iliad
Sonos

2,2 miliardi di euro: tanto sborserà Iliad per acquisire l’operatore polacco Play Communications. Questa operazione è cruciale per il progetto di espansione europea del gestore telefonico, che in Italia conta già più di 6 milioni di utenti.

Il quartier generale di Iliad è in Francia e l’amministratore delegato Xavier Niel ha contrattato uno scambio azionario per acquistare la maggioranza delle quote del provider polacco.

L’ambizione di Niel è accelerare quanto più possibile la diffusione continentale di Iliad, dopo l’incremento di utenti in Italia e in Irlanda. Play Communications è il più recente operatore nato in Polonia (ha debuttato nel 2007) e rientra nella top 4 dei gestori per numero di utenti.

A seguito dell’operazione il valore azionario di Play è aumentato de. 38%, mentre quelle di Iliad ha perso 2,1 punti percentuali alla Borsa di Parigi. Il concorrente principale di Play in Polonia è Orange SA, che ha guadagnato il 14%.

Il primo passo di Iliad in Polonia

È interessante comprendere come Iliad si stia comportando in Polonia perché offre uno spunto su come il gestore sta gestendo la sua espansione europea. In Italia è entrato ex novo, acquisendo le frequenze residue che si sono liberate dalla fusione da Wind e Tre e andando ad acquistarne di nuove all’asta del 5G.

In Polonia sta perseguendo un’altra strategia, ancora più diretta. Subentra a un’entità già esistente e radicata la rinnova, facendola diventare Iliad. Ma non è ancora finita. Perché la campagna acquisti di Neil potrebbe non essere ancora finita. La sede polacca di Iliad potrebbe essere interessata ad altre acquisizioni per strutturare gli asset della linea fissa. Anche in Italia Iliad sta ragionando concretamente su come entrare nella connettività fissa in aggiunta a quella mobile.

Nella nota diramata da Iliad in merito alle operazioni in Polonia si legge che “saremo il miglior partner industriale per continuare a fare crescere Play nel mercato mobile e per ottimizzare il suo debutto in quello fisso”. Per la cronaca, Play vanta già licenze per il 5G e le infrastrutture sono di Huawei.