Lg
Beko

Lg Velvet entra a gamba tesa nell’agguerrita fascia media con un design da pole position e ottime prestazioni. Abbiamo provato Velvet nella colorazione Aurora White, con 6GB di Ram e 128GB di storage, software aggiornato a giugno 2020. 

Design e Display

Lg

Fiore all’occhiello di questo smartphone è senz’altro l’estetica, esaltata più volte dall’azienda e anche durante l’evento di lancio, e con buone ragioni. In mano Lg Velvet appare come un prodotto elegante: le linee sono fini e pulite, i bordi sottili donano armonia all’effetto complessivo e i bordi leggermente curvati sia anteriormente che posteriormente incrementano la percezione di avere a che fare con un device davvero sottile. In questo aiuta anche il peso: 180 grammi ben bilanciati che restituiscono una sensazione di generale leggerezza. 

La back cover è in vetro: dunque attenzione al grip e alle ditate, che purtroppo permangono. Ma all’occhio salta la fotocamera posteriore, disposta verticalmente, a filo scocca e a incastonarsi perfettamente con il tono elegante e premium dell’intero device. Allo scopo serve anche la cornice metallica che, insieme con il retro Aurora White, confeziona una resa estetica di alto livello. La lente principale è alloggiata in una cornice circolare che sporge di circa un millimetro. È l’unica nota dissonante, ma il risultato complessivo è più che gradevole. 

Passando alla descrizione puntuale, a destra si apprezza il tasto per l’accensione e lo spegnimento del device. A sinistra quelli dedicati alla regolazione del volume e, sotto, il tasto che attiva l’assistente di Google. Sopra trova posto il vano per la sim e il microfono principale. Sotto, da sinistra a destra: jack audio, type-C e speaker mono.

Il device è certificato IP68, dunque resiste a polvere e acqua, arricchendo l’esperienza di una caratteristica tutt’altro che scontata su un modello di questa fascia. 

Per quanto riguarda il display, siamo di fronte a un display OLED Cinematic FullVision a goccia da 6.8” con risoluzione FullHD+ (2460×1080). I bordi sono edge, dunque curvati: il grado di curvatura non è eccessivo, quindi nell’utilizzo non si rischia di incappare in tocchi involontari che penalizzano talvolta l’esperienza. La fotocamera anteriore è alloggiata in un notch centrale: non inficia l’esperienza, ma – giudizio di gusto – il dotch sarebbe risultato forse più coerente all’estetica dello smartphone. Rispetto ad altri device, lo schermo di LG Velvet ha un refresh rate di 60Hz. Con la diffusione di smartphone a 90 e 120Hz, il confronto potrebbe essere penalizzante per il modello LG, tuttavia la fruizione dei contenuti è risultata comunque egregia. 

In generale, i colori sono ricchi e con un ottimo grado di definizione. È un Amoled, dunque i neri sbalordiscono per profondità. I contenuti hanno dunque un’ottima resa: utilizzare questo display è un piacere per gli occhi, sia che si tratti di utilizzare app e social, sia che lo si impieghi per guardare un nuovo episodio della propria serie tv preferita su Netflix. 

Sotto il display trova posto il sensore per lo sblocco tramite impronta digitale, che abbiamo trovato rapido e preciso. Manca invece lo sblocco con il volto.

Prestazioni

Le prestazioni sono affidate allo Snapdragon 765 octa core da 2,4GHz che supporta le reti 5G Sub6, affiancato da 6GB di Ram LPDDR4X e 128GB di storage UFS 2.1, con microSD espandibile fino a 2T.

Il comparto garantisce ottime prestazioni senza inficiare troppo i consumi. Lo smartphone è sicuramente fluido e reattivo e non ha mostrato incertezze in nessuna operazione. Non si registrano lag di sorta, impuntamenti o difficoltà. Anzi, il supporto è totale e “incondizionato” durante tutte le attività. 

