smartphone
Razor

Il comunicato ufficiale del brand coreano mette subito in chiaro la determinazione nel supportare e nel rispettare gli investimenti degli utenti: “LG Electronics ha annunciato che tutti gli smartphone premium attualmente in uso riceveranno fino a tre iterazioni di aggiornamenti del sistema operativo Android a partire dall’anno di acquisto”.

Un impegno forte, di più un “promessa” che, si legge sul comunicato ufficiale dell’azienda, “arriva sulla scia dell’annuncio all’inizio di questa settimana con cui LG uscirà dal business mobile entro la fine di luglio. La garanzia di tre aggiornamenti del sistema operativo si applica ai telefoni LG premium rilasciati nel 2019 e successivi (serie G, serie V, Velvet e Wing) mentre alcuni modelli 2020 come Stylo e serie K riceveranno due aggiornamenti del sistema operativo”.

Il che significa ricevere tre edizioni di Android a partire dall’anno di inizio della commercializzazione del prodotto. Per esempio, nel caso del Wing o del V60, entrambi datati 2020 e affidati ad Android 10, LG garantisce che saranno aggiornati ad Android 11, 12 e 13 (ipotizzando i nomi dei futuri sistemi operativi di Google).

In una postilla si legge che: “Gli aggiornamenti futuri dipenderanno dal programma di distribuzione di Google e da altri fattori come le prestazioni e la compatibilità del dispositivo”.

Con la frase di chiusura, l’azienda ribadisce il proprio impegno nei confronti delle persone che nel tempo hanno riposto fiducia nel brand: “LG continuerà a produrre telefoni durante il secondo trimestre per soddisfare gli obblighi contrattuali nei confronti di vettori e partner. Ciò significa che i clienti possono ancora acquistare i telefoni cellulari LG attualmente in inventario e il supporto del servizio e gli aggiornamenti del software di sicurezza continueranno a essere forniti per un periodo di tempo per determinati dispositivi. I clienti devono contattare il centro di assistenza clienti LG locale per ulteriori dettagli”.