Il Pasquino: “Li Bitcoin”

Li Bitcoin

Me fa, me dice: “Me so’ comprato li bitcoin!” E io: “Che te sei comprato?!?” “Li bitcoin!”. “E che so?!?”, dico io. “La moneta virtuale!”, me dice quasi scocciato “Che nun la conosci?!”. “Me cojoni!”, faccio io. “La moneta virtuale, e che voi che sia!!!”

Eppure sta storia de sti bitcoin mica l’ho tanto capita, sai. Famose ‘a capì: ma che te stampi li sordi come te pare e piace?!? Ma nun è un reato a stampa li sordi senza chiede gnente a nessuno?!?

Sarà ma a me sta storia me puzza, e pure parecchio! Famme capì: e si per caso io stanotte me svegliassi un po’ d’aceto e lì per lì me stampassi ‘n po’ de Pasquini?!? Come la vedi?!? Se po’ fa?!? Come no?!? E ‘nnamo su: questi se so’ fatti ‘a moneta come glie pareva a loro e io nun posso fa ‘a stessa cosa? Loro sì e io no: e me sa che c’aveva ragione er sor Marchese der Grillo: “io so’ io e voi nun siete ‘n cazzo!”.

Ma nun è che dietro a tutto sto teatrino de sti bitcoin ce sta ‘na bella speculazione o peggio ancora ‘na bella truffa?!” Li signori della finanza dicono de no, che è invece ‘na bella cosa e che fa guadagna pure parecchio… Sarà, ma io nun me fido de nessuno, tantomeno de lor signori: nun me va de famme cojonà così… cornuto e pure mazziato! … ce voglio prima capì bene e nun andacce ‘n puzza dopo… come se dice: a pijassela ‘nder culo ce sempre tempo!

Er giochetto è vecchio: me ‘nvento quarcosa de nuovo e glie faccio ‘n po’ de’ pubblicità, la metto sur mercato e glie faccio acquistà ‘n po’ de’ valore… e in tanto m faccio ‘n ber po’ de’ sordi! E poi, all’improvviso faccio crollà tutto e gliela metto ‘der culo a chi se l’è comprata! Aho, e mica me chiamo Pasquino a caso, no?!?

Te li ricordi i beacon e altre cojonate del genere? Tutte annate per stracci in quattro e quattr’otto… e gente che c’ha smenato tanti de quei quattrini che per rifarseli se dovuto venne casa, ‘a machina e pure ‘a moje!!!…