smartphone-group

I dati di Idc relativi al primo trimestre 2019 (Q1 19) confermano il trend in contrazione del segmento smartphone con una chiusura preliminare con un volume in riduzione del 6,6% rispetto al medesimo periodo del 2018. Nei primi tre mesi di quest’anno sono stati distribuiti (non venduti, i dati Idc sono sempre relativi al numero di unità spedite) circa 310,8 milioni di dispositivi mobili: è il sesto trimestre consecutivo di segno meno. Nel Q1 18 era già stata tracciata una contrazione a volume del 4,7% rispetto al 2017 (che già aveva mostrato un -3,5%).

Questa contrazione non ha però impedito ai brand di dare vita a un vero e proprio terremoto nella classifica a volumi. Samsung rimane al primo posto con un ragguardevole 73 milioni di device spediti, seguita da Huawei con 59 milioni di smartphone. Il marchio cinese si piazza saldamente al secondo posto e supera di gran lunga Apple, terza con 36 milioni di unità.

Il terremoto in questione non riguarda solo le posizioni da medaglia ma prosegue: Xiaomi è quarta con 25 milioni di smartphone; Vivo quinta a 23 milioni a parimerito con Oppo (entrambe sono controllate da Bbk Technologies che di fatto è il terzo produttore al mondo di smartphone). La somma degli altri produttori determina un volume di 72 milioni di dispositivi.

Flussi interni

I movimenti interni alla classifica, che hanno tra l’altro permesso a Huawei di conquistare saldamente la seconda posizione mondiale, si spiegano con la logica della saturazione del mercato. Non ci sono crescite in termini di smartphone ma si generano flussi interni che premiano i produttori più veloci e che sanno intercettare meglio i consumatori, laddove la leva della sostituzione va sfruttata in modo attento. In questo mercato così sigillato nelle sue dinamiche esterne, ma così duttile in quelle interne, sbagliare un prodotto diventa molto pericoloso perché si perde quota. E saper colonizzare bene alcuni segmenti interni al mercato con smartphone ben centrati consente di fare lievitare la market share.

Dal punto di vesta della geografia distributiva, la Cina rimane il mercato più grande ma anche il più sfidante; quello statunitense ha subito una forte contrazione del 15% perché il tasso di sostituzione sta calando vertiginosamente e gli iPhone, secondo Idc, hanno avuto un primo trimestre 2019 molto più debole del previsto.

Brand e smartphone

Andando a osservare i dati dal punto di vista dei brand, si nota come Samsung abbia subito una riduzione dell’8% di volumi: il volume di circa 72 milioni è imponente ma Huawei sta accelerando. Il brand cinese in un anno ha incrementato di circa 20 milioni il numero di unità spedite, con un trend mostruoso di crescita. Soprattutto se si considera che tra Samsung e Huawei c’è stata una differenza di circa 13 milioni di smartphone nel Q1 19. Considerazione che si somma al fatto che Huawei è assente in molti Paesi forti (Stati Uniti, per esempio).

Il trimestre di Apple non è stato semplice. Il 30% di declino in termini di unità parla sufficientemente chiaro. I nuovi iPhone stanno creando qualche difficolta in più del previsto e nemmeno le operazioni di cut price hanno aiutato. L’azienda di Cupertino è chiamata a riprendere le fila dell’innovazione tecnologica lato prodotto. Sempre che sia questa la direzione che vuole intraprendere oppure, come dimostra la trimestrale ufficiale, non si stia concentrando più sui servizi e sulle piattaforme in cui il margine di guadagno in prospettiva futura è senza dubbio immenso.

Veniamo agli outsider. Xiaomi ha beneficiato della forte domanda riscontrata in Europa e nelle regioni asiatiche: Cina, India e Indonesia rimangono i Paesi dominanti. Anche Vivo e Oppo hanno saputo ottenere il massimo dal Vecchio Continente, seppure tenendo un occhio di riguardo a Cina e India dove gli smartphone continuano ad andare forte.

Worldwide Quarterly Smartphone Top 5 Company Shipments, 2019Q1 and 2018Q1 (Shipments in millions)
Company1Q19 Shipment Volumes1Q19 Market Share1Q18 Shipment Volumes1Q18 Market ShareYear-Over-Year Change
1. Samsung71.923.1%78.223.5%-8.1%
2. Huawei59.119.0%39.311.8%50.3%
3. Apple36.411.7%52.215.7%-30.2%
4. Xiaomi25.08.0%27.88.4%-10.2%
5. vivo*23.27.5%18.75.6%24.0%
5. OPPO*23.17.4%24.67.4%-6.0%
Others72.123.2%91.927.6%-21.5%
Total310.8100.0%332.7100.0%-6.6%