emporia

Dopo un’estate senza precedenti che ha visto i nostri atleti eccellere in numerose discipline sportive e il ritorno alla quotidianità post vacanze, sempre più italiani scelgono di affidarsi a tecnologie smart per rimettersi in forma. Lo conferma il Trend Radar di Samsung, attraverso lo studio Italiani, Sport e Tecnologia, elaborato in collaborazione con GWI, Istituto di ricerche di mercato, specializzato in “digital consumer behaviour”, che indaga il rapporto degli italiani con l’attività sportiva, il benessere e l’utilizzo degli strumenti digitali, evidenziando come il 44% ne abbia incrementato l’uso sia durante gli allenamenti home-made, che per seguire gli eventi sportivi più importanti. La ricerca è stata condotta in collaborazione con GWI, su un campione di 570 utenti attivi sul web di età compresa tra i 16 e i 64 anni attraverso questionari online.

Il rientro dalle vacanze e l’impegno al benessere

Mai come al rientro dalle vacanze, infatti, con la ripresa della routine, cresce la necessità di uno stile di vita più salutare, attraverso un’alimentazione più equilibrata o grazie alla pratica di attività sportive. Soprattutto in un momento storico come quello attuale, in cui la salute e il benessere psico-fisico sono tornati a essere prioritari e rilevanti per tutti.

Dall’indagine di Samsung emerge come oggi gli italiani si allenino di più. Se prima dello scoppio della pandemia la maggior parte degli italiani praticava attività sportiva 1-2 volte a settimana, ora il 23,1% lo fa con una frequenza settimanale di 3-4 giorni. Gli uomini i più assidui, con il 29,1% vs. il 27,1% delle donne.

A sorpresa, dopo mesi di training online forzati e di sessioni di running nel proprio quartiere, secondo il report di Samsung il 46,6% degli italiani preferisce allenarsi a casa, mentre solo il 19,5% continua a preferire la palestra. A guidare questo trend sono le donne: il 50,2% di loro dichiara infatti di preferire le mura domestiche per tenersi in forma, prediligendo esercizi di fitness quali yoga, zumba e pilates (19%), seguiti da ginnastica (16%). In alcuni contesti, il perdurare dello smart working contribuisce ad alimentare questo scenario: lavorando da casa, risulta infatti più semplice seguire una lezione di yoga online tra una call e l’altra anziché doversi spostarsi per raggiungere altri luoghi. Gli uomini invece sono più portati all’allenamento outdoor tra partite di calcio al primo posto con il 41%, seguito da nuoto (21%) e ciclismo (18%).

Il ruolo della tecnologia nel wellness secondo Samsung

La tecnologia è sempre più presenza costante durante la pratica sportiva: il 44% degli intervistati dall’indagine di Samsung dichiara di aver incrementato l’utilizzo di dispositivi digitali mentre pratica sport, con ben l’80% che conferma di utilizzarli per il proprio workout casalingo. Anche in questo caso sono le donne a guidare la tendenza con il 46.8% vs. il 41.2% degli uomini.

Smartphone, smartwatch e wristband sono i dispositivi più utilizzati, rispettivamente dal 28,8%, 18% e 14,1% del campione. Classifica che cambia parzialmente se consideriamo solo le donne: al terzo posto infatti risulta il buon vecchio laptop, ulteriore conferma dell’impatto dello smart working sull’attività fisica.

Sono sempre più numerosi gli italiani che ricorrono all’utilizzo delle funzioni smart di dispositivi tecnologici per migliorare il benessere psico-fisico, in grado di aiutarli a monitorare lo stato di salute, dormire di più, rilassarsi, nutrirsi in modo sano e controllare parametri vitali come la pressione o il livello di saturazione del sangue. Oltre agli ormai consolidati servizi e funzionalità come il contapassi, l’ascolto di musica e il tracciamento dell’attività sportiva svolta – servizi che utilizzano regolarmente il 43,7%, il 35,8% e il 33,2% degli italiani – tra le tendenze emerge infatti l’uso di app che monitorano il sonno, il battito cardiaco e altre funzioni dedicate alla salute, utilizzate dal 16% del campione scelto da Samsung.

Lo sport però non è solo praticato, ma anche costantemente seguito su tutti gli schermi, a qualsiasi ora, con grande passione da parte dei tifosi. Ma gli italiani dove guardano i match più attesi? Con chi? Tra i dispositivi smart, dallo studio emerge che la Smart TV (46,6%) è lo strumento privilegiato per guardare le competizioni, seguita da laptop (29,1%) e smartphone (23,7%). Lo sport più seguito da donne e uomini è il calcio, rispettivamente con l’84% e il 48%. Seguono motor sport, tennis e nuoto. A potenziare ulteriormente l’esperienza di visione, fondamentali sono la qualità dell’immagine per il 39,8% del campione, una buona connessione internet per il 33% e un suono in alta definizione per il 18,6%.  Partner e amici la compagnia preferita per guardare lo sport, rispettivamente per il 31,4% e il 24,8% anche se un buon 28,4% preferisce godersi gli eventi sportivi da solo, a riprova della grande passione degli italiani verso le competizioni sportive.