Gpu Turbo su Huawei P20 Pro: l’aggiornamento e i nostri benchmark

P20 Pro_Macro_Twilight_NORef
HyperFocal: 0

Un messaggio ci ha avvisati che sul nostro Huawei P20 Pro (di cui abbiamo parlato a fondo dell’innovativo reparto imaging) è disponibile l’update di Android contente correzioni ma soprattutto la tanto attesa modalità Gpu Turbo. Con questo aggiornamento si verifica un “cambiamento nel modo di guardare la grafica degli smartphone” aveva detto Richard Yu, Ceo della Consumer Business Group di Huawei.

Segnatamente l’aggiornamento è identificato dalla dicitura 8.1.0.152 (C432), quindi appartiene allo stessa major release finora utilizzata sul P20 Pro (8.1.0.131-C432), con l’aggiunta delle patch di sicurezza di luglio e l’attivazione della modalità Gpu Turbo che si abilita attraverso la nuova app Game Suite. La stessa modalità sarà di serie sul futuro Mate 20 con Kirin 980: in questa news abbiamo descritto le caratteristiche della prossima generazione di smartphone e di Cpu.

Cosa è Gpu Turbo

Con il Gpu Turbo lo smartphone mette l’acceleratore al reparto grafico sia in termini di forza bruta, incrementando i frame per secondo visualizzati (fps), sia in termini di qualità con la visualizzazione di immagini in Hdr. Ciò che succede è un innalzamento complessivo dell’efficienza di elaborazione per fare fronte alle app e ai giochi più impegnativi a livello grafico. In termini prettamente numerici, il Gpu Turbo dovrebbe portare benefici fino al 60% in termini di incremento delle performance e del 30% in meno rispetto ai consumi attuali. Il controllo della Gpu avviene a livello software.

Come funziona Gpu Turbo

L’ottimizzazione passa infatti dalla profonda sinergia tra hardware e software. Quindi non è solo un innalzamento delle prestazioni hardware ma pass anche da interventi sulla Emui, l’interfaccia di Huawei. Non a caso il primo smartphone ad aver ricevuto il Gpu Turbo è l’Honor 10, sempre animato dalla Emui per Android.

Più nel dettaglio, ciò che succede è “pulire” la coda di elaborazione di Android permettendo così l’accesso alla piena capacità di elaborazione della Gpu. Come dire che tutte le risorse del reparto grafico sono dirottate verso i giochi o le app che necessitano un supporto intensivo della grafica. Mettendo in stand-by le altre.

In questo modo la Gpu è in grado di erogare la massima potenza di elaborazione possibile, senza dover suddividere il tempo di elaborazione con altre app. La soluzione è interessante e innovativa, soprattutto perché tende a liberare il reale potenziale del Soc. Inoltre è un approccio che potrebbe essere replicato anche sugli altri smartphone Android. In questo caso il vantaggio di Huawei è di sviluppare sia il processore sia la personalizzazione del sistema operativo, così da avere la libertà di sviluppare interventi migliorativi anche a basso livello.

L’aggiornamento del P20 Pro

L’update 152 per il P20 Pro pesa circa 670 MB, quindi vi consigliamo di scaricarlo appoggiandovi a una Wi-Fi. L’installazione impiega circa 5 minuti. Non si nota nulla di diverso nell’interfaccia, tranne la presenza della Game Suite.

Questa scarna app ha un valore essenziale per sfruttare al massimo la Gpu Turbo. Innanzi tutto perché attivando la funzione “Accelerazione giochi” si abilita la modalità turbo. Con il grande tasto “+” si aggiungono le app e i titoli che sono accelerati. È utile sottolineare che Huawei non permette di inserire le app di benchmark, al fine di non sfalsare i risultati.

Abbiamo fatto “girare” Antutu v7.1.0 prima e dopo l’update. Le prestazioni sono passate da oltre 204mila punti a poco più di 195mila punti, segno che nell’atto pratico ci sono rallentamenti apprezzabili nell’utilizzo grafico dello smartphone in modalità standard, tuttavia si riduce l’impatto energetico complessivo.

Attivando la modalità di accelerazione dei giochi, abbiamo comunque eseguito un Antutu e le prestazioni sono schizzate a oltre 206mila punti.

Aggiungendo i giochi con la Game Suite e sfruttando appieno la Gpu Turbo è tutta un’altra storia. I titoli fanno un passo in avanti in termini di reattività e qualità: i primi minuti, quando si hanno ancora in mente le prestazioni precedenti, lasciano a bocca aperta. Poi ci si entusiasma per la reattività complessiva. La Gpu Turbo può anche essere impiegata con le app multimediali: è sufficiente aggiungerle alla Game Suite e tenere attiva l’accelerazione.

Altre funzioni utili

Anche le altre funzioni della Game Suite sono utili. La “Non disturbare” permette di disattivare messaggi e notifiche mentre si è cimentati nel gioco. Si può dunque scegliere se essere impegnati senza interruzioni, oppure venire disturbati solo in certi casi.

Infine, la parte bassa della Game Suite è completata dalla voce “Prevenzione tocco accidentale” che evita di interrompere l’azione toccando per errore i tasti funzione o quello home. Per riattivare il telefono basterà toccare un tasto per tre volte di seguito, per esempio il tasto home. Per la cronaca, di default sono bloccate anche le gesture con le nocche.