emporia

Il calcio in versione videogame è proiettato alla prossima stagione con il tradizionale duello tra Fifa e Pes. I due storici e più amati (nonché venduti) franchise hanno affilato le armi in vista dei lanci di settembre. Una sfida senza esclusione di colpi. O meglio a colpi di esclusive per accaparrarsi i diritti delle squadre in particolare della Serie A. 

La forza delle esclusive

Già perché la cosiddetta “licenza generale” non è più sufficiente. Fifa – pubblicato dalla statunitense Electronic Arts – e Pes – timbrato dai giapponesi di Konami – oltre alle principali leghe nazionali e dei campionati internazionali (leggi alla voce Champions League), hanno varato accordi esclusivi. Intese con i singoli club, per un “servizio” completo e curato. Proprio i giapponesi sono stati tra i primi a siglare accordi internazionali con Barcellona e Arsenal. A fronte di questo, pertanto, è successo che nessuno dei due competitor può avvalersi del bouquet completo delle squadre di ciascun campionato. In ciascun videogame ci sono “vuoti” o se preferite “buchi” riempiti con nomi d’arte, diciamo così. Ricordate il Piemonte Calcio (per intenderci la Juventus, ndr), ad esempio?

Fifa con le milanesi. Pes: c’è anche l’Atalanta

Giusto il tempo di archiviare lo scorso 23 maggio il campionato e Pes ha siglato un accordo con l’Atalanta. Che così dalla stagione 2021/2022, e dal videogame che arriverà tra circa tre mesi, sarà inserita solo all’interno di Pes.  Un accordo, quello con la formazione guidata da Gasp, che si unisce a quelli già perfezionati con Juventus, Roma, Lazio e Napoli. La squadra del presidente Aurelio De Laurentiis, comunque, solo dal campionato 2022/2023 sarà un’esclusiva totale di Pes. Intanto, però, il centro sportivo del Napoli dal prossimo 1° luglio sarà ribattezzato così: SSC Napoli Konami Training Center. Passando a Fifa, il best seller (perché tale è) firmato EA vanta due grandi esclusive. Quelle che si rifanno ai nomi di Inter e Milan. Nerazzurri e rossoneri sono vincolati da un’intesa pluriennale, al moneto intangibile. Tuttavia Fifa deve pensare di agire (per quanto possibile) perché dalla stagione 2022/2023 le succitate Juventus, Atalanta, Roma, Lazio e Napoli non potranno essere ufficialmente incluse nel videogioco con le denominazioni tradizionali, ma soltanto fittizie.