Collaborative Parking, la tecnologia per parcheggiare che riduce lo stress

Beko
  • Ford sperimenta Collaborative Parking la tecnologia che aiuta gli automobilisti a ridurre lo stress derivante dalla ricerca del parcheggio

Basta girare ore e ore per cercare un parcheggio. L’incubo, spesso quotidiano, potrebbe diventare un ricordo del passato grazie alla tecnologia Collaborative Parking che Ford sta sperimentando nel Regno Unito.

Secondo un nuovo studio condotto dal brand, gli automobilisti trascorrono, mediamente, più di un giorno all’anno alla ricerca di un parcheggio. La tecnologia, sperimentata proprio in questi giorni, visualizza gli spazi disponibili attraverso una mappa crowd-sourced che si rivela molto utile soprattutto nelle aree di parcheggio più strutturate.

Ford è tra i partner che si sono occupati dello sviluppo della tecnologia di Collaborative Parking nell’ambito del progetto UK Autodrive, supportato dal governo britannico e finanziato con oltre 20 milioni di sterline, che studia le possibilità di connessione tra veicoli, e tra veicoli e infrastrutture, con l’obiettivo di rendere la guida meno stressante e più sicura, di ottimizzare l’uso del tempo e migliorare l’efficienza nel consumo di carburante.

La tecnologia di Collaborative Parking è alimentata dai dati provenienti da sensori di parcheggio dei veicoli che lo stanno utilizzando. Questi contribuiscono all’aggiornamento della mappa che mostra, così, gli spazi liberi e può, inoltre, dialogare con i sistemi di monitoraggio dei parcheggi.

In precedenza, nell’ambito di altre sperimentazioni, Ford e i diversi partner del progetto Autodrive hanno presentato l’Emergency Vehicle Warning, in grado di avvisare gli automobilisti sulla localizzazione e la distanza di un veicolo di soccorso in arrivo, permettendo loro di posizionarsi sulla strada in modo più sicuro e aiutare polizia, ambulanze e vigili del fuoco a raggiungere più velocemente le destinazioni oggetto di intervento.