emporia

Evidentemente è considerato “magico”. Al punto da essere diventato introvabile. Già, il panno per pulire gli schermi messo in vendita al prezzo di 25 euro di Apple sta spopolando. Una riprova? Per i nuovi ordini, come riportato sulla pagina dedicata del sito, i tempi di consegna previsti dalla Casa della Mela variano tra le 10 e le 12 settimane: vale a dire tra dicembre 2021 e gennaio 2022. Potrebbe apparire strano o eccessivo. Una semplice curiosità. Ma forse la cosa merita attenzione. Il prodotto è stato annunciato in seguito alla presentazione di MacBook Pro da 14 e 16 pollici, i chip M1 Pro e Max e AirPods 3. Il panno per la pulizia di Apple – sempre stando a quanto diffuso – è realizzato in morbido materiale non abrasivo pulisce in modo sicuro ed efficace tutti i tipi di display Apple, ed è perfetto anche per il vetro con nano-texture. 

Apple, un altro bersaglio colpito

Ciò premesso due considerazioni. La prima: il panno per le pulizie di Apple è in vendita a un prezzo decisamente superiore rispetto alla concorrenza (specialmente quella “no brand”): eppure piace. Eccome se piace. La seconda: in molti avevano storto il naso, circa la proposta di questo prodotto. Immaginando che si trattasse di una “trovata originale”. Evidentemente così non è. Per carità, qualcuno può sempre credere che la casa di Cupertino abbia deciso di “far balenare” l’idea di shortage per guadagnarsi un po’ più di visibilità. Ma, forse, le cose sono molto più semplici di come le si vuole credere. Apple sembra avere fatto centro. Al limite, potrebbe avere sottostimato l’interesse, trovandosi ora a dover “rincorrere” la domanda. Ma il dato resta. Al pari dei prodotti tecnologici (smartphone, tablet, Mac, o accessori che dir si voglia) anche questo “gadget” pare aver fatto centro nel cuore dei consumatori. Ben al di là del mero prezzo di 25 euro.