti, dei consumatori e delle comunità. Per quest’ultime ha in particolare ampliato la collaborazione di lunga data con GivingTuesday.org. Attraverso l’iniziativa #GivingTuesdayNow, PayPal si è unita alle aziende e alle organizzazioni di tutto il mondo nel fornire il proprio sostegno per amplificare la risonanza di questa nuova iniziativa in un momento di grande bisogno. Durante questo periodo di incertezza, PayPal ha attivamente promosso modalità innovative per sostenere i propri clienti, le comunità locali e i dipendenti, sfruttando la tecnologia e le collaborazioni per aiutare coloro che si trovano in situazioni di difficoltà. Come parte degli sforzi per #GivingTuesdayNow, PayPal permette alle persone, alle imprese e alle associazioni di beneficenza di sostenere le cause che hanno a cuore, comprese le donazioni alle campagne di soccorso globale.

A completare le novità di questi mesi, c’è la pubblicazione del  terzo Global Impact Report annuale, che presenta le attività e le strategie ambientali, sociali e di governance (ESG) delle sue operazioni globali nel 2019. Il rapporto sull’impatto globale evidenzia i progressi compiuti da PayPal per migliorare la salute finanziaria, promuovere una forza lavoro inclusiva e diversificata, ridurre al minimo l’impatto ambientale e continuare a garantire un operato responsabile del proprio business.

*Fonte: Ipsos ha intervistato per conto di PayPal un campione proporzionale1 di circa 2.000 consumatori (22.000 totale), di età compresa tra 18 e 74 anni, che possiedono o utilizzano uno smartphone e di circa 300-500 influencer o decision maker (4.602 in totale) che accettano pagamenti o vendono prodotti online a consumatori (e aziende) in 11 paesi (Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Spagna, Australia, India, Giappone, Stati Uniti, Messico e Brasile). Le interviste sono state condotte online tra il 23 luglio e il 25 agosto 2019. I dati sono stati ponderati in Australia in base all’età e al reddito per replicare uno studio condotto in precedenza. Non sono state applicate altre ponderazioni.

Lg-K-Series