avengers-endgame

22 film e decine di eroi: questi sono i numeri della prima decade dell’universo Marvel, che culmina con la chiusura della Serie 3 sancita da Avengers: Endgame. La Serie 4 partirà proprio dal nuovo episodio di Spider-Man, ossia “Far from home”. Ma nel frattempo bisogna chiudere questa prima ondata, con il preludio di Infinity War e la necessità di raccogliere tutte le questioni lasciate in sospeso affinché trovino un coerente flusso narrativo.

Infinity War è stato piuttosto scioccante per gli appassionati del Marvel Cinematic Universe originato dal primo Iron Man (tenete bene a mente questo fatto). Ma Endgame non riesce ad annodare proprio tutti i fili, anzi, ci sono alcune cose ancora penzolanti. Ecco dunque un elenco di situazioni che necessitano di analisi ben precise per essere comprese.

Avengers: Endgame, la giusta sequenza dei film Marvel da vedere per prepararsi al 24…

ATTENZIONE: SPOILER DA QUI IN AVANTI. SE NON AVETE VISTO IL FILM, NON VI CONSIGLIAMO DI PROSEGUIRE

Ma è un Google Pixel 3a quello che si vede nel diner?

Sì, è la versione migliorata e aggiornata del nuovo smartphone di Google che sarà presentato tra qualche giorno. null

Come mai Occhio di Falcio è così spietato in Endgame?

Nella realtà il personaggio di Clint Barton si “trasforma” da Occhio di Falco a Ronin, ma nel film questo non è spiegato. Ronin è un personaggio della saga più recente degli Avengers perché nel frattempo, in concomitanza di una serie di vicissitudini, Occhio di Falco è stato assunto da un vendicatore più giovane. Ronin ha doti e capacità superiori rispetto a quelle di Occhio di Falco, perché usa anche armi bianche ed è specialista della battaglia uomo a uomo con arti marziali. Una sorta di evoluzione più potente, completa e spietata.

In Endgame questo è spiegato con la scomparsa dell’intera famiglia, che lo porta a espandere le sue capacità. Ronin è anche un personaggio indipendente, non sempre allineato allo Shield e agli Avengers. Questo tratto è abbastanza ben delineato nel film, che però deficita di una costruzione più corposa e sapiente della trasformazione a Ronin (in definitiva, non è Occhio di Falco quello rappresentato in questa pellicola).

Cosa succede nei cinque anni?

Nella concitazione dei minuti iniziali si viene subito proiettati di cinque anni nel futuro, con l’universo abitato dai superstiti del tremendo atto di Thanos. Questa epoca è definita Decimazione, con gli Avengers superstiti a cercare di trovare senso alle giornate ma profondamente in crisi di identità. Questa trovata è funzionale per dare la scia alla costruzione di un ambiente contraddistinto da eroi spaventati e vendicativi verso Thanos.

Ma cosa è successo in cinque anni? Sostanzialmente nulla. Le persone rimaste hanno cercato di andare avanti ma sono segnate psicologicamente. Il mondo è una sorta di pianeta post-atomico distopico fatto da zombi o poco più che piangono gli assenti. Gli eroi sono allo sbando. Uno scenario postapocalittico che non lascia spazio di manvora agli Avengers: l’unica possibilità è ripristinare la situazione precedente allo schicco delle dita. Thanos spiega perché: bisogna iniziare da zero, da un nuovo universo che non ha memoria; finchè ci saranno persone che si ricordano il passato, vorranno solo tornare al passato e non guardano le opportunità del futuro. Sante parole.

Come la Fase 4 sosterrà il salto temporale?

In “Spider-Man: Far from Home”, l’ultimo della Fase 3 e il primo della 4, Peter Parker si trova in Europa. Nelle scene finali, Peter torna a scuola e ritroova i compagni. Questo significa che i cinque anni sono risigillati come nulla fosse? Il viaggio in Europa era già previsto oppure è frutto di una scelta successiva? Solo con questo film si capirà come il flusso temporale sarà gestito nell’universo Marvel.

Senza dimenticare che il secondo episodio di Black Panther porterà a consolidamento la Fase 4: come sarà affrontato il tema dei cinque anni senza il re di Wakanda? Chi l’ha governata? Come si sono svolte le cose nel frattempo? Domande a cui Endgame non risponde ma che sono alla base della prossima decade. Di fatto, è come fosse stato attuato un reboot dell’universo Marvel.

Ci sono due Captain America?

No. È il flusso semi-originale dei fumetti trasposto in carattere cinematografico. Steve Rogers sceglie l’amore all’eroismo (in effetti, ha già dato molto). Però nel frattempo c’era un secondo Captain America e la scena in cui quello del “futuro” si definisce membro dell’Hydra fa riferimento a un fumetto nel quale Cap ritorna bambino e si cela tra le fila dell’organizzazione vestendone i panni per eliminare Teschio Rosso. In questo contesto, i panni di Captain America sono vestiti da un altro eroe: come si vede nella scena di Endgame. Le vicissitudini narrate sono terreno fertile per portare al cinema Civil War II, nel quale ci sono due versioni di Steve Rogers (una buona, l’altra dell’Hydra) e nella quale ha la peggio Iron Man (che muore).

Dove è Loki?

Il grande assente di Endgame è Loki, in qualsiasi contesto della storia. Appare solo in una scena specifica, dove si impossessa della gemma e poi sparisce. Che fine ha fatto? Che questo abbia di fatto cambiato il suo destino rispetto alle sorti di Infinity War? La vicenda potrebbe essere foriera di una storia dedicata a Loki, che in virtù di quella manciata di secondi presenti sullo schermo potrebbe effettivamente avere alterato la linea temporale degli episodi precedenti di Thor… Che ora non sono più validi?

Nebula e Gamora

Dunque, questa è la parte più intricata. Ci sono due Nebula e una Gamora (l’altra è stata uccisa per avere la gemma dal padre Thanos in Infinity War). Gamora di questo episodio arriva dal passato, è ancora alleata del titano pazzo e quindi sparisce alla fine insieme ai cattivi (tant’è che risulta dispersa nell’astronave). Nebula del passato invece è uccisa da quella del presente, ma è un controsenso perché sono in contatto tra loro. Dunque, la Nebula del passato e quella del presente si fondono.

Nat non torna?

No, la Vedova Nera non può tornare. Non è stata uccisa da Infinity War ma si sacrifica per la gemma e quindi è morta nell’attuale linea temporale. Non può essere rimessa in vita dallo schiocco delle dita, che resetta la situazione creata da Thanos in cui Nat non era sparita. Nat è morta.

Infinty War è davvero successo?

Forse sì, forse no. Di certo il movimento temporale di Thanos mira a un secondo atto di distruzione più profondo. Infatti, capisce che Infinity War non ha senso perché l’unico modo per preservare l’universo non è dimezzarne le specie viventi ma ripristinare da zero la vita, elimiando la memoria del passato per godere del futuro. Infinity War non è successo nella nuova linea temporale: azzerato prima dallo schiocco di dita salvifico, azzerato dopo dall’assenza di Thanos.

Il guanto con le gemme dell’Infinito può riportare in vita Thanos?

Sì, il guanto è ancora disponibile (il Thanos del passato non lo ha distrutto, quindi è ancora nella linea temporale) e le gemme sono state riportate in sede. Chiunque potrebbe iniziare nuovamente la costruzione del guanto dell’Infinito annullando in un solo colpo lo schiocco di dita di Tony Stark, quello di Thanos e tutto il resto. Farebbe un reset in una zona narrativa totalmente differente dove né Infinty War né Endgame hanno mai avuto luogo.

Tony Stark è diventato cyborg?

Viene da pensare che Tony Stark abbia affidato la sua mente all’intelligenza artificiale che lo ha accompagnato fin qui. Il suggerimento arriva dalla scena finale e va molto oltre. Iron Man, a un certo punto della sua storia fumettistica, diventa un cybord. Dunque, potrebbe non sparire ma trasformarsi in qualcosa di diverso.

Dove è Vision?

L’altro personaggio mancante e Vision. In fonto, torna Wanda perché lui no? Sulla piattaforma di streaming Disney Plus sarà trasmesso WandaVision una serie con entrambi i personaggi Marvel. Il fatto è che Vision non è tecnicamente un essere vivente ma il combinato disposto di una gemma dell’Infinito e un cyborg. Tecnicamente non può tornare in vita e tecnicamente manca la gemma che l’ha generato. Nella linea temporale di Endgame. Non in quella precedente che si è creata dopo Endgame. E che ora ci siano due linee temporali è chiaramente indicato dall’anzianità di Steve Rogers. Dunque, Vision probabilmente deve ancora essere creato.

Perché Thor è così?

In forte crisi di identità per non essere stato all’altezza della sua divinità, preferisce travestirsi da un moderno Lebowski. Ed è geniale per dare nuovi stimoli narrativi ai Guardiani della Galassia.

Cosa è successo a Hulk?

Nella realtà dei fatti fumettistici, ci sono stati vari Hulk. Tra cui il più forte di tutti è quello che somma la forza di Hulk e il cervello di Bruce Banner. Questo è l’Hulk scelto per Endgame e che fa parte di una striscia importante. Di fatto è il compimento di un’evoluzione iniziata in Thor: Ragnarok.

Chi è il ragazzo sconosciuto al funerale?

È il bambino che ha incontrato e aiutato Tony Stark in Iron Man 3.

Captain Marvel risponde a tutte le domande sospese sugli Avengers