IWS21

Outbrain, una delle principali piattaforme di recommendation dell’open web, presenta un’analisi del fenomeno mediatico e sociale del momento: Squid Game. Ogni successo artistico ha una certa qualità indefinibile, un senso di meraviglia o di attrazione magnetica, che è difficile da quantificare. La portata sbalorditiva di Squid Game non potrà mai essere completamente compresa, ma la prima evidenza è che la storia giusta raccontata nel modo giusto a un pubblico che è pronto per essa può raggiungere un livello per cui i marketer dovrebbero lottare.

Nel caso esemplificativo di Squid Game, la serie drammatica distopica di produzione coreana prodotta e trasmessa in streaming da Netflix è divenuta in poco tempo un record non solo in termini di audience o di denaro ma anche in termini di mindshare del pubblico, che guida ogni successo.

Ci sono molte cose che i marketer possono imparare da Squid Game su come coinvolgere il pubblico e farlo innamorare del proprio brand o prodotto. Quali sono i takeaway che possono ispirare ogni campagna marketing? Eccoli:

Il design è importante (molto, come dimostra Squid Game)

Gli esperti di marketing sanno che il colore guida diverse emozioni, e l’uso di diversi colori può avere un enorme impatto su una campagna. Squid Game lo rende ancora più chiaro.

Uno degli aspetti impressionanti della serie è infatti il suo design visivo, che salta fuori e si attacca allo spettatore, una parte indelebile del carattere e dell’identità dello show. I creatori dello show hanno incorporato molti elementi che fanno riferimento all’arte familiare, come la tromba delle scale escheriana e le tute rosse di Money Heist. Questo è importante da notare, perché la familiarità è un modo potente per attrarre il pubblico. Crea un senso di comfort e di appartenenza, che sono la chiave per costruire la fiducia e aumentare l’affinità.

La serie usa i colori in modo intelligente, come se provenissero da una tavolozza predefinita. Gli sfondi sono pastelli, che contrastano efficacemente con il rosso vivo delle uniformi dello staff e il verde dei giocatori. I colori rafforzano il senso di fondo della storia – ambientazioni infantili innocenti in toni pastello chiari, colori diabolici per lo staff, e la speranza e il rinnovamento del verde per i giocatori per i quali facciamo il tifo!

Un altro elemento di design che merita una menzione sono i simboli semplici e puliti che rappresentano i giochi, e quelli sulle maschere delle guardie. Quando si tratta di creare loghi di marca, la semplicità è davvero importante. Fornisce allo spettatore una sorta di lavagna bianca su cui proiettare i propri sentimenti e percezioni, che è una grande parte della costruzione di un rapporto con un brand. Inoltre, è una buona lezione per ricordare ai marketer di semplificare il loro messaggio, solo rendendolo più facile da assimilare per i clienti.

Conosci il tuo pubblico attraverso i dati

“Conosci il tuo pubblico” è la prima regola del marketing. E ha dimostrato di essere una ragione fondamentale per l’incredibile successo di Squid Game.

Si dà il caso che la serie sia stata ripetutamente rifiutata dagli studi di produzione per quasi 10 anni. Nessuno voleva acquistarla, fino a Netflix.

Netflix è un’impresa guidata dai dati. Ogni volta che un utente sceglie un programma da guardare, smette di guardarlo, clicca su “Mi piace” o cerca un titolo, Netflix sta raccogliendo dati sui suoi interessi e preferenze. Questo non solo guida le raccomandazioni per quel particolare utente; l’enorme bacino di dati globali degli utenti fornisce un quadro dell’umore e degli interessi del pubblico generale, e persino dell’umore culturale generale. Si tratta di una guida potente, basata sui dati, che aiuta Netflix a prendere decisioni intelligenti su quali contenuti investire e promuovere.

Dieci anni fa, il mondo non era pronto per Squid Game. Due anni fa, Netflix ha usato i dati per prevedere che i tempi erano maturi, quindi ha corso il rischio che ha ripagato, alla grande. Questo dovrebbe ispirare i marketer di tutto il mondo a prestare molta attenzione ai propri dati, e usarli in modo intelligente nel futuro processo decisionale.

Il passaparola funziona: il caso Squid Game

Chiunque ha sicuramente sentito parlare molto di Squid Game. Non c’è modo di evitarlo. Questo è il potere del marketing del passaparola, e Squid Game l’ha raggiunto meglio di qualsiasi altro show nella storia.

Nel settembre 2021, l’analisi della popolarità dei contenuti ha mostrato che Squid Game era “lo show più richiesto al mondo”, raccogliendo 79 volte più interesse nelle discussioni e ricerche online di qualsiasi altra serie. ‘Squid Game’ spuntava ovunque: dai post di LinkedIn e dalle notifiche dei feed, ai discorsi a tavola, alle conversazioni ascoltate per caso sull’autobus o sul treno.

Si ritiene che il passaparola guidi non meno di 6 trilioni di dollari di spesa annuale in tutto il mondo. Essendo la natura umana quella che è, il passaparola è e sarà sempre la chiave per il successo nel marketing e nelle vendite. Squid Game è la prova del nove.

Squid Game, ovvero l’esibizione dell’essere diversi

Che si sia un brand, un’azienda o uno show televisivo, la cosa migliore che si possa fare è distinguersi. Netflix sta lavorando su questo, investendo sempre di più in serie fatte all’estero che sono molto diverse dal solito foraggio di Hollywood: Squid Game, Fauda, Money Heist, e la lista continua.

Diventare virali

Diventare virale non è necessariamente qualcosa che si può pianificare o prevedere. Anche Netflix potrebbe essere stata colta di sorpresa dal successo virale di Squid Game. Come ha detto un analista di strategia senior nel settore dello streaming, “Suppongo che i dirigenti [di Netflix] sapessero, a causa del talento che hanno usato, per via della regione in cui l’hanno rilasciato, che questo sarebbe stato un successo in Corea del Sud. Scommetterei molti soldi sul fatto che i dirigenti non avevano idea che sarebbe stato un successo globale”.

Squid Game ha dimostrato di essere la quintessenza della “viralità” contemporanea. Dall’uscita dello show, c’è stato uno tsunami su TikTok che hanno postato video di loro stessi mentre giocavano. Le menzioni di Squid Game sono esplose sui social network e su feed come Google Discover. Costante e continuo è stato l’aumento di visualizzazioni su YouTube del trailer dello show:

Anche se non si può mai forzare la viralità, si può fare la propria parte per incoraggiarla, come ha fatto Netflix con notifiche push, raccomandazioni e, naturalmente, ricordando all’infinito al mondo che Squid Game è lo show più popolare mai trasmesso sulla piattaforma di streaming. Anche quando la serie scenderà dal primo posto (sta già accadendo del resto), sarà comunque ricordata per aver battuto i record e smosso il mondo. Questo è il tipo di “virus” che ogni marketer auspica.

Squid Game, o l’arte di essere d’ispirazione

L’imitazione è la forma più sincera di adulazione, e nel marketing, se vieni ‘copiato’ allora sai di aver avuto successo. Il successo di Squid Game ha generato una serie di campagne di marketing ispirate dalla popolarità della serie. I brand si sono affrettati a coinvolgere il loro pubblico di riferimento con post sui social media, annunci e immagini che attingono a temi e immagini dello show. L’elemento chiave qui è il tempismo: i brand hanno dovuto muoversi velocemente per unirsi al carrozzone di Squid Game mentre era al suo picco. Fortunatamente, i simboli e le immagini dello show sono così caratteristici e semplici, che molti brand potevano facilmente mettere insieme una campagna a basso costo, progettata per attirare l’attenzione istantanea del pubblico con tempi di attenzione notoriamente bassi.

Alcuni brand hanno deciso di andare più pesante dei semplici post sui social media. RHB, il quarto gruppo di servizi finanziari in Malesia, ha persino emesso una Carta Visa in edizione limitata con il design della carta Squid Game.

Se vi siete persi il marketing che è intorno alla frenesia di Squid Game, tenetelo a mente per la prossima mania – agite in fretta e coinvolgete il pubblico con una campagna ispirata che capitalizzi i loro interessi proprio ora.