Beko

Honor 9X è una sintesi delle caratteristiche e funzionalità software e hardware più desiderate e offre all’utente la massima esperienza attraverso i progressi della fotografia, del design e delle prestazioni. Dispone di una raffinata lavorazione posteriore a X, che richiama appunto il nome, e di un segmento imaging a triplo sensore con il principale a 48 Mpixel. In occasione del lancio di Honor 9X abbiamo incontrato Anya Nikoloska Zelenkov, Marketing Manager per Honor in Italia. Le abbiamo chiesto cosa rappresenta oggi il brand Honor, quali sono le peculiarità e i segreti di 9X ma soprattutto ci siamo affidati a lei per rassicurarvi di una cosa: tutti gli smartphone in commercio e già in funzione del brand continueranno a operare perfettamente con Android e le app.

Honor a 48 Mpixel

Honor 9X (proposto a 299 euro) è dotato di una versatile configurazione a tre fotocamere, di cui la principale è da 48 megapixel. Non solo risoluzione elevata ma anche illuminazione, in virtù di un’apertura f/1.8 e di un sensore con dimensione di 1/2″ per aumentare la qualità dell’immagine. In poche parole, l’ampia apertura e il sensore consentono di catturare una maggiore quantità di luce attraverso l’obiettivo e una maggiore superficie fotosensibile, ottenendo immagini ad alta risoluzione e realistiche. Non manca poi la Super Wide Angle Camera a 120°: grazie alla correzione automatica della distorsione, lo smartphone consente di ottenere scenari e paesaggi definiti. Dal canto suo, l’obiettivo 2MP depth-assist a f/2.4 consente la tecnologia di riconoscimento della profondità di campo per scattare con l’effetto bokeh.

Gli scatti notturni

A differenza della fotografia di giorni, dove c’è un’ampia illuminazione ambientale, per la fotografia in notturna sono spesso necessari accessori aggiuntivi al fine di ottenere una messa a fuoco nitida dopo il tramonto. Sapendo che può essere ingombrante e irrealistico per l’utente medio portare con sé un kit fotografico come i treppiedi, Honor 9X offre una soluzione intelligente all-in-one, offrendo la modalità AIS Super Night Mode e la tecnologia di fusione della luce 4-in-1 per ottenere foto notturne ultra-chiare.

A tal fine è stato sviluppato uno specifico algoritmo AI per produrre immagini vivide ma realistiche. Grazie alla modalità AIS Super Night Mode, il complesso processo di ripresa fotografica in 4 fasi si svolge in pochi secondi o meno.

Passo 1: Rilevamento portatile AI

Dal momento in cui viene premuto l’otturatore, la funzione AI abilitata viene attivata per rilevare prima di tutto se l’utente sta scattando una foto a mano. Honor 9X analizza in modo intelligente l’immagine di anteprima e le informazioni provenienti dal sensore di gravità e dal giroscopio.

Al fine di comprendere appieno le abitudini di ripresa di un utente, il team R&D di Honor ha raccolto una grande quantità di dati prima di condurre un’analisi completa e una simulazione meccanica dei diversi scenari fotografici. Lo smartphone 9X rileva se la foto è scattata con un treppiede o a mano in soli 0,2 secondi, con una precisione vicina al 98%.

Passo 2: Rilevamento della luce AI

Gli ingegneri di Honor hanno quindi utilizzato il concetto di fotometria per personalizzare le impostazioni specifiche richieste per ogni singola esposizione. Il cervello umano è dotato di un sistema fotometrico automatico che valuta la forza relativa della luce e i nostri occhi reagiscono istantaneamente per controllare la quantità di luce ammessa.

Allo stesso modo, l’algoritmo AI funge da cervello dello smartphone, regolando le configurazioni di esposizione in modo intelligente sulla base delle informazioni acquisite con il riconoscimento della scena, come la distribuzione della luce nell’ambiente circostante e la quantità di jitter della mano. Nelle impostazioni più luminose con il minimo di tremolio della mano, il tempo di esposizione sarà più breve con meno fotogrammi, mentre gli ambienti scarsamente illuminati e i tremori della mano si tradurranno in un tempo di esposizione più lungo e in un maggior numero di fotogrammi. Raggiungendo il valore preimpostato desiderato, Honor 9X assicura che la quantità di luce in entrata sia sufficiente a produrre l’immagine ideale.

