Razor

Sono giorni frementi in Oppo. All’indomani di aver dichiarato gli obiettivi in Europa, Italia inclusa, per diventare protagonisti nel Vecchio Continente nel giro di tre anni, il brand celebra la prima posizione come market share in Cina.

I dati sono stati pubblicati da Counterpoint Research e mostrano anche il grafico di come Oppo sia riuscita a tenere un ritmo incrementale di vendite. Grazie al recente lancio della serie 5 del Reno, il brand ha superato Huawei e tutti gli altri marchi diventando il primo negli smartphone e il secondo nel segmento 5G.

L’istituto di ricerca ha pubblicato le quote di mercato: Oppo al 21%; Vivo 20%; Huawei, Apple e Xiaomi al 16%. La market share su base mensile è aumentata del 32% e su base annuale del 26%.

Varun Mishra, Senior Analyst presso Counterpoint Research ha così commentato: “Oppo è stata in grado di riposizionare con successo le sue linee di prodotti nel 2020. Il rebranding della serie Reno e il lancio di un dispositivo più potente a un prezzo inferiore rispetto al suo predecessore hanno aiutato il brand ha conquistare il segmento premium ma a prezzi accessibili. Il forte slancio della serie A nel segmento medio ha rafforzato il portafoglio di prodotti ed è stato in grado di soddisfare la domanda di 5G in Cina in un’ampia fascia di prezzo. Tutto ciò è stato ulteriormente aiutato dal declino di Huawei”.

Il sorpasso di Oppo su Huawei

Dopo la separazione di Honor, ceduta a un consorzio di investitori di Shanghai, Huawei in Cina ha continuato il suo percorso in contrazione. Due le dinamiche che l’hanno penalizzata: le difficoltà di accesso alle componenti per costruire gli smartphone, a causa delle limitazioni imposte dagli Stati Uniti, e, di conseguenza, l’incapacità di rinnovare con tempismo le lineup di prodotto. A cui si aggiunge la difficoltà a recuperare chip 5G, sempre per via dell’Entity List dell’ex Presidente Trump.

La difficoltà di Huawei nei segmenti medio ed entry level ha obbligato il brand a concentrarsi sui flagship, lasciando dunque ampio spazio di movimento ai marchi forti nelle fasce di prezzo entro i 500 dollari. Ossia proprio Oppo, Xiaomi e Vivo. Non avendo più nemmeno Honor, per Huawei è stato impossibile arginare le strategie e le tattiche dei competitor.