Il Pasquino: Le feste comandate

Le feste comandate

“Domenica è sempre domenica, si sveglia la città con le campane…”. Che bei ricordi, chicchi miei, che c’ha Pasquino vostro de la sua Roma bella a la domenica matina, quanno er sole risplende ai lati der cupolone e te diverti a fa su e giù pe’ via Condotti e pe’ li scalini de Trinità dei Monti. Me se apre davvero er core a ripensà a quei momenti de quanno, ancora pischelletti, s’annava d’estate pe’ le vie der centro a fa la struscio a piazza Navona o a nasconnese dietro alle statue de ponte Sant’Angelo pe’ poi annasse a rinfrescà sulle sponde der Tevere… Quanto me mancano quei momenti… ma, soprattutto, quanto me mancano li negozi chiusi!

Ma dico io, c’è proprio er bisogno de tenelli sempre aperti pe’ forza? E sti poveri cristi de commessi? Nun gliene frega gnente a nessuno se tutti li santi giorni de festa se ritrovano a lavorà mentre tutti l’artri se la spassano con la famija o la pischella?

E pe’ carità, nun me venite a dì che er consumismo e la società de oggi lo richiedono, perché nun ce credo proprio: sì è vero, trovasse li negozi aperti pure a la domenica e alle feste comandate è sicuramente ‘na grandissima comodità, ma se invece da annessene a rincoglionì dentro a ‘n centro commerciale nun sarebbe meglio stassene a casa o ar parco con li propri cari o la propria amata? E nun ce credo proprio che li conti de li negozi alla fine der mese ne sentirebbero arcunché! Parlamose chiaro: se devi da fallì, fallisci… ma nun perché non sei rimasto aperto a la domenica o ar giorno de Pasquetta, ma perché nun sei stato capace de fà il lavoro tuo… E voi chicchi miei se dovete fa la spesa, fatela durante la settimana o alla sera, o ar limite ar sabato… ma date ‘n po’ de’ riposo pure a sti porelli de’ commessi!

Dice: “In America fanno così da ‘n sacco de’ tempo… negozi aperti h24!” “E sti cazzi!”, dico io… “e chi se ne frega de li americani!”… Aho, in fin de’conti semo italiani e le feste so’ feste pure pe’ noi… mica no!

E poi, fateme capì, nun ce rompono mica li cojoni tutti li santi giorni che se po’ fa la spesa pure su Internet? E famocela sta’ spesa, no? Ma ‘n sai che bello? Te scegli la robba comodamente a casa mentre stai a ssede e te la fai consegnà quanno cavolo te pare… Ma volemo mette?!? E daje, su!

In finale che ve devo dì chicchi miei? Er progresso ce deve fa sta mejo e nun peggio… e pe’ Pasquino vostro nun rispettà le feste vor dì stà proprio peggio!