Passo 3: Elaborazione dell’IA per la massima chiarezza

Se i tremolii della mano rimangono un problema dopo lo scatto, l’elaborazione delle immagini AI di 9X filtra le immagini sfocate prima di combinare il resto della selezione delle immagini allineando gli elementi visivi per formare un unico scatto senza sfocatura. La capacità di elaborazione consente a Honor 9X di elaborare efficacemente la grande quantità di dati necessari per consentire una fotografia in notturna di alto livello.

Passo 4: Sintesi dell’immagine

Infine, l’algoritmo AI integra le immagini “approvate” in un’unica ripresa finale, valutando e regolando la luminosità di ogni area per assicurarsi che l’evidenziazione non sia sovraesposta e che le regioni più scure siano mantenute visibili. Durante la sintesi, le discrepanze vengono rilevate pixel per pixel, correggendo eventuali errori e riducendo il rumore dell’immagine. Honor 9X ripete il processo per produrre un’immagine ottimale che mostra dettagli precisi e colori meravigliosi, garantendo la massima qualità dell’immagine durante un servizio fotografico spontaneo.

Sensore 4 in 1

Honor 9X vanta anche una tecnologia 4-in-1 Light Fusion, che promette una fotografia notturna ultra-chiara e luminosa con una risoluzione di 12 MP. L’innovativo layout Quad Bayer migliora il processo di gestione di luce e riduce il rumore dell’immagine. Contrariamente alla tradizionale tecnologia Cmos Bayer pixel array, che si vede nelle tipiche fotocamere per smartphone, Honor 9X combina in modo intelligente quattro pixel per formare immagini da 1,6 um-pixel, migliorando efficacemente la sensibilità alla luce per fornire foto luminose indipendentemente dall’ambiente circostante.

Stabilizzazione video di Honor

Le generazioni future spesso documentano la loro vita quotidiana attraverso i video, ma il movimento pone una grande sfida nelle riprese e i risultati sono spesso sfuocati e deludenti. Honor 9X risolve il problema con una soluzione; la funzione di stabilizzazione video AI Video Stabilization migliora il concetto tradizionale di stabilizzazione elettronica dell’immagine per rimuovere i colpi di mano indesiderati e ripristinare la qualità video.

Un aggiornamento alla stabilizzazione elettronica dell’immagine visto negli smartphone di punta, AI Video Stabilization allinea la posizione degli elementi chiave fotogramma per fotogramma per produrre video fluidi e stabili. Il giroscopio di Honor 9X rileva immediatamente l’entità di qualsiasi movimento del telefono, che fornisce una migliore precisione rispetto alla sola valutazione delle immagini, regolando le discrepanze in modo intelligente per contrastare il tremito.

Un’altra sfida è l’effetto “tapparella”. Gli elementi dei video si distorcono, anche quando la mano è fissata in posizione stabile. Questo perché il sensore di immagine CMOS esegue la scansione e l’esposizione linea per linea. In altre parole, non tutte le parti dell’immagine sono registrate nello stesso istante, quindi si verificano interruzioni quando gli oggetti si muovono velocemente.

Per eliminare questa distorsione, Honor 9X divide ogni fotogramma in griglie multiple, modificando e riaggiustando le discrepanze attraverso una precisa fusione dei dati. Il risultato è un video naturale e senza interruzioni.

Caratteristiche hardware di Honor 9X

Honor 9X è il primo dispositivo del brand ad adottare la desiderata Pop-Up Selfie Camera, togliendo il notch dal display per offrire un’esperienza visiva coinvolgente in ogni circostanza. Grazie alle cornici sottili e all’avanzata tecnologia chip-on-film (COF), il display FullView da 6,59″ assicura un rapporto schermo/corpo del 91%. Il pannello è assistito dal Dynamic Range Enhancer, una tecnologia di miglioramento video normalmente limitata agli smartphone premium. Basato sull’elaborazione HDR, l’algoritmo Hiace ottimizza il contrasto in aree troppo chiare o troppo scure, ripristinando automaticamente i dettagli di tutti i contenuti video.

Le altre caratteristiche hardware di Honor 9X comprendono processore Kirin 710F assistito da 4 GB di Ram e 128 GB di storage espandibile con lo slot ibrido a doppia Sim oppure Sim+microSD fino a 512 GB. La batteria da 4.000 mAh si ricarica attraverso la porta Usb-C da 2 ampere. Android 9 è personalizzato con la Emui 9.1. Agli appassionati di gaming è dedicat il file system UFS 2.1 Storage e Erofs, al fine di ridurre le latenze.

UFS 2.1 assicura velocità di lettura e scrittura rispettivamente a 962MB/s e 169MB/s. Erofs migliora la velocità di lettura random del 20%, mentre lo spazio di memoria effettivo per l’utente è aumentato del 14%.