Fonte: Ansa – Huawei potrà tornare ad acquistare i prodotti dai fornitori americani, in quella che appare una concessione fatta dal presidente Donald Trump nei colloqui avuti a Osaka con l’omologo Xi Jinping. “Le compagnie Usa possono vendere attrezzature a Huawei, lì dove non ci sono grandi problemi con la sicurezza nazionale”, ha detto lo stesso Trump, parlando nella conferenza stampa alla fine del G20 di Osaka.

“Abbiamo discusso di molte cose. Abbiamo discusso di Huawei. Una cosa che consentirò, e che sorprenderà molte persone, è che vendiamo a Huawei un ammontare enorme di componenti utili per i vari prodotti che loro fanno”, ha aggiunto Trump, dicendo di non essere disponibile, tuttavia, a rimuovere la compagnia dalla “lista nera” del commercio Usa. Il futuro della compagnia, invece, non sarà deciso fino alla fine dei colloqui sul commercio. L’argomento è stato tra quelli più discussi in conferenza stampa, in base al fatto che le risposte di Trump sono apparse a molti poco chiare, a partire da quanto ampio sia il via libera agli acquisti e se si tratti di uno nuovo o se si riferisca alla proroga di 90 giorni già decisa. Comunque, il presidente ha assicurato di non aver parlato con Xi del caso del direttore finanziario di Huawei, Meng Wanzhou, arrestata a dicembre a Vancouver su richiesta Usa con l’accusa di aver violato le sanzioni americane all’Iran. Meng, ora in libertà vigilata, è in attesa che il Canada decida sulla estradizione negli Usa.

Cina, rimozione del bando Usa benvenuta se attuata 
Replicando alle parole del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, secondo cui alcune restrizioni alla Huawei saranno rimosse, un rappresentante della Cina al G20 ha commentato: “ovviamente noi daremo il benvenuto a queste parole se fossero messe in atto”. A parlare è Wang Xiaolong, inviato speciale per gli Affari del G20 del ministero degli Esteri cinese, nella conferenza stampa di chiusura del G20. “Huawei – ha aggiunto Wang, secondo i media cinesi – è una società privata con tecnologie guida nell’It. Mettere restrizioni rende ogni parte perdente”.