lexgo r10
DB Line

Dopo tre settimane insieme a LexGo R10, il monopattino elettrico di LexGo con tre modalità di guida, siamo pronti a tirare le somme. Lo abbiamo utilizzato in città, dove la superficie di appoggio cambia continuamente e ci si trova spesso a modificare modalità di guida a seconda dell’esigenza contingente.

Dopo il nostro unboxing, abbiamo raccolto diversi commenti circa l’esperienza di utilizzo di questo monopattino e abbiamo dunque deciso di indagarne a fondo le potenzialità.

Caratteristiche di LexGo R10

Lex R10 vanta due ruote da 10 pollici spesse, di 254mm, protette da parafanghi robusti,intervallate da una pedana larga, precisamente di dimensioni 462 x 204mm. L’asta presenta in basso la leva di blocco e sblocco, mentre a destra e sotto rispetto al display si apprezza una porta USB. Il manubrio ospita l’acceleratore a destra, i freni (a disco), a sinistra, insieme a un utile campanello per segnalare la propria presenza.

Da aperto, il monopattino ha dimensioni 1145 x 495 x 1105mm. Chiuso, la profondità scende a 465mm. Il peso di Lex R10 è 17,9Kg.

Il motore da 400 Watt di Lex R10 supporta tre modalità di viaggio: la uno blocca la velocità a 6km/h e mantiene le luci accese, ideale per circolare di sera o in condizioni di scarsa illuminazione, ma anche quando ci si trova in una situazione particolarmente affollata. La modalità due esprime una velocità fino a 20km/h mentre la tre arriva fino a 25km/h, la velocità massima che il monopattino è in grado di raggiungere. Il monopattino è inoltre dotato di cruise control: per attivarlo occorre effettuare una rapida pressione doppia sull’acceleratore.

La batteria da 36V agli ioni di litio si ricarica completamente in 4 ore grazie al caricabatterie da 100-240V e consente un’autonomia di 20 km. Un dato che non va però preso come assoluto ma su cui anzi impattano diversi fattori, come il peso del conducente, la superficie su cui si guida (se piana, la distanza percorribile sarà maggiore), lo stile di guida (troppe frenate equivalgono a una minore autonomia). Si noti che la pendenza massima superabile è di 18°.

La nostra esperienza

Dopo tre settimane abbondanti insieme a LexGo R10, abbiamo riscontrato un dislivello rispetto all’autonomia nominale di 25km. A conti fatti, questa si raggiunge utilizzando la modalità 1 di guida che non supera i 6km/h. La nostra preferita, è quella che abbiamo utilizzato più spesso, è la modalità due. Combinata a un peso di circa 85kg, a uno scenario urbano con saliscendi, asperità del terreno e diverse pendenze, la media dai nostri test risulta superiore ai 15km di autonomia ma inferiore ai 20. Si ricordi comunque che su questi dati impattano molteplici variabili (dalla strada, al vento, dalla modalità di guida alla frequenza di accelerazione e frenata). Con la modalità 3, quella che permette di arrivare a 25km/h e fare accelerazioni piacevoli e divertenti, attestiamo di non aver superato i 15km di autonomia.

Autonomie che, ricordiamo, sono calcolate con i tracciati di Google in quanto LexGo R10 non si abbina purtroppo a un’app, negando a chi lo utilizza tutta la parte “smart” di tracciamento dei chilometri effettuati.

Si riscontra inoltre un’ulteriore variabile che impatta sulla batteria: manca il recupero inerziale in frenata o in rallentamento. La ruota posteriore, dove si apprezza il freno a disco, non ricarica in maniera passiva o attiva la batteria: quindi l’autonomia a disposizione è quella ottenuta tramite il caricabatterie, che impiega circa 4 ore per una ricarica completa.

Per quanto concerne l’esperienza di guida, come avevamo anticipato nell’unboxing, ha confermato un peso asimmetrico del monopattino. La ruota davanti è molto leggera, mentre il peso è spostato sulla parte posteriore per via del motore che vi è integrato e per la pedana larga (che comunque offre stabilità): in frenata o accelerazione il corpo subisce un’oscillazione, verso il retro quando si accelera, in avanti quando si frena.

Una volta presa confidenza con questi movimenti, si capisce che questi aiutano molto perché in accelerazione resta poco attrito sulla parte anteriore, dunque il monopattino accelera velocemente. In frenata si ha una stabilità maggiore, arricchita dal grip garantito dal peso del corpo. Sono movimenti con i quali, l’abbiamo detto sopra, va presa confidenza: per una curva più precisa, per esempio, va caricata la ruota anteriore. Oppure, da fermi, la ruota anteriore si percepisce fin troppo reattiva alle manovre. Non ci si spaventi: basta mettersi al centro della pedana.

Nello specifico, per noi la posizione migliore è quella a metà strada tra una posizione da snowboard e quella da sci, con il bacino parallelo alla pedana. Questo consente di esercitare pressione sulla parte anteriore e controllare il proprio equilibrio. La pedana larga aiuta la pedana a trovare facilmente la posizione corretta, consente di non avere mai i piedi fuori posto e di imprimere la giusta direzione al corpo rispetto all’andamento.

Sul manubrio il freno risulta leggero, preciso e veloce. Il freno a disco è potente e funziona talmente bene che talvolta si può incorrere in piccole derapate. La pedana larga e il baricentro basso aiutano comunque a tenere in linea il monopattino.

Conclusioni

LexGo R10 ci è piaciuto molto, sia nella guida che nel design e nei materiali costruttivi. Non ci risulta pratico il sistema di chiusura, che comunque abbiamo usato poco: occorre sbloccare leva sulla colonna potante del manubrio e agganciare il gancio sulla pedana. Da segnalare anche il peso, 17,5kg si fanno sentire quando bisogna salire scale o in altre situazioni. Buono anche lo schermo, che mostra le informazioni necessarie senza togliere attenzione. L’unico elemento a nostro avviso migliorabile, a parte la connettività bluetooth, sono i materiali dei manubri che ricordano delle vecchie biciclette Graziella che comunque, a conti fatti, garantiscono un ottimo grip.

In definitiva ci sentiamo di promuovere LexGo R10: una volta che si domina il comportamento “telaistico” è un monopattino divertente che lascia poco spazio all’elettronica e molto alla fisicità di guida.

Valutazione
LexGo R10