[Aggiornamento 05/02/2020]: in fondo all’articolo trovate le offerte aggiornate in tempo reale dei nuovi Huawei MateBook

Ecosistema. Questa è la parola d’ordine di Huawei per il 2020. E a pronunciarla con orgoglio è Isabella Lazzini, Marketing & Retail Director Cbg di Huawei in occasione della prima conferenza stampa di quest’anno nella quale sono stati presentati due nuovi Pc e un wearable. L’incontro, che si è svolto all’Experience Store nel centro commerciale Citylife a Milano, è stato anche l’occasione per approfondire l’andamento dell’azienda, tirando le somme del 2019. Che è stato un anno molto positivo, considerando le vicissitudini a cui il brand è stato soggetto e delle attenzioni a cui è stato oggetto da parte di Trump.

I dati esposti dalla Lazzini parlano chiaro: il gruppo Huawei ha totalizzato un fatturato di 120 milairdi di dollari, che equivale a una crescita rispetto al 2018 del 18%. Questo è stato possibile perché sono stati spedite oltre 240 milioni di unità di dispositivi mobili, con un incremento delle gamme Mate e P di oltre il 50% rispetto al 2018, per un totale di 44 milioni di device distribuiti. L’impegno dell’azienda nel 5G è certificato da due dati: oltre 6,9 milioni di smartphone e 60 contratti firmati con gli operatori a livello globale. Ma per Huawei non è stato solo l’anno degli smartphone: nel 2019 sono aumentate del 214% le spedizioni di PC e del 10% quelle di tablet, così che il market share (canale online) nel primo caso è salito al 9,1% e nel secondo caso al 26,5%.

Ancora una volta, questi dati confermano come l’ecosistema sia sempre più centrale nella strategia di Huawei: “More than ever (più che mai)”, come sottolinea Lazzini. La base portante di questa diffusione è rappresentata da Hms (Huawei Mobile Services), tanto che nel 2018 il numero di utenti attivi sulla Appgallery ha toccato quota 490 milioni al mese (26 milioni in Europa).

I dati in Italia

In Italia il numero di utenti di Hms si è stabilizzato sopra i 5 milioni al mese, con un incremento del 78% dalla prima metà del 2019 alla seconda metà dell’anno. Appgallery nel nostro Paese genera 16 milioni di download al mese. “Abbiamo chiuso accordi importanti con sviluppatori internazionali e sempre più ci stiamo concentrando su quelli italiani”, spiega Lazzini che riporta alla memoria al Developer Day di novembre. Sulla scia di questo primo appuntamento italiano, i developer nazionali sono aumentati del 30% arrivando a quota 1,3 milioni e sarà aperto a Milano il primo Hms Training Center. Inoltre, per premiare chi scarica da Appgallery, basta scaricare cinque applicazioni per partecipare al concorso che mette in palio 5 Freebuds 3 alla settimana.

Il nuovo MateBook X Pro

“Siamo felici oggi di poter dare il benvenuto ai nuovi componenti dell’ecosistema Huawei. I prodotti che abbiamo presentato, dai nuovi notebook ai wearable, ci permettono di completare un ecosistema che, giorno dopo giorno, si arricchisce di nuovi elementi per migliorare e semplificare la quotidianità dei nostri utenti, grazie a un’esperienza intiuitiva e sempre connessa”, dice Pier Giorgio Furcas, Deputy General Manager Huawei Cbg Italia. Il primo passo di espansione è rappresentato dai nuovi MateBook.

Così Huawei propone l’edizione 2019 del MateBook X Pro con display FullView da 13,9 pollici e rapporto screen-to-body del 90%. Lo schermo in formato 3:2 ha risoluzione di 3.000×2.000 pixel (3K) e copre l’intero gamut Rgb. Il notebook ha spessore di 14,6 mm e peso di 1,33 Kg. In una scocca così compatta trovano posto il processore Intel Core i7-8565U di ottava generazione, il reparto grafico Nvidia MX250, lo storage da 512 GB e una batteria a ricarica rapida (per ottenere il 100% bastano due ore e mezza).

Sul fronte software è interessante citare il software Huawei Share 3.0 OneHop che semplifica il trasferimento di foto, video e documenti tra il Pc e lo smartphone (Huawei), oltre a permettere la condivisione del dispositivo mobile. Il collegamento è ad alta velocità: per trasferire 500 foto ci vuole 1 minuto oppure un video da 1 GB in 35 secondi. Un’altra novità di Share 3.0 è la possibilità di condividere la registrazione dello schermo del C con uno smartphone: è sufficiente scuotere leggermente il telefono e toccare l’icona Huawei Share sul notebook per far partire la registrazione e avviare il trasferimento. Tutti i dispositivi con Emui 10 possono inoltre dialogare con MateBook X Pro 2019 perché è nativa l’interconnessone tra i device e le applicazioni. Huawei continua a migliorare ulteriormente l’esperienza dell’utente su ogni piattaforma e in ogni condizione d’uso.

Huawei MateBook D

I nuovi notebook vantano una dotazione curata e un prezzo interessante. Sul fronte estetico spiccano i display “borderless” FullView, con rapporti tra scocca e pennello prossimi al 90%. Non manca nemmeno la funzione OneHop per semplificare il dialogo tra smartphone e Pc. Due i modelli: MateBook D da 14’’ e 15’’, entrambi affidati al processore Amd Ryzen 5 3500U. I pesi portatili sono rispettivamente di 1,38 e 1,53 Kg.

MateBook D 14’’ e 15’’ presentano una camera a scomparsa e uno schermo 16:9, con cornici laterali e superiori che misurano rispettivamente solo 4,8 mm e 5,3 mm. I display hanno rapporto screen-to-body rispettivamente dell’84% e 87%. Lo storage complessivo di 512 GB è suddiviso in due dispositivi di archiviazione composti da una unità a stato solido e un disco rigido al fine di migliorare l’efficienza del computer, mentre la tecnologia G-Sensor protegge l’hard disk da urti e cadute accidentali. Entrambi i portatili hanno Fingerprint Power Button: il pulsante “due in uno” che integra il sensore di impronte digitali in quello di accensione, in questo modo l’accesso al pc è “one touch”.

MateBook D 14’’ e 15’’ si collegano rapidamente allo smartphone grazie alla funzione Huawei Share OneHop. Dopo aver avvicinato il dispositivo mobile alla zona Nfc del Pc, i due dispositivi saranno collegati. Una volta stabilita la connessione, il display dello smartphone sarà comodamente visualizzabile sul desktop del pc. In questo modo, semplice e immediato, sarà possibile trasferire i propri file da un dispositivo a un altro, accedere ai messaggi o e-mail presenti sul telefono, aprire le proprie app Android preferite e finalizzare un lavoro iniziato sul telefono direttamente sul computer godendo della comodità offerta da mouse e tastiera.

Ricarica veloce dei notebook

MateBook D 14’’ e 15’’ supportano la ricarica rapida: con solo 30 minuti di ricarica raggiunge fino al 46% di autonomia. La batteria da 56 Wh promette un’autonomia fino a 10 ore di lavoro in ufficio, 9.5 ore di riproduzione video e 9.4 ore di navigazione web (con una ricarica completa). Il modello da 15” supporta anche la tecnologia SuperCharge, consentendo al pc di ricaricarsi fino al 54% in soli 30 minuti e permettendo – con carica completa – di lavorare per oltre sette ore in ufficio, sostenere più di nove ore di riproduzione video e quasi nove ore di navigazione web. Il caricabatteria di entrambi i Matebook ha ben due porte Type-C e può essere utilizzato anche come cavo per il trasferimento dati.

Huawei Band 4 Pro

La nuova smartband è capace di calcolare il livello di ossigeno nel sangue e monitorare il battito cardiaco e il sonno, grazie alle tecnologie proprietarie TruSeen 3.5, Heart Rate Monitoring e TruSleep 2.0 Scientific Sleep. Sono 11 le modalità di allenamento monitorate sia per attività outdoor sia indoor. Grazie al Gps integrato è possibile registrare e tenere traccia delle prestazioni, come corsa e nuoto, anche senza collegarsi ad uno smartphone.

La durata della batteria del Band 4 Pro garantisce un utilizzo continuativo e intensivo del dispositivo: fino a 7 ore con Gps attivo. Il wearable vanta uno schermo Amoled da 0,95 pollici a colori con risoluzione di 240 x 120 pixel. Il cinturino è in silicone e il peso complessivo è pari a circa 25 grammi. Huawei Band 4 Pro può essere utilizzato con smartphone Android (4.4 e versioni successive) e iOS (9.0 e successive).

I prezzi consigliati da Huawei

MateBook X Pro, nella configurazione i7/8GB/MX250 e touchscreen da 14” sarà disponibile nelle prossime settimane presso i migliori negozi di elettronica di consumo e presso il Huawei Experience Store di Milano al prezzo consigliato di 1.699 euro nella colorazione Gray.

MateBook D 14” nella configurazione R5-3500/8GB/512G SSD sarà disponibile a partire dalle prossime settimane presso i migliori negozi di elettronica di consumo e presso il Huawei Experience Store di Milano al prezzo consigliato di 699 euro nella colorazione Gray.

MateBook D 15” nella configurazione R5-3500/8GB/256G SSD sarà disponibile a partire dalle prossime settimane presso i migliori negozi di elettronica di consumo e presso il Huawei Experience Store di Milano al prezzo consigliato di 649 euro nella colorazione Silver.

Band 4 Pro è disponibile presso i migliori negozi di elettronica di consumo e presso il Huawei Experience Store di Milano nelle colorazioni Black e Red al prezzo consigliato di 79,90 euro.

Le promozioni per i notebook

Tutti coloro che preordinano MateBook D 14”, MateBook D 15” e MateBook X Pro 2019 fino al 12 febbraio, e concludono l’acquisto entro il 29 febbraio, riceveranno in regalo Huawei Watch GT 2 Matte Black. Fino al 29 febbraio i dispositivi della nuova gamma MateBook saranno venduti in abbinata con Microsoft Office 365 Personal.

Le offerte su Amazon

In questa pagina sono ospitate le offerte che Huawei sta attuando su MateBook X Pro e Matebook D attraverso Amazon. In dettaglio: