imeets
Wiko

Abbiamo coinvolto Fabrizio Pavone, fondatore di QBerg, per comprendere quali tendenze di mercato si sono radicate nel 2020. Pavone le ha indicate come “evidenze”, utilizzando la declinazione matematica di fattore ottenuto da più elementi in relazione funzionale tra loro. Ebbene, partendo dall’analisi di queste abbiamo approfondito i perché si sono affermate nel corso dello scorso anno e come possono diventare un comportamento consolidato nel 2021. Parlando di futuro, abbiamo individuato le principali tendenze per i prossimi mesi. Il tutto è raccolto nella chiacchierata che abbiamo registrato in questo video e riassunto nell’articolo qui di seguito.

Evidenze e trend: tra presente e futuro

Pavone ha individuato le evidenze 2020 sulla base dei dati raccolti ed elaborati da QBerg che tracciano i comportamenti dei consumatori raccogliendo di prima mano i dati dal canale ed elaborandoli e aggregandoli in statistiche e studi ad ampio respiro. Così balza all’occhio che nel corso dello scorso anno c’è stato un grande aumento nell’utilizzo delle campagne Web. Questo “veicolo promozionale”, che può essere considerato come l’equivalente per l’online dei volantini per l’offline, ha rafforzato la sua posizione in modo definitivo. Per questo sarà quasi certamente una tendenza anche per il 2021, come dimostrano anche i brand che ne fanno uso con operazioni speculari a quelle dei volantini.

A causa della pandemia, nel 2020 si è verificato un aumento della richiesta di tutto ciò che ha riguardato l’home working e la didattica a distanza, in particolare nelle settimane tra l’estate e l’autunno. Altri segmenti che hanno beneficiato della situazione contingente, in particolare nel secondo lockdown, sono quelli relativi alla casa, al personal care e all’informatica in senso più esteso rispetto ai notebook. Per esempio, è interessante constatare un aumento tra il 16% e i 20% del prezzo medio delle stampanti: hanno inciso lo “smart working”, la Dad, ma anche la necessità di stampare le autocertificazioni

E ancora, sempre nel 2020 l’e-mobility ha conquistato ampi spazi sui volantini, in modo particolare nei mesi estivi. Alla voglia di muoversi si è sommato il bonus governativo. Quindi la mobilità sostenibile in città non è solo una moda. Se i volantini sono la “cartina di tornasole” di ciò che “tira”, allora il raddoppio della quota di visibilità dell’e-mobility fa capire che c’è stata une vera e propria tendenza.

Uno sguardo al 2021 secondo QBerg

Come detto, un trend quasi certo del 2021 è la continua crescita delle campagne Web. E poi c’è l’incognita del segmento IT: la digitalizzazione delle famiglie sta proseguendo con ritmi a crescita marginale decrescente, tuttavia le aziende sono il nuovo oceano blu.

Bisogna anche considerare l’e-commerce, che nel 2020 ha fatto segnare risultati eccellenti anche e soprattutto dalle insegne tradizionali, con tassi di crescita superiori ai pure player. Tuttavia a fronte di risultati di vendita ottimi, ci sono stati problemi di logistica. Si è ricorso in alcuni casi a soluzioni interne, con un conseguente incremento dei costi complessivi. A cui si sono aggiunti costi impliciti, come ritardi nelle consegne, vendite cancellate, insoddisfazione dei clienti. Come la logistica sarà gestita nel 2021?

Un alleggerimento potrebbe derivare dalla ormai impellente necessità delle persone di tornare a “vivere” la città e a trovare stimoli di acquisto più sugli scaffali fisici che su quelli virtuali. Questa è un’occasione enorme di cross-selling, soprattutto per chi adotta la modalità “click-and-collect”, quella che sembra essere molto gradita dal consumatore. 

I dettagli su QBerg

QBerg è un Istituto di Ricerca italiano che nasce nel 2005 con l’obiettivo di fornire ai propri clienti gli strumenti per conoscere e gestire il mercato dei beni di consumo e di offrire una visione unificata della Price Intelligence e delle strategie assortimentali, comparando ciò che viene pubblicato a livello di flyer, punti vendita fisici, e-commerce e newsletter. QBerg opera nel mercato dei beni durevoli come l’Elettronica, gli Elettrodomestici, l’IT e la Telefonia, ma anche in quello dei beni di largo consumo come la Drogheria, le Bevande, la Casa, la Persona, il Fresco e il Freschissimo, oltre a quelli del Pet Care, del Farmaceutico, del Baby Care, del Bazar e del DIY. 

La metodologia studiata da QBerg con il proprio monitoraggio quali-quantitativo è riconosciuta oggi come la fonte dati più attendibile per comparare le strategie di vendita dei vari player di mercato, analizzare il panorama competitivo, fornendo una visione oggettiva e predittiva dei fenomeni di mercato. I tool di supporto per svolgere attività ad hoc “in-store”, i servizi di formazione focalizzati al punto vendita e i progetti di Data Science completano il panorama dei servizi che QBerg che è in grado di offrire. I servizi di QBerg sono rivolti al B2B, in quanto hanno come principali destinatari l’industria e la distribuzione, in Italia e all’estero. Un’esperienza nel B2C è stata Promoqui , di cui QBerg è stata socio co-fondatore fino allo scorso maggio, quando è stata acquisita al 100% da DoveConviene. Promoqui si è affermato come uno dei migliori aggregatori di volantini, coupon e offerte online, per aiutare il consumatore ad intercettare le promozioni più vicine a lui. 

Nel 2018, grazie al lancio della piattaforma QPoint, nasce la Price Intelligence 2.0, ovvero la risposta di QBerg alla sfida della multicanalità. In un unico ambiente digitale, totalmente riprogettato utilizzando le tecnologie più all’avanguardia, la visione integrata di ciò che accade nei Flyer, negli Store, nelle Campagne digitali, nei Website di e-commerce e nelle newsletter, è a portata di click. Le ricerche tattiche e le analisi strategiche, unitamente alla presenza di reportistiche automatiche, costituiscono un valido supporto per l’utente che opera nelle divisioni Marketing, Trade Marketing, Sales, nonché a Buyer e Category del Trade. 

I punti di forza dei prodotti di QBerg sono da sempre la multicanalità, la facilità d’uso, la qualità dei dati, grazie all’utilizzo delle piattaforme online che storicamente si chiamavano PROMOstat, per il monitoraggio dei flyer; IDEOstat, e IDEOSTAT web per il monitoraggio di store e website di e-commerce; NEOstat, per le newsletter e QSearch, il Google dei prezzi, ovvero un comparatore potente e immediato, per verificare in tempo reale presenza e prezzo dei prodotti nei differenti universi monitorati. 

Dietro ai sistemi, alle piattaforme online, alla numerizzazione e quantizzazione dei fenomeni c’è il Team QBerg, fatto da manager che quotidianamente si mettono alla prova per soddisfare i propri clienti e partner, offrendo servizi di qualità, immediati e innovativi. Il Management Team è costituito da Riccardo Chechi, Sales Director; Fabrizio Pavone, Business Development e Marketing Manager e Germàn Castro Perez, Responsabile Tecnico dello sviluppo e dei sistemi.