Sonos

Attività di charity. Ma non solo: giocattoli, intrattenimento e divertimento per tutta la famiglia, al fianco di importanti riconversioni nei processi produttivi per rispondere al fabbisogno di presidi medici. Stiamo parlando di 200 aziende che aderiscono ad Assogiocattoli l’associazione nazionale di categoria in Italia. In questa fase pandemica, le aziende del settore giochi e giocattoli, prima infanzia e degli addobbi natalizi non si sono tirate indietro. A nessun livello e sotto nessun profilo. Anzi, hanno messo in campo una serie di iniziative variegate: dalla creazione di canali online ricchi di contenuti pensati ad hoc per bambini e famiglie, a veri e propri gruppi di aiuto con esperti, dalle donazioni e raccolte fondi di ogni tipo alle riconversioni del ciclo produttivo atte alla creazione e distribuzione di diversi presidi medici di prima necessità.  

La visione di Assogiocattoli

“In un periodo difficile come questo, pieno di sacrifici, crediamo fortemente nella solidarietà, nelle unioni (che fanno la forza) e nei progetti capaci di intrattenere o regalare un sorriso”, ha spiegato Maurizio Cutrino, direttore generale dell’associazione Assogiocattoli. “Il gioco, che da sempre consideriamo un bene primario, uno strumento educativo oltre che puro divertimento, si sta dimostrando un valido alleato per le famiglie, per permettere ai bambini e ai loro genitori di trovare un po’ di serenità e di svago. Tutto quello che si può fare per alleggerire il peso emotivo di questi giorni ha un valore inestimabile, tutti dobbiamo trovare l’energia e la volontà per pensare al ‘dopo’, sapendo che sarà complicato ma che ancora una volta, insieme, si riuscirà a reagire”. 

Tutte le iniziative, azienda per azienda

Come accennato, sono state davvero numerose le iniziative promosse e attuate dalle aziende associate ad Assogiocattoli. Un segnale di attivismo bello, forte, che merita la massima attenzione. Per questa ragione abbiamo deciso di segnalare, azienda per azienda, tutto quello che è stato fatto in questa lunga fase di lockdown.

  • Asmodee: con l’iniziativa “Print & Play”, è stato rilasciato un set di giochi da tavolo scaricabili gratuitamente. Chiunque può stamparli e giocarli con la propria famiglia nella sicurezza della propria casa. 
  • Azzaro: oltre alla donazione di beni di prima necessità come baby food, pannolini, articoli per l’infanzia, sono davvero tanti i progetti attivi a supporto dei più piccoli e dei loro genitori. È stato anche dato il via al servizio a domicilio, mettendo in piedi una vera e propria catena di montaggio. 
  • Buzz Italia: devolvendo parte del ricavato di ogni acquisto effettuato su Family Nation alla Croce Rossa, solo nei mesi di aprile e maggio saranno più di 8mila le mascherine consegnate, per un valore di oltre 10 mila euro.
  • Chicco: #Next2you è una campagna di consulenza online su alcune tematiche di interesse diffuso, oltre che di intrattenimento. I contenuti – in continuo aggiornamento – sono sviluppati in collaborazione con esperti e professionisti come ostetriche, pedagogiste e nutrizionisti. Un supporto a distanza attraverso mini-video e format di domande/risposte con consigli, suggerimenti e brevi pillole per mamme in dolce attesa e neogenitori che in questo momento storico di emergenza non hanno la possibilità di prendere parte fisicamente ai vari incontri di accompagnamento alla genitorialità.
  • Clementoni: letture, idee creative e altri passatempi: #acasadascuola è una rubrica quotidiana su Instagram con contenuti dedicati ai piccoli di casa. Ogni giorno vengono proposti modi diversi di giocare e divertirsi: l’esercizio fisico, il disegno, il gioco con le app, la lettura e i lavori creativi. Insomma, tanti materiali, idee e suggerimenti coerenti al DNA Clementoni e messi a disposizione per passare il tempo in modo divertente e continuare a crescere a casa anche attraverso il gioco. Oltre a idee e consigli per essere vicini alle famiglie, l’azienda ha pensato di esprimere una vera e sentita vicinanza al mondo del bambino anche attraverso #bravibambini, un video per celebrare e ringraziare tutti i bambini che in questo momento sono veramente bravissimi. 
  • Crayola: grazie alla rubrica CIY – Create It Yourself adulti e bambini possono colorare e fare progetti tutti insieme, per esprimere le loro emozioni attraverso i colori e la fantasia.
  • Cybex: con focus sulla sicurezza, l’azienda ha pensato a diverse attività sui principali social network. In particolare, delle dirette streaming con diversi esperti durante le quali i genitori possono direttamente fare le domande che stanno più a cuore sul tema caldo della sicurezza in auto, a cominciare dall’attualissima questione dei sensori antiabbandono, che sicuramente si dovrà riconsiderare con attenzione quando si ritornerà a uscire con i propri bambini. 
  • Faber-Castell: in collaborazione con diversi artisti di talento, tra cui noti architetti, fashion designer, fumettisti e illustratori, è stata lanciata l’iniziativa #IColoriVinconoSempre, basata sui concetti dell’art therapy, ossia del disegno e del colore visti come sfogo creativo. Gli artisti coinvolti hanno omaggiato a tutti dei disegni in lineart scaricabili e stampabili per essere colorati a piacere da tutti i bambini. 
  • Gemar: fornendo un supporto concreto ed immediato, l’azienda si è subito mobilitata per sostenere il sistema sanitario e la ricerca attivando diverse forme di donazione. Mostrando molta vicinanza al territorio d’appartenenza, sono state donate diverse attrezzature medicali (ventilatori, un fibrobroncoscopio e una colonna endoscopica) posizionate direttamente nelle unità di Terapia Intensiva dell’Ospedale S.S. Trinità di Sora. In più, è stato lanciato il progetto #gemarflashmob, uno spettacolo virtuale a tema palloncini in diretta streaming per coinvolgere, interagire e intrattenere attraverso l’insegnamento e la condivisione di momenti di spensieratezza. In occasione della serata di lancio, per ogni spettatore è stato donato 1 euro al fondo globale dell’Oms. 
  • Giochi Preziosi: in collaborazione con la Fondazione Dottor Sorriso Onlus, sono stati distribuiti migliaia di Pasqualoni in decine di strutture con bambini in ricovero e in tantissime altre associazioni locali che sostengono le famiglie indigenti nel comprensorio del Comune di Bergamo.
  • Hasbro: la società ha lanciato la campagna internazionale Bring Home the Fun (in Italia “Porta a casa il divertimento”), un’iniziativa mirata a fornire ai genitori nuove risorse per tenere i bambini occupati durante il periodo da trascorrere tra le mura domestiche. Hasbro sta anche supportando Save the Children e No Kid Hungry nelle loro attività rivolte ai bambini e alle famiglie maggiormente in difficoltà, che includono la distribuzione di alimenti, libri e risorse educative. 
  • Inglesina: dalla collaborazione tra Inglesina e l’atelier tessile Creazioni Mario, forte della sua trentennale esperienza nella produzione di manufatti tessili, nasce un importante progetto di riconversione produttiva che porta alla realizzazione di oltre 3mila mascherine al giorno. La produzione viene data in beneficienza e destinata principalmente a enti e associazioni del territorio Vicentino (dove l’azienda ha sede) tra cui il personale civile dell’Azienda USSL 8 Berica, gli operatori locali della protezione civile, le forze dell’ordine e gli uffici pubblici.
  • Lego: Lego Group e Lego Foundation sono protagoniste di diverse iniziative. La prima è una donazione di 50 milioni di dollari volta a sostenere i bambini più bisognosi, garantendo loro di continuare ad apprendere attraverso il gioco, aiutandoli a sviluppare competenze fondamentali per tutta la vita. La seconda iniziativa, #letsbuildtogether, è pensata per attutire l’impatto della crisi sanitaria sull’educazione dei bambini. Per questo motivo sono stati radunati i designer, i creativi e gli esperti del gioco per dare nuove idee di costruzione, sfide quotidiane, costruzioni retrò e tutorial dal vivo con i fan di tutto il mondo.
  • Mattel: oltre ad aver potenziato l’invio di newsletter per offrire spunti e idee utili per far giocare in casa genitori e figli, solo in Italia sono state donate mille mascherine all’Ospedale Sacco di Milano (proprio come avvenuto sia in Spagna, sia in US). In più, è stata commissionata una ricerca (Playtime for Everyone) i cui risultati presentano gli effetti positivi che il gioco con i bambini ha su genitori e nonni anche in questo periodo di isolamento forzato. 
  • Prénatal: i beni di prima necessità per tutte le famiglie possono essere prenotati via web e poi ritirati in sicurezza tramite servizio drive-in, recandosi alle porte di molte sedi lungo lo Stivale. In più, la consegna degli ordini effettuati online è assolutamente gratuita in tutta Italia, Bimbostore compreso, che prevede anche aperture straordinarie per i beni di prima necessità. Ma non solo, sul sito di Toys Center sono attive la consegna gratuita per gli acquisti online e tante iniziative sui giochi più richiesti per divertirsi in casa. Per finire, con un gesto simbolico, sono state donate 50mila uova di cioccolato alla Protezione Civile e alla Fondazione Banco Alimentare Onlus. 
  • Quercetti: in collaborazione con la Protezione Civile sono stati donati giocattoli alle famiglie dei bambini ricoverati nel reparto Pediatrico del Regina Margherita di Torino.
  • Rocco Giocattoli: con un gesto di solidarietà e gratitudine sono state donate 6mila uova di cioccolato a diversi enti che prestano servizio nei settori della sanità, dei servizi sociali e di pubblica sicurezza, impegnati a contrastare la pandemia. 
  • Spin Master: il team di sviluppo del prodotto, partendo da un’idea semplice quanto efficace, ha trovato il modo di contribuire alla crescente necessità di attrezzature di protezione personale per gli operatori sanitari. Utilizzando gli inserti Pet del gioco in scatola “Essere o Non essere” (per le fascette) e le vetrine delle scatole (per lo schermo) l’azienda ha avviato la produzione di scudi protettivi – oltre 10mila al giorno – da donare agli ospedali. I primi pezzi sono stati consegnati agli ospedali di Toronto con l’obiettivo di continuare la distribuzione anche nel resto del mondo.