pixel fold
Razor

Google potrebbe avere deciso di non sviluppare il Pixel Watch, ma le attenzioni verso un presunto Pixel Fold sembrano essere ancora “on fire”. Considerando che è da circa un anno che Big G sta valutando se sviluppare un’edizione del suo smartphone di riferimento ma con schermo pieghevole, può essere che il 2021 sia l’anno giusto per debuttare in questo comparto di mercato. Addirittura il sito TheElec avrebbe la quasi certezza che Samsung inizierà la produzione di pannelli Oled pieghevoli a partire dal prossimo ottobre. E i pannelli non saranno dedicati solo ai device di Google ma anche firmati dai Vivo e Xiaomi.

Google non ha mai tenuto segrete le sue ambizioni sui telefoni pieghevoli; nel 2019 ha sottoposto richiesta di brevetto per schermi pieghevoli e ha ammesso di averne sottoposto a prototipo diversi modelli. Tuttavia, secondo Cnet, questa prototipizzazione non ha portato a vantaggi concreti e “casi d’uso”. Che poi è il concetto di fondo degli smartphone foldable: ottimizzare il software sulla base dell’hardware per assicurare all’utente benefici di utilizzo.

Le notizie più recenti sull’affaire Google-foldable sono stati pubblicati dal sito 9to5Google che è venuto a conoscenza di prodotti con nome in codice Passport. Riferimenti trovati all’interno del listato di Android 12, insieme con altri nomi in codice ritenuti i prossimi Pixel 6 e Pixel 5a 5G. Secondo TheElec, il Pixel pieghevole avrà un singolo pannello da 7,6 pollici che si piega verso l’interno, mentre il prossimo telefono di Vivo avrà uno schermo principale da 8 pollici e un display esterno da 6,5 ​​pollici. Non ha menzionato le dimensioni dello schermo del nuovo telefono Xiaomi.

Non è chiaro se un Pixel Fold sarebbe effettivamente dotato di un display progettato da Google stesso, anche se è possibile. In queste circostanze, Samsung agisce come un produttore a contratto per molte altre aziende, per esempio producendo alcuni dei processori di Apple. A ogni modo, una parte del sandwich dello schermo potrebbe ancora appartenere in gran parte alla stessa Samsung. ETNews riferisce che Samsung fornirà il suo vetro di copertura ultrasottile proprietario (che è tecnicamente realizzato dal produttore tedesco Schott) ad altri produttori di smartphone, tra cui probabilmente Google.

Xiaomi ha già annunciato un telefono pieghevole all’inizio di quest’anno, il Mi Mix Fold, ma sembra che ne avrà un secondo. TheElec riferisce inoltre che Oppo ritarderà la sua proposta pieghevole al 2022, con uno schermo principale da 7,1 pollici e uno esterno più piccolo tra 1,5 e 2 pollici in diagonale.