emporia

Un inno al gioco, una celebrazione dei giocattoli. Una simpatica filastrocca da imparare facilmente a memoria, scritta a più mani e frutto della collaborazione di oltre tre mila tra adulti e bambini. È il primo passo della campagna “Gioco per Sempre”, progetto di ampio respiro che celebra l’universalità del gioco firmato dall’associazione Assogiocattoli. A sostegno anche una promozione al consumo con un duplice scopo: premiare chi acquista giocattoli in negozio e sostenere la Croce Rossa Italiana con una piccola donazione che farà giocare i bambini meno fortunati.

La nuova campagna istituzionale

Il Manifesto di Assogiocattoli

Ben 32 anni fa, era il 1989, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò la Convenzione Onu per la tutela in tutto il mondo dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, cambiando definitivamente il modo di vedere i bambini dal punto di vista giuridico. Tra i tanti diritti riconosciuti, quello alla salute e alla libertà di espressione, ma anche all’istruzione e al gioco che, come un’attività artistica e culturale, contribuisce alla crescita e al benessere dell’individuo. Per l’occasione, Assogiocattoli – l’Associazione Italiana che rappresenta, con circa 200 iscritti, la quasi totalità delle imprese che operano nei settori giochi e giocattoli, prodotti di prima infanzia, festività e party – presenta il Manifesto di “Gioco per Sempre”, la nuova campagna istituzionale che si pone l’obiettivo di sensibilizzare le famiglie italiane sull’importanza del gioco dal punto di vista pedagogico, sociale e culturale. Ma anche di sradicare il concetto di stagionalità del giocattolo inteso come regalo legato a ricorrenze, compleanni o feste comandate, rendendolo uno strumento da usare durante tutto il percorso di crescita di ogni individuo.

Una Manifesto corale

Un Manifesto unico e molto divertente: un inno al gioco, una celebrazione dei giocattoli. E come tale, non poteva essere scritto da una sola persona, ma da tanti e di età diverse, perché giocano tutti, grandi e piccoli. Un Manifesto corale, a più voci e mani, scritto grazie alla collaborazione di oltre 3mila tra operatori della filiera – negozianti, distributori e agenti – bambini di ogni età, ma anche mamme e papà, nonni e zii, oltre a educatori di ogni genere e grado. E poi ludologi, psicologi e appassionati di gioco. Insomma, in tantissimi si sono messi in gioco nel vero senso della parola. E tutti insieme hanno dato vita a una simpatica filastrocca da imparare facilmente a memoria e canticchiare in leggerezza, oltre che un bellissimo poster da incorniciare e attaccare in cameretta. Perché in fondo giochiamo tutti e lo faremo per sempre, ne va della nostra felicità.

L’impegno di Assogiocattoli

È con questo spirito che Assogiocattoli celebra l’universalità del gioco e mette in cima alla lista delle azioni da mettere in campo la diffusione a tutto spiano di una sana cultura del gioco, partendo proprio dalle basi. E lo fa con i Play Days 2021, un concorso – in programma dal 19 novembre al 13 dicembre – che vanta un duplice scopo. Il primo è premiare le famiglie che acquistano giocattoli in negozio: basterà registrare i dati dello scontrino sul sito ufficiale dell’associazione per partecipare a un’estrazione che metterà in palio un buono da 500 euro da spendere proprio nel punto vendita dove il vincitore ha effettuato l’acquisto. Il secondo fine, il più nobile, è sostenere la Croce Rossa Italiana con un piccolo gesto che farà giocare i bambini meno fortunati: contestualmente alla vincita, infatti, Assogiocattoli farà una donazione di 500 euro in giocattoli che, tramite una rete di volontari, arriveranno direttamente alle famiglie più bisognose.