‘A guida autonoma

Pare che vonno fa’ a’ machina senza conducente… la chiamano “guida autonoma!”, ma autonoma de che, dico io, autonoma de annà a sbatte!?
Ma ve pare a voi che una machina possa annassene in giro tutta sola, senza potè vede ‘ndo annà e ‘ndo nun annà?

Quarcuno m’ha detto: “Ammazza’ Pasquì, quanto sei retrogrado!”… ma retrogrado de che, dico io?… Li botti in machina, fanno male, sa! Autonomi o non autonomi che siano, la pelle ce la rimettemo noi cristiani, mica la machina, no?!

Senza pensà poi ai pori pedoni che senza quarcuno che sta a guidà sartano come i birilli… ogni vorta che ne sarta fori quarcuno all’improvviso famo filotto…

Ma poi dico, io? Ma nun v’eravate mica messi in testa de cercà de’ inventà una machina che consumava de meno e che inquinava poco? E mò che fate?!… ve inventate la machina autonoma perché nun ce l’avete fatta e allora ve dovete da inventà artre fregnacce?… Ma, chicchi miei, impegnate er vostro tempo a trovà quarcosa de’ meglio, tipo che so’, na’ machina coi comandi a voce… a nun ce lo sai che bello quanno te devi da fa un viaggio lungo lungo tutto solo ad avecce un po’ de’ compagnia?! Aho, ma nun ve lo ricordate er mitico Supercar?!… A Pasquino vostro, Kit glie stava proprio simpatico: faceva tutto er preciso e stava a li comandi tua senza rompe l’anima e datte sempre addosso…

Oppure che so, ‘a machina co’ er bricco der caffè sempre a portata de mano… e nun sai che bello: mentre stai a guidà, schiacci un bottone ed eccolo là er cafferino bello pronto cardo cardo…

O perché no, ‘a machina a pannelli solari: con tutto er sole che ce sta a Roma mia, pe’ fa da Trastevere a li colli ce mettemo si è no du raggi de sole, mica no…

E po dico io, se nun c’ha voglia de’ guidà, aho, e pijate l’autobus o er treno, no? O sennò, perché nun te fai ‘na bella pedalata in bicicletta che te fa pure bene a la salute…