L’attività fisica paga. Anche in termini di sviluppo del business. A confermarlo sono i dati dell’ultimo report firmato dal The Global Wellness Institute. Il comparto che raggruppa gli ambiti del benessere psicofisico genera, infatti, oggi, un fatturato al consumatore di 828 miliardi di dollari a livello globale, a fronte di un deciso passo in avanti rispetto ai 595 miliardi della precedente rilevazione. A venire incluso in questo calcolo, non è soltanto il giro d’affari generato da attività sportive e ricreative, ma anche quelli di tutti i mercati correlati a quello del fitness: dall’abbigliamento al tech, passando per calzature ed equipaggiamento tecnico.

Un business per chi vuol crescere

Il comparto che raggruppa gli ambiti del Wellness genera, oggi, un fatturato al consumatore di 828 miliardi di dollari a livello globale
Il comparto che raggruppa gli ambiti del benessere psicofisico genera, oggi, un fatturato al consumatore di 828 miliardi di dollari a livello globale

Quello collegato all’attività fisica, dunque, rappresenta un mercato di profondo interesse per le aziende che valutano nuove direzioni di crescita. Il The Global Wellness Institute, infatti, evidenzia come, oggi, si attesti attorno al 35% la quota di popolazione mondiale che partecipa regolarmente ad attività fisiche e ricreative. Con il 90% della spesa legata a questo ambito che si sviluppa tra Nord America, Asia ed Europa. La media per anno di quanto ogni consumatore mette sul piatto è di 306 dollari, divisi tra i circa 136 dollari destinati alle attività e i circa 172 per equipaggiamenti e tecnologie. Quest’ultimi rappresentano valori generali che, poi, variano profondamente da contesto a contesto: come evidenziano perfettamente i 1.345 dollari spesi ogni anno da un nordamericano o i 528 dollari della media europea.

Italia nella top 10 del Wellness

Nella top 10 dei mercati dove si sviluppa la quota maggiore di business legato alle attività ricreative, c’è anche l’Italia. Il Bel Paese, infatti, si piazza all’ottavo posto nella speciale graduatoria, con un giro d’affari complessivo di 19,3 miliardi di dollari. Il dato tricolore, molto lontano da chi guida – i 264,6 miliardi di dollari degli Stati Uniti e i 109,3 della Cina –, permette comunque all’Italia di piazzarsi davanti a paesi come Canada (18,1 miliardi di dollari) e Australia (16,7 miliardi di dollari).

Nella top 10 del mercato Wellness, all'ottavo posto anche l'Italia
Nella top 10 di mercato, all’ottavo posto anche l’Italia

L’attività sportiva paga

Attività ricreative e sportive generano 2/3 del giro d’affari collegato al Wellness
Attività ricreative e sportive generano 2/3 del giro d’affari collegato al benessere psicofisico

Sono attività ricreative e sportive a generare 2/3 del giro d’affari collegato al benessere psicofisico, per complessivi 230 miliardi di dollari. Il 33% della popolazione globale vi si dedica regolarmente, spendendo in media 90 dollari l’anno. Tra i cinque paesi più attivi, a fronte di medie di partecipazioni superiori al 75%: Taiwan, Norvegia, Nuova Zelanda, Australia e Islanda. 

I risvolti tech del fitness

28 milioni di persone ogni anno sottoscrivono abbonamenti a servizi fitness on demand offerti online o via app
28 milioni di persone ogni anno sottoscrivono abbonamenti a servizi fitness on demand offerti online o via app

Spinning, cardio o crossfit: l’industria del fitness non solo cresce con rapidità, ma studia ogni giorno che passa nuovi approcci. Il report del The Global Wellness Institute indica che il 3,7% della popolazione mondiale spende 384 dollari di media l’anno per essere parte di una palestra, un club di fitness o partecipare a lezioni organizzate. In particolare, un dato di interesse è quello legato alle 28 milioni di persone che ogni anno sottoscrivono abbonamenti a servizi fitness on demand offerti online o via app. Il Nord America si conferma la patria dell’allenamento intensivo, con un mercato da 40,5 miliardi di dollari e il 29% della popolazione coinvolta, seguita dall’Europa, che vale un giro d’affari di 33,8 miliardi di dollari, ma a fronte di un coinvolgimento del solo 9,2%.

L’altra faccia del wellness: il benessere della mente

Se la pratica del wellness della mente conquista il mondo intero, il mercato si concentra sui paesi con maggiore disponibilità economica
Se la pratica della meditazione conquista il mondo intero, il mercato si concentra sui paesi con maggiore disponibilità economica

Un altro segmento che si va, di giorno in giorno, imponendo è quello del benessere per la mente. I numeri indicano di percentuali di coinvolgimento addirittura superiori (3,8%) a quelle del fitness, con una spesa media di 101 dollari l’anno. E se la pratica della meditazione conquista il mondo intero, il mercato si concentra sui paesi con maggiore disponibilità economica. Lo Yoga vanta una community globale di 165 milioni partecipanti, che generano un business di 16,9 miliardi di dollari. Tai Chi e Qigong coinvolgono 94,7 milioni di persone e un fatturato di 5,4 miliardi di dollari. Pilates, barre e altre discipline, infine, contano 28,9 milioni di utenti e 6,7 miliardi di dollari di giro d’affari.

Equipaggiamenti e tecnologia: tra wearables e servizi on demand

Il contorno che completa il tema del benessere psicofisico è quello legato ad equipaggiamento tecnico, vestiario e tecnologia. Abbigliamento e calzature valgono un giro d’affari mondiale di 333 miliardi di dollari, per business che sviluppano rispettivamente 198,2 miliardi e 134,6 miliardi di dollari. La tecnologia, invece, oggi è in rampa di lancio, a fronte di un business da 26 miliardi di dollari. Wearables e tracker rappresentano la quota maggiore del segmento, con 14,7 miliardi di dollari, streaming e servizi on demand, 6,1 miliardi di dollari, mentre le app generano 2,4 miliardi. 

Wearables e tracker rappresentano la quota maggiore del segmento Tech nel Wellness, con un giro d'affari da 14,7 miliardi di dollari
Wearables e tracker rappresentano la quota maggiore del segmento Tech, con un giro d’affari da 14,7 miliardi di dollari

Il futuro del mercato del wellness: occhi puntati su yoga e app

Gli orizzonti futuri del mercato legato all’attività fisica sono rosei. La proiezione al 2023 è di una crescita complessiva del giro d’affari del 6,6% per anno, per un fatturato che arriverà quasi a toccare i 1.140 miliardi di dollari. La zona Asia Pacifico supererà il Nordamerica come riferimento principe per il business. Mentre in termini di settori, si assisterà a uno sviluppo deciso dell’attività collegata al benessere della mente, il cui mercato raggiungerà i 52 miliardi di dollari, alla pari di una crescita importante del mondo Tech, che per quel che riguarda il wellness si assesterà su un giro d’affari appena sotto i 40 miliardi di dollari, a fronte di una proiezione di crescita media annua dell’8,6%.

Il business del wellness, nel 2023, punta a generare oltre 1.000 miliardi di dollari nel mondo
Il business del wellness, nel 2023, punta a generare oltre 1.000 miliardi di dollari nel mondo