Nikon

Già da qualche tempo si vociferava potesse accadere. Ora c’è la conferma ufficiale: Apple sta uscendo dal mercato dei router Wi-Fi. Una volta finite le scorte, non si cimenterà nello sviluppo dell’evoluzione dei prodotti esistenti. Quindi saranno abbandonate le gamme di prodotti AirPort e Time Capsule.

La conferma ufficiale è stata raccolta da Engadget attraverso un portavoce della Mela morsicata. Per fortuna l’azienda di Cupertino continuerà a garantire il supporto hardware e software dei modelli finora distribuiti, compreso l’aggiornamento dei firmware per risolvere i problemi di sicurezza. Quindi rimane tutto come ora, solo dopo la vendita dell’ultima unità non avverrà alcun aggiornamento della famiglia di prodotti.

Interessante notare come Apple sta preparando una sorta di guida all’acquisto per consigliare un elenco di router Wi-Fi consigliati per gli utenti di Mac, iPhone, iPad e così via.

Le ragioni che hanno portato la società californiana a terminare la commercializzazione della gamma AirPort è (nel momento in cui si scrive) del tutta sconosciuta. Di fatto sono prodotti senza valore aggiunto, il cui brand con la Mela morsicata non riesce a fare uscire dalla pericolosa scia del commodity. Va anche detto che la prima gamma di AirPort risale al 1999, quasi venti anni, molto prima di tanti brand diffusi oggi e quando la wireless Lan era una connessione poco conosciuta, costosa e dedicata a una elite di utenti.

Detto questo, non è detto che lo stop proclamato tramite Engadget non sia momentaneo. Potrebbe anche essere che Apple stia meditando un rilancio nel segmento, eventualmente passando dagli smart speaker. In quest’ottica HomePod potrebbe avere nel prossimo futuro un ruolo ben più esteso di speaker e assistente interattivo con Siri.