Samsung
TCL

Dopo aver lanciato l’iniziativa Viaggio in 8K: riscopri l’Italia nei suoi dettagli con un cortometraggio realizzato da fotografi e travel blogger con Samsung Galaxy S20 Ultra e aver coinvolto i consumatori con un concorso durante l’estate, Samsung ha deciso di proseguire il viaggio per immortalare le bellezze della penisola italiana con il massimo della definizione possibile. È nato così il video racconto in 8K allascoperta di una Italia ancora una volta diversa e speciale, raccontata questa volta attraverso le sapienti riprese dello YouTuber Jacopo D’Alesio in arte Jakidale, già famoso per aver girato l’Italia in monopattino e per le sue diverse avventure tecnologiche. Jakidale è andato alla riscoperta del patrimonio naturale mondiale dell’umanità presente in Italia. Il nostro Paese, infatti, vanta 55 siti Unesco, la maggior parte dei quali di tipo culturale o misto, e solo cinque di tipo naturale. La difficoltà? Vederli tutti e farlo in soli tre giorni (o quasi).

Il video racconto di Jakidale, ripreso grazie alla tecnologia innovativa dello smartphone Samsung Galaxy S20 Ultra, mostra questi cinque patrimoni naturali rappresentando le peculiarità di questi luoghi: dal cibo al panorama, fino alla popolazione locale. In poco più di 72 ore, Jakidale ha girato l’Italia da nord a sud, con mezzi tradizionali e particolari, persino un elicottero, documentando paesaggi e tesori del patrimonio italiano con caratteristiche molto diverse, dal mare alla montagna, dai boschi alle città. 

Il tour è passato per la caratteristica montagna a forma di piramide del comprensorio lombardo Monte San Giorgio, per poi volare in elicottero verso il Trentino alla scoperta delle Dolomiti: dalle morbide fasce verdi dei boschi e delle praterie, alle linee più dure e i colori più intensi delle cime rocciose, fino al bianco dei ghiacciai. Jakidale ha successivamente raggiunto la capitale in treno per poi muoversi sulle quattro ruote per scoprire le antiche faggete primordiali dei Carpazi e di altre regioni d’Europa nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Foreste speciali che l’autunno rende magiche grazie ai suoi colori e alla luce delicata. Con un aereo si è poi diretto in Sicilia per realizzare un’escursione sul Monte Etna, ha raggiunto la vetta del vulcano attivo più alto d’Europa in funivia, ammirato i suoi crateri e si è immerso nei colori del bellissimo panorama al tramonto.

Le ultime ore del tour sono dedicate alle Isole Eolie: un arcipelago di isole vulcaniche, affascinanti e ricche di flora e fauna, con meravigliose spiagge, cale, grotte, insenature e faraglioni. Con questa tappa lo YouTuber ha concluso la sua scoperta dei cinque siti naturali italiani inclusi nella lista dei patrimoni dell’umanità e la sua corsa contro il tempo

Dal viaggio dello YouTuber è nata la sua bellissima esperienza raccontata sul suo canale YouTube con un video che mostra la bellezza dei luoghi, condita da divertenti retroscena del viaggio. Le immagini più belle e spettacolari riprese in 8K dal Galaxy S20 Ultra sono state condensate poi in uno speciale cortometraggio.

Un viaggio in alta definizione grazie all’ecosistema Samsung in 8K, che permette di registrare in 8K con Samsung Galaxy S20 Ultra e di visionare i contenuti sui QLED 8K. Perché, mai come oggi, è importante apprezzare il proprio territorio, le tradizioni e i paesaggi per avere un nuovo sguardo verso l’Italia e vivere il viaggio con una nuova prospettiva, rimanendo sempre connessi, non solo tecnologicamente ma anche umanamente, e riassaporando le esperienze vissute nella massima qualità possibile. 

Al termine del viaggio, Jakidale ha stilato una mini-guida su come utilizzare al meglio la tecnologia di Galaxy S20 Ultra per realizzare dei video da professionista. Consigli utili e piccoli accorgimenti che possono trasformare semplici video in racconti ricchi di dettagli e avventura. Di seguito i cinque consigli di Jakidale:

Samsung: Avere una storia da raccontare

Avere un soggetto interessante e bello da raccontare è il punto principale di ogni video racconto. Avere una storia da comunicare è fondamentale per creare un video interessante, che sia la particolarità di un posto o la storia di una persona, il video deve avere un messaggio interessante, che comunichi un’emozione allo spettatore. 

Saper cambiare prospettiva

Molte persone, soprattutto se alle prime armi, tendono a realizzare sempre le stesse riprese, invece bisogna saper cambiare prospettiva e sperimentare. Questo aspetto è spesso sottovalutato e dato per scontato quando si è alla regia, ma è importante provare a realizzare delle riprese più interessanti, fuori dagli schemi. Bisogna sapersi immedesimare nel soggetto e riprenderlo da diverse angolazioni, abbassandosi e alzandosi, girandogli intorno e sperimentando varie angolazioni. Provando, ad esempio, ad assumere la prospettiva di una formica per raccontare la bellezza di un fiore.

Giocare con la luce

Amica e nemica, la luce va sfruttata al meglio. Le riprese vanno realizzate preferibilmente a favore di luce, ma a volte risulta interessate anche giocare con il controluce. Se, invece, si è in una stanza al buio e la luce è debole, bisogna capire come sfruttare al meglio quel poco di illuminazione che si ha a disposizione o vedere che effetto si ottiene con la luce del sole semplicemente aprendo leggermente la finestra o spalancandola. Giocare con la luce è necessario per scoprire in che modo utilizzarla al meglio per realizzare concretamente la propria idea di video racconto.

Tenere le lenti sempre pulite

Sembra scontato ma spesso è un dettaglio a cui non si pensa, le lenti devono essere sempre perfettamente pulite. Sporco e sebo delle mani vanno a depositarsi sulle lenti dello smartphone, quindi bisogna sempre pulirle, meglio se con un panno in microfibra (Jakidale, ad esempio, ne ha sempre uno con sé che all’occorrenza utilizza per pulire al meglio le lenti). Altrimenti, si può sempre fare alla vecchia maniera utilizzando la maglietta di cotone. 

Avere la mano ferma

La stabilità è fondamentale, soprattutto nei video in 8K dove i dettagli vanno valorizzati. Avere la mano ferma durante le riprese non vuol dire necessariamente usare un cavalletto o uno stabilizzatore, ma significa fare molta attenzione ai movimenti e trattare lo smartphone con delicatezza, muovendo un passo dopo l’altro con fermezza per garantire stabilità e quindi qualità al proprio video racconto.