Lg

La batteria è ampia, da 4300 mAh con supporto alla ricarica rapida a 18W e alla ricarica wireless a 9W, altra dotazione non scontata su uno smartphone di questa fascia. Caratteristiche che garantiscono di arrivare fino a sera senza problemi e anche qualcosa di più.

Il software, basato su Android 10 e aggiornato a giugno 2020 nel momento in cui vi scriviamo, potrebbe godere di una maggior personalizzazione. Apprezzabile la pulizia estetica e alcune utili funzionalità come il Quick Memo ed LG Health, oltre ai temi e alle icone personalizzabili. Vi è inoltre la possibilità di personalizzare l’always-on e si possono sdoppiare alcune app social e chat così da avere a disposizione due account. Completa poi la parte del multitasking, che permette di utilizzare più app contemporaneamente: funzionalità utile soprattutto quando si usa lo smartphone per lavoro. 

A livello audio LG ha espresso un lavoro ricco con una resa definita e potente, grazie sia allo speaker che alla capsula auricolare, utilizzata per creare un effetto stereo. Nei video si segnala inoltre la funzionalità ASMR, volta ad amplificare il suono del soggetto durante una registrazione. In questo modo si dà corpo e sostanza anche ai suoni più bassi, come il rumore della pioggia sul vetro.

Fotocamera

Lg

La fotocamera presenta una lente principale da 48MP f/1.8 con scatto a 12MP in pixel binning, una grandangolare da 8MP f/2.2 con apertura fino a 120° e una lente da 5MP f/2.4 adibita alla profondità di campo per gli scatti in modalità ritratto. 

La resa è egregia: in condizioni di buona illuminazione, i colori sono corposi e definiti, sia nello scatto 1x che attivando il grandangolo, che non distorce i contorni ma regala una buona rappresentazione. Di sera con scatto normale si perde qualcosa, anche se la modalità notturna aiuta a migliorare la resa. Questa non è attivabile con la fotocamera frontale. In generale, la qualità espressa è adeguata alla fascia di prezzo. Oltre alle modalità classiche, è possibile scegliere Vista Notturna, per supportare lo scatto di sera lato software, la modalità Panoramica e la modalità Manuale, per agire sulle impostazioni di scatto.
Tramite la modalità Sticker è invece possibile scattare un selfie apponendo divertenti elementi alla foto. La fotocamera frontale è da 16MP e anche in questo caso gli scatti raggiungono un buon livello, sia in modalità normale che ritratto. Ottima la possibilità di regolare al fluidità del colore, così da cancellare qualche imperfezione nei selfie. 

Per quanto riguarda i video, questi confermano la qualità del comparto. La resa va dall’HD fino ai 4K a 30fps. Se si desidera girare a 60fps ci si deve “fermare” a 1080p. Anche la stabilizzazione steady non è poi disponibile in 4K, ma riguarda i formati FHD e HD. Utile poi in TimeLapse la possibilità di scegliere in autonomia la velocità di ripresa.  

L’accoppiata col dual screen

Lg

Anche Velvet può essere utilizzato insieme al dual screen. Per chi scrive, l’estetica dello smartphone è talmente bella che merita di essere goduta in solitaria, anche perché la cover non riprende le bellissime linee proprie di Velvet. Comunque la possibilità di avere a disposizione due schermi è sempre un arricchimento dal punto di vista funzionale, come già vi avevamo raccontato per G8X ThinQ. In particolare, si ha a disposizione un altro display da 6,8 pollici che mantiene la stessa luminosità e risoluzione. Con il dual screen si avviano tranquillamente due app separate, oppure si può estendere lo schermo su un’unica app, utile soprattutto sul browser, o ancora usare uno dei due schermi come tastiera. Sempre lato browser, con quello specifico, si può aprire il risultato di una ricerca su uno dei due display. 

Conclusioni

A un prezzo di 649 euro sul sito Lg, Velvet è uno smartphone dall’estetica curata e ricercata, alla quale affianca prestazioni adeguate e una batteria ottima. Si esprime bene anche sul comparto multimediale, garantendo foto e video di qualità, in linea con la fascia di prezzo.