Huawei dà il via all’era del 5G commerciale e consegna oltre 10.000 stazioni base 5G

Si sta svolgendo a Londra il 9° Global Mobile Broadband Forum dal titolo “5G Inspiring the Future”. L’evento riunisce oltre 2.200 tra leader e analisti del settore, operatori di telefonia mobile, industrie verticali e organizzazioni per la definizione degli standard di connettività provenienti da tutto il mondo.

Durate il Forum, Ken Hu, Rotating Chairman di Huawei, ha annunciato la consegna delle prime 10.000 stazioni base 5G di Huawei, illustrando la visione dell’azienda per il futuro della connettività.

“Il 5G avvierà una rivoluzione tecnologica”, ha affermato. “Porterà nuova energia a tutto il settore ICT e innescherà cambiamenti radicali nel business, creando opportunità finora mai immaginate”.

Ken Hu ha inoltre incoraggiato i partner industriali a adottare una nuova mentalità nella creazione di nuovi dispositivi, nello sviluppo di applicazioni e nel realizzare nuove scoperte in grado di migliorare l’esperienza degli utenti. Secondo il manager, un tale approccio è cruciale per valorizzare pienamente il 5G. Ken Hu si è quindi soffermato sui cinque cambiamenti fondamentali che il 5G porterà:

  1. Il 5G trasformerà la connettività in una piattaforma. Con il 5G, le connessioni a reti wireless miglioreranno ulteriormente, fornendo una connettività stabile, diffusa capillarmente e senza limiti per tutte le persone e gli oggetti.
  1. Tutto sarà online. Attualmente, la maggior parte degli oggetti e dei dispositivi elettronici non sono connessi. Con il 5G, essere online e connessi diventerà l’impostazione di default per ogni oggetto e dispositivo.
  1. Il Cloud sarà ovunque.  Grazie al 5G, il cloud metterà a disposizione un’enorme potenza di calcolo con velocità di trasferimento istantanea e una latenza sempre più vicina allo zero. Ciò renderà l’’intelligence on demand’ disponibile per chiunque e ovunque. Cominceranno così ad emergere nuovi modelli di business come il Cloud X, dove i dispositivi sono potenziati da risorse inesauribili basate sul cloud.
  1. I dispositivi saranno ridefiniti. Con il supporto dell’Intelligenza Artificiale su rete e cloud, i dispositivi passeranno da essere “plug and play” a diventare “plug and think”. Capiranno quindi meglio gli utenti, interagendovi in modo naturale essendo in grado di prevedere attivamente le nostre esigenze, attivandosi non solo per rispondere passivamente ai comandi.
  2. L’esperienza utente sarà un flusso continuo. Con le reti esistenti, la nostra esperienza online è frammentata in diversi scenari. Quando tutto sarà online e basato sul cloud, l’esperienza e i contenuti saranno costantemente fruibili, regalando un’esperienza davvero olistica.

“Il 5G è pronto sotto tutti i punti di vista” ha detto Hu. “È pronto per l’uso, è conveniente e soprattutto la domanda è reale. Naturalmente ci sono ancora alcuni ostacoli alla distribuzione 5G”.

Ken Hu ha quindi affrontato il tema dell’allocazione dello spettro e la realizzazione dei siti. In particolare, gli operatori mobili non dispongono di sufficienti risorse di spettro. Per incrementarne l’implementazione, Hu si è augurato che i governi accelerino il processo di armonizzazione e rilascio delle porzioni di spettro 5G a banda larga, mantenendo un costo totale inferiore a quello del 4G. “Nel frattempo, oltre alla banda C, tutte le bande possono essere utilizzate per il 5G, comprese quelle da 2,3 GHz e 2,6 GHz”.

“Per quanto riguarda i siti, la realizzazione delle reti è un’attività costosa”, ha proseguito. “Incoraggiamo i governi a rendere disponibili maggiori risorse pubbliche per agevolarne la realizzazione. Le infrastrutture di servizio condivise, come i tetti e i pali della luce, possono aiutare gli operatori a ridurre i costi e i tempi, e persino a costituire nuove fonti di entrate per i servizi pubblici. “Riteniamo che il 5G fornirà un contributo importante e duraturo alla società: Huawei è impegnata assiduamente a rendere le reti 5G più solide, semplici, intelligenti e sicure”.

Il Global Mobile Broadband Forum di quest’anno si è aperto con due giorni di interventi focalizzati su una serie di argomenti, tra cui approfondimenti in merito alla nuova tecnologia di rete e le migliori pratiche nella distribuzione commerciale del 5G. Le sessioni di approfondimento coprono anche argomenti come i servizi connessi su reti LTE, i sistemi digitali di interni, le tecnologie di connessione per superare il digital divide nei mercati emergenti, l’automazione della rete e le reti cellulari vehicle-to-everything (C-V2X).

Il secondo giorno dell’evento, GSMA, un ente commerciale che rappresenta gli interessi degli operatori di reti mobili, ospita un Summit Cloud AR/VR. Nel corso del Summit, GSMA lancerà un forum Cloud AR/VR per aiutare gli operatori e i partner dell’ecosistema a portare nuovi servizi e applicazioni nell’era dei 5G.

Oltre ai keynote e alle sessioni di approfondimento, al forum Huawei presenta tecnologie di rete all’avanguardia come SingleRAN Pro e applicazioni di nuova generazione che utilizzano il modello Cloud X. Organizzazioni come GSMA, TechUK e il governo dei Paesi Bassi terranno anche esposizioni, insieme a 10 diversi operatori mobili di Europa, Medio Oriente e Asia-Pacifico e 36 partner Huawei provenienti da tutto il mondo.

Una installazione esterna con la più estesa rete di 5G trial in Europa, offre ai partecipanti l’opportunità di vivere un’esperienza 5G in diretta in un veicolo in movimento. Nella zona di prova, tutti e quattro i principali operatori del Regno Unito – BT/EE, Three UK, Vodafone e O2 – lavorano fianco a fianco per presentare le soluzioni 5G per WTTx (wireless per la banda larga domestica), Internet of Things e veicoli connessi.