amd
Wiko

Dopo aver superato Intel con il 51% del mercato pc, grazie soprattutto alle ottime piattaforme per notebook, Amd rilancia proprio in questo segmento di mercato in cui è capace di fare la differenza con chipset potenti ed economici. Al Ces 2021 l’azienda ha portato la serie Ryzen 5000 Mobile, dedicata ai portatili di nuova generazione. Amd promette prestazioni “senza precedenti” con un impatto limitato sulla batteria al fine di assicurare un’elevata autonomia. Ryzen 5000 Mobile è già alla base dei nuovi notebook firmati da Asus, HP, Acer e Lenovo che saranno presentati nel corso del primo trimestre di quest’anno.

A completamento della gamma di prodotti con architettura “Zen 3” (7 nm), Amd ha anche presentato la serie Ryzen Pro 5000 Mobile studiati per garantire sicurezza e funzioni di livello aziendale. Nel corso del 2021, complessivamente per quanto riguarda la serie 5000 di Ryzen, Amd conta di avere installato la propria piattaforma su oltre 150 notebook consumer e aziendali.

ryzen

Le due famiglie di 5000 Mobile

Prendendo come base la differenziazione di prodotto della generazione precedente dei processori mobile, anche con la Ryzen 5000 Amd ha previsto due serie: H per i notebook ad alte prestazioni; U per i modelli ultra-portatili. Dunque, il punto di riferimento è rappresentato dalla gamma Ryzen 5000 H, perché per Amd sono la soluzione perfetta per offrire “straordinarie esperienze di gioco combinando prestazioni impareggiabili con una durata della batteria eccezionale”. Queste Cpu possono fare affidamento su geometrie fino a 8 core e 16 thread e sull’architettura Zen 3.

A gamer e creator è proposta la serie HX, che massimizzano le performance, mentre la variante HS permette di erogare una potenza di elaborazione in linea con la H ma in un form factor più sottile e leggero. Il top di gamma è rappresentato dal processore Amd Ryzen 9 5980HX che è capace di garantire un incremento del 23% delle prestazioni in modalità single-threaded e del 17% in multi-thread. I risultati sono comparati con i Ryzen 7 5980X e 9 4900H.

Gli utenti che non hanno esigenze così “spinte” in termini di prestazioni, possono trarre dai Ryzen 5000 U la perfetta combinazione tra efficienza e portabilità. Il top di gamma di questa serie è l’Amd Ryzen 7 5800U che offre incrementi fino al 16% in più di prestazioni a thread singolo e fino al 14% più veloce nel multi-thread (comparato con Ryzen 7 5800U e 4800 U) e un’autonomia di 17,5 ore in un ambito di utilizzo generale e fino a 21 ore di riproduzione di film con una singola carica (paragonato con Ryzen 7 5800U).

Come si nota nella tabella che riportiamo qui di seguito, il TDP non supera mai i 45 watt, nemmeno nelle versioni più potenti, mentre le configurazioni spaziano tra 4 e 8 core.

Il Ryzen per le aziende

Entro la prima metà di quest’anno saranno anche distribuiti i processori della serie Pro, studiati appositamente per le esigenze aziendali di collaborazione e gestione in ambito lavorativo. I processori mobili Ryzen 5000 Pro vantano criteri di sicurezza hardware di livello superiore che entrano in simbiosi con il sistema operativo e la piattaforma IT usata in ambito aziendale.