Note 20 banner big

È importante aggiornare Android alla più recente versione con le correzioni al sistema operativo e le patch ai problemi di sicurezza. Soprattutto ora che è stato presentato Android 11 e ci si appresta a vederlo arrivare sugli smartphone in commercio. Nel pannello Impostazioni, tipicamente nella scheda Sistema, si trova la funzione “Aggiornamento di sistema” che usata con regolarità permette di scoprire se siano disponibili nuove versione di Android. Oppure pacchetti integrativi per correggere i criteri di sicurezza.

A seconda del brand, gli aggiornamenti possono arrivare con cadenza mensile, a volte anche con maggiore frequenza, oppure ogni 60 o 90 giorni. Dipende delle scelte del produttore e dalla complessità delle aggiunte eseguite sul sistema operativo. Per esempio, una delle variabili che fanno ampliare i tempi di rilascio degli aggiornamenti è rappresentata dall’interfaccia grafica. A fronte di profonde personalizzazioni, il produttore può scegliere di accertarsi che le novità introdotte da Google in Android non vadano in conflitto con le funzioni proprietarie. Queste verifiche richiedono tempo e questo dilata la frequenza.

Così gli smartphone della serie Pixel, essendo prodotti direttamente da Google, ricevono gli aggiornamenti costantemente, non appena sono disponibili per Android.

In ogni caso, per Google la questione si riassume nel concetto di “Bollettini sulla sicurezza di Android“.

C’è una pagina dedicata questo argomento nelle risorse online dedicate al sistema operativo. Si legge in questo contesto:

“Gli aggiornamenti mensili dei dispositivi sono uno strumento importante per mantenere gli utenti Android al sicuro e proteggere i loro dispositivi. Questa pagina contiene i bollettini sulla sicurezza Android disponibili, che forniscono correzioni per possibili problemi che interessano i dispositivi con Android. I produttori di dispositivi e chipset Android possono anche pubblicare dettagli sulla vulnerabilità di sicurezza specifici per i loro prodotti”.

Iniziamo dai suggerimenti di Google per mantenere in perfetta forma lo smartphone. Si trovano in questa pagina, nella quale sono elencati gli interventi da eseguire per verificare periodicamente gli aggiornamenti del sistema: https://support.google.com/android/answer/7680439?hl=it

Nella pagina dedeicata ai bollettini di aggiornamento, si trovano anche i link alle pagine di supporto di alcuni produttori:

Google: https://source.android.com/security/bulletin/pixel

Huawei: https://consumer.huawei.com/en/support/bulletin/

LG: https://lgsecurity.lge.com/security_updates_mobile.html

Motorola: https://motorola-global-portal.custhelp.com/app/software-security-page/g_id/6806

Nokia: https://www.nokia.com/en_int/phones/security-updates

Oppo: https://security.oppo.com/en/mend.html

Samsung: https://security.samsungmobile.com/securityUpdate.smsb

Dal canto nostro, aggiungiamo le pagine di supporto per gli aggiornamenti degli altri brand:

Wiko: https://customer-it.wikomobile.com/src/engine.php?to=launcher_imei

TCL: https://www.tcl.com/it/it/service-support-mobile.html

Xiaomi: https://c.mi.com/oc/miuidownload/index

Realme: https://www.realme.com/it/support/software-update

OnePlus: https://www.oneplus.com/it/support/softwareupgrade

Asus: https://icr-emea.asus.com/webchat/icr.html?rootTreeId=EMEA.ACIT.IT-IT&treeId=EMEA.ACIT.IT-IT.Phone&tenantId=IT-IT&language=en-us