Note 20 banner big

L’Apple Watch oltre ogni record. Non contento di aver ricevuto la palma di prodotto best seller tra gli smartwatch venduti nel corso del 2019, il dispositivo del gigante di Cupertino ha messo a segno anche un altro curioso primato. Secondo le più recenti stime elaborate dalla società di consulenza americana Strategy Analytics, infatti, l’Apple Watch ha sbaragliato non solo la concorrenza degli altri produttori del mondo tech, ma per la prima volta su base annuale anche dell’industria orologiera più rinomata a livello globale: quella svizzera. Il report rivela, infatti, come nel 2019 siano state attorno alle 31 milioni le unità vendute da Apple del suo orologio intelligente, con un incremento del business del 36% rispetto all’anno precedente, quando i pezzi commercializzati erano stati 22,5 milioni. Allo stesso tempo, non si può dire che altrettanto bene abbia fatto l’industria orologiera svizzera, che nondimeno è in grado di presentare sul campo player dal forte impatto quando si fa riferimento al nome del brand: vedi i casi di Swatch, Tissot o Tag Heuer. Dalle stime di Strategy Analytics, gli orologi made in Swiss complessivamente spediti nel mondo hanno raggiunto quota 21,1 milioni di unità negli scorsi 12 mesi, in calo del 13% sul periodo precedente, dove a essere registrate erano state vendite per 24,2 milioni di pezzi. Steven Waltzer, senior analyst dell’agenzia di consulenza creatrice del report spiega i motivi alla base del sorpasso: “È un mix di attrattività nel design, tecnologia user-fiendly e applicazioni imprescindibili a rendere l’Apple Watch fortemente popolare in Nord America, Europa occidentale e Asia”. E Neil Mawston, executive director di Strategy Analytics, conferma: “Gli orologi da polso analogici rimangono popolari tra i consumatori più avanti con l’età, mentre gli acquirenti più giovani si stanno orientando verso smartwatch e orologi da polso computerizzati”. Waltzer, poi, conclude: “I produttori di orologi svizzeri tradizionali stanno perdendo la guerra degli smartwatch. Apple Watch sta infatti offrendo un prodotto migliore, con un’importante profondità a livello di canali di vendita e facendo leva su consumatori più giovani che desiderano sempre più tecnologia indossabile. La finestra per avere un impatto nel segmento degli smartwatch si sta chiudendo per i grandi marchi di orologi svizzeri. E le lancette corrono veloci per il futuro di Swatch, Tissot, Tag Heuer e tutti gli altri”.