Come abbonarsi a Iliad: tutto quello che c’è da sapere e gli errori da evitare

Siete rimasti colpiti dall’offerta rivoluzionaria di Iliad? Bene, allora è giunto il momento di passare al nuovo operatore italo-francese, che promette 30 GB di traffico e minuti/messaggi illimitati al prezzo sbalorditivo di 5,99 euro. Facciamo però il punto di come si può attivare la Sim, di come funziona la portability e di cosa include l’offerta per evitare sorprese.

5,99 euro al mese

La grande promessa di Iliad è mettere a disposizione un piano telefonico premium a un prezzo a dir poco aggressivo. Riassumiamo bene punto per punto cosa include la tariffa, l’unica prevista ad oggi:

– minuti e sms illimitati, non manca però un limite anti-frode per evitare che le Sim vengano utilizzate in contesti come call center, Sim-box e così via per finalità diverse dall’utilizzo personale. Di solito si tratta di ordini di grandezza delle migliaia di minuti e messaggi su base giornaliera;

– 30 GB di traffico dati solo per l’Italia alla velocità massima in download di 390 Mbps e in upload di 50 Mbps. Le reti sono quelle di Wind Tre, dunque la copertura è dettata da questa infrastruttura. Al termine dei 30 GB si applica la tariffa base (0,90 euro ogni 100 MB), senza rallentamento della velocità di navigazione;

– roaming in gran parte dell’Europa nei quali è possibile sfruttare messaggi e chiamate illimitate, tuttavia il traffico Internet si limita a 2 GB senza erodere il monte dati mensile previsto per l’Italia. In questo senso è stato detto in modo fuorviante che i dati disponibili sono 30+2 GB ma si riferiscono a due tipi di traffico diversi: 30 GB sul traffico nazionale, 2 GB sul traffico estero. Citiamo infine la possibilità di chiamare in 60 Paesi stranieri senza addebito, senz’altro un servizio utile.

Cosa include in aggiunta

La tariffa promozionale è destinata al primo milione di abbonati. Al raggiungimento del limite sarà applicata la tariffa effettiva pari a 9,99 euro al mese contenente le medesime condizioni e limiti di traffico.

Ci sono poi alcuni costi meno dettagliati. Ossia, l’operazione di attivazione prevede l’addebito immediato su carta di credito di circa 16 euro pari alla somma del primo canone (5,99 euro) e il costo della Sim (9,99 euro una tantum).

I servizi inclusi sono:
• Segreteria telefonica
• Mi richiami
• Piano tariffario
• Hotspot
• Controllo Credito Residuo
• Segreteria visiva
• Visualizza numero chiamante
• Controllo consumi
• Avviso di chiamata (se hai il numero occupato)
• Nessuno scatto alla risposta
• Blocco numeri nascosti
• Chiamate rapide
• Filtro chiamate e SMS
• Inoltro verso segreteria telefonica all’estero
• SOS Ricarica

Sono esclusi gli Mms, che vengono addebitati a 0,49 euro su carta di credito, e gli Sms premium che prevedono costi variabili a seconda del servizio. Nei Paesi stranieri non previsti dal roaming secondo quanto riportato qui sopra, si applicano tariffe che prevedono addebiti extra. Per esempio, in Svizzera le chiamate costano 0,18 euro al minuto, il traffico dati 0,06 euro al megabyte. Negli Stati Uniti i costi sono circa due volte e mezza. Il costo medio di roaming è di 2,99 euro per le chiamate e il traffico dati può superare i 10 euro al MB. Se andate fuori Europa, dunque, meglio informarvi bene sulle tariffe consultando questo documento http://www.iliad.it/docs/prezzi.pdf

Infine, ricordatevi sempre che (ripreso dal contratto ufficiale di Iliad):

In caso di mancato utilizzo o di mancata ricarica del credito sulla SIM Iliad per 12 mesi consecutivi, essa verrà disattivata. In tale eventualità, il numero telefonico resterà a tua disposizione per l’eventuale riattivazione del servizio sul medesimo numero nei 12 mesi successivi (fino a 24 mesi dall’ultima ricarica). Allo scadere di tale termine, la SIM non potrà più essere riattivata e Iliad potrà riassegnare il numero ad un altro utente.

Portabilità del numero

Se volete cambiare operatore e passare a Iliad, potete eseguire la portabilità del numero direttamente dal sito Web all’indirizzo https://registrazione.iliad.it/ selezionando “sì” alla voce per mantenere il numero attuale. A questo punto dovrete recuperare le informazioni relative alla Sim. Per Android vi basta scaricare questa app dedicata, mentre in iOS aprite subito il pannello Impostazioni/Generali/Info e tenete pronte le informazioni.

La procedura di portabilità avviene direttamente online senza ulteriori indugi, comodamente dal vostro smartphone, tablet o pc (consigliato). Tenete anche a portata di mano una carta di credito dove poter effettuare il primo addebito.

Iliad supporta i pagamenti via browser Web con i circuiti Visa e Mastercard, incluse le carte ricaricabili. Ciò di cui dovete anche preoccuparvi, più che di pagare i 16 euro a Iliad, è verificare le condizioni contrattuali con il vostro attuale gestore telefonico.

Per un momento frenate il vostro ardore da cambiamento e chiamate l’operatore per verificare che non ci siano penali oppure obblighi pendenti, per esempio nel caso in cui abbiate acquistato un dispositivo a rate o siate stati inclusi in offerte particolarmente vantaggiose. Queste condizioni comprendono anche l’obbligo di fedeltà al gestore per 24 o 30 mesi. Se effettuate il recesso anticipato dal contratto, fatto che avviene con la richiesta di passaggio a Iliad, potrebbe essere applicata una penale anche piuttosto salata.

Effettuate dunque le verifiche del caso, prima di avviare la procedura con Iliad. Perché, una volta compilato il form all’indirizzo di cui sopra, potreste incappare in sorprese ben poco gradite dal vostro attuale operatore.

Nuova Sim

Un altro modo per sperimentare Iliad consiste nell’attivare una nuova Sim. Dunque all’indirizzo https://registrazione.iliad.it/ è necessario rispondere “no” alla domanda se volete mantenere il vostro numero attuale.

Si attiva una procedura un po’ diversa da quella precedente, perché vi è possibile scegliere il numero preferito tra un elenco che propone una manciata di varianti e poi dovrete fornire i vostri dati personali. Infine, immancabile, avviene l’addebito su carta di credito o ricaricabile Visa e Mastercard.

In questo caso, sorge però l’obbligo di ottemperare al Decreto Pisanu sulla verifica certa dell’identità del possessore della Sim. Il processo di identificazione avviene in due modi. Durante la procedura di attivazione del numero si può scegliere se registrare sulla piattaforma di Iliad un video di presentazione e autenticazione dell’identità, oppure se lasciare al corriere l’onere di identificare la persona. Quest’ultima opzione è più comoda ma vi obbliga a essere presenti in caso di consegna della busta con la scheda telefonica e di presentare il medesimo documento digitato nel form online. Il Decreto Pisanu non è aggirabile: se non vi fate riconoscere in modo certo, non avrete la Sim.

Profilo personale

Alla fine delle due procedure, riceverete una mail contenente il vostro ID utente e la password per accedere all’area personale. All’interno di questa potete verificare subito lo stato di preparazione della vostra Sim. E, una volta attivata la scheda, eseguire le classiche operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, incluse le ricariche.

Attivazione ai punti Iliad

C’è un ulteriore metodo per attivare un nuovo numero oppure effettuare la portabilità: andare in un negozio Iliad oppure a un totem. La procedura è sostanzialmente identica a quella descritta in questa sede, solo avviene in un punto autorizzato dal gestore.

I negozi Iliad sono sei in tutta Italia (Milano, Venezia, Grugliasco -Torino-, due a Roma e Catania). A cui si sommano una quarantina di totem “fai da te” dove è possibile eseguire esattamente la medesima procedura via Web, con in più la possibilità di ricevere subito la Sim effettuando l’autenticazione immediata.

Se avete fretta, il totem o il negozio sono il vostro punto di partenza. Trovate la mappa qui: http://www.iliad.it/store-locator.html oppure chiamando il numero telefonico 177.

Iliad: le Simbox italiane sono legali. Vi spieghiamo perché