dating-vs-brexit-once

La Brexit occupa da tempo le prime pagine dei giornali per via delle sue implicazioni politiche e sociali, ma cosa significa per l’amore? Decine di migliaia di persone si scontrano con la possibilità di perdere il diritto di lavorare nel Regno Unito, per non parlare poi dell’essere espulsi dal paese in cui vivono e che condividono con il proprio partner. Per questo Once ha condotto una ricerca nel Regno Unito per capire come i cittadini britannici credono che la Brexit possa influenzare anche la loro vita amorosa.

L’amore non ha confini

Secondo i dati raccolti, tra i millennial britannici uno su sette pensa che sarà molto più difficile trovare l’amore dopo la Brexit. In aggiunta, quasi un terzo dei millennial intervistati si dichiara preoccupato che, dopo il fatidico 30 marzo, i vicini europei non vorranno più uscire con loro. Addirittura uno su dieci ritiene poi che anche per i cittadini dell’UE diventerà più difficile sposare un cittadino con passaporto britannico.

Inoltre, sebbene un quarto dei sudditi di Sua Maestà affermi che preferirebbe frequentare o sposare un connazionale rispetto a un cittadino europeo proprio a causa dell’incertezza legata alla Brexit, dai dati raccolti è emerso che i legami esclusivi tra cittadini britannici possano portare a una forma eccessiva di uniformità culturale. “Considerando che l’attuale popolazione del Regno Unito è di oltre 66 milioni, una predominanza di matrimoni esclusivamente tra connazionali sembra piuttosto limitante”, commenta Jean Meyer, fondatore e CEO di Once.

Con la Gran Bretagna prossima all’uscita dall’Unione Europea, Once ha quindi scelto di introdurre una nuova feature proprio per aiutare i propri utenti britannici a incontrare (e potenzialmente sposare) cittadini europei e sfuggire così alle spiacevoli conseguenze del temuto No-Deal.

Come funziona la nuova feature post-Brexit

Per aiutare i single ad affrontare questo possibile problema burocratico, Once ha scelto di introdurre una nuova feature post-Brexit per rendere più facili i rapporti (almeno d’amore) tra cittadini europei e britannici. D’ora in poi gli utenti di nazionalità europea e britannica potranno infatti selezionare le due opzioni “Sono un cittadino europeo” o “Sono un cittadino britannico” e filtrare i profili attraverso questa preferenza per ricercare la propria anima gemella.

L’amore ai tempi della Brexit

Dal prossimo 30 marzo il Regno Unito sarà fuori dall’Unione Europea, ma oltre al danno economico, la Brexit minaccia di dividere anche le coppie di europei e inglesi che hanno scelto di vivere il loro amore all’ombra del Big Ben. Tra i 700 mila italiani che vivono nel Regno Unito, moltissimi hanno partner britannici che diventeranno tecnicamente degli extra-comunitari, separati dalla propria dolce metà da una barriera legale. In caso di No-Deal, cioè di una Brexit senza accordi, tutti questi partner britannici potrebbero di fatto avere problemi a viaggiare in Europa, così come potrebbero perdere il diritto automatico a risiedervi e a lavorarci.

«Fight Brexit with Love»è il nuovo motto di Once”, commenta Jean Mayer, Ceo di Once. “Sebbene l’aggiunta di questa nuova feature sia una provocazione, è nostra volontà quella di porre l’attenzione su aspetti che la politica non prende in considerazione quando attua le proprie scelte ma che, in realtà, interessano tutti noi come il diritto di poter aver accanto la persona amata, sia essa inglese o no